Omelie 2019 di don Giorgio: SECONDA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

8 settembre 2019: II DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 5,1-7; Gal 2,15-20; Mt 21,28-32
I tre brani della Messa
Il primo brano della Messa è una delle più belle parabole dell’Antico Testamento: una pagina tra l’altro di un lirismo altamente simbolico, che prende la vigna per descrivere l’amore tradito di Dio da parte del suo popolo prediletto.
Il brano del Vangelo è un’altra parabola, ma di Gesù, una tra le più brevi e tra le più sconvolgenti, oltre che provocatorie. Il riferimento a Israele è esplicito, come è esplicita la messa in scena, per sostituirlo, di un mondo, quello delle prostitute e dei pubblicani, che farebbe ancora oggi scandalizzare gli ipocriti e i falsi devoti.
Il secondo brano, tolto dalla Lettera di San Paolo ai Galati, è altrettanto sconvolgente, se  lo leggiamo senza i soliti paraocchi. Non è di facile lettura, ed è proprio per questo che mi soffermerò a commentarlo, senza nulla togliere al messaggio del profeta Isaia e di Gesù Cristo.
“Noi che per nascita siamo Giudei e non pagani peccatori”
Partirei però da una frase che non mi è piaciuta, quando San Paolo scrive: «Noi che per nascita siamo Giudei e non pagani peccatori».
Forse l’Apostolo si dimenticava che la sua nascita non lo aveva risparmiato, prima della conversione al cristianesimo, dall’essere peccatore, più di qualsiasi pagano, e forse si dimenticava che Gesù Cristo aveva elogiato più volte alcuni pagani, denigrando invece l’ipocrisia delle religiosità ebraica.
Che significa allora «Noi che per nascita siamo Giudei e non pagani peccatori»? Ma scherziamo?
Associare il fatto di essere un pagano al suo stato naturale di essere un peccatore, ciò veramente è insopportabile e disgustoso. È come se oggi dicessimo: “Tu sei ateo, perciò sei da condannare come un delinquente proprio perché sei ateo!”.
Il privilegio per nascita è ancora uno degli insopportabili difetti che caratterizza lo Stato attuale d’Israele.
Nessuno in particolare nasce privilegiato, ma tutti, indipendentemente dalla razza o dalla religione, nasciamo come esseri umani, a cui è stato dato da Dio il diritto e il dovere di essere, oltre che corpo e anima, uno spirito divino.
Non vorrei insistere su questo, dal momento che in ogni omelia un accenno c’è sempre al nostro stato privilegiato (ma che è di ogni essere umano), dono di un Dio che non si fa schiavo di nessuna religione.
Il popolo d’Israele fin dall’inizio ha frainteso il fatto di essere un popolo eletto da Dio, non per fare il primo della classe, ma per servire tutti i popoli perché conoscessero e amassero l’unico Dio.
La Legge (Torah) e la fede in Gesù Cristo
Veniamo a ciò che San Paolo dice invece di interessante a proposito del rapporto tra la Legge (o Torah) e la fede in Gesù Cristo.
Per capire il pensiero di San Paolo, bisognerebbe fare la storia di quella che gli Ebrei chiamavano e chiamano la Torah, la Legge con la L maiuscola.
Dicendo Torah gli antichi ebrei pensavano ai primi cinque libri della Bibbia, chiamati il Pentateuco (da “penta”, cinque, e “teuco”, astuccio): i libri erano rotoli che venivano inseriti in astucci.
La Legge o Torah era una serie innumerevole di leggi, non solo di carattere morale, ma anche rituale e igienico. Non dimentichiamo che ciò che noi chiamiamo semplicemente un insieme di norme igieniche, per gli ebrei erano anche norme religiose, e l’intento era chiaro: costringere in nome di Dio, soprattutto quando gli ebrei vivevano in un deserto, a osservare le norme igieniche. Non osservarle diventava un peccato. Tra parentesi, non è che fosse tutto inventato: anche il corpo è un dono di Dio.
Un insieme ossessivo di leggi da osservare
Si era creato una tale meticolosità e una tale complessità di norme da rendere impossibile l’osservanza di tutte le norme, anche con il rischio, più che reale, di rendere infelice la propria esistenza e inoltre di trascurare il cuore della Legge, che è la sua funzione relativa al rispetto della dignità dell’essere umano. La Torah era diventata un peso enorme a danno della felicità e a danno dello stesso essere umano.
San Paolo insiste nel far capire che ogni legge, anche quella civile, è un mezzo e solo un mezzo in funzione della dignità dell’essere umano. La legge non è mai da prendere come fine a se stessa. Non è mai un fine. E può succedere che una legge che vale oggi, domani va sospesa perché le circostanze sono mutate, e osservarla potrebbe danneggiare il nostro essere.
Il fine delle leggi
Possiamo e dobbiamo allargare il discorso: ci chiediamo quale sia la funzione della legge. Ad esempio, lo Stato e la Chiesa emanano le leggi costringendo sotto minaccia i sudditi a obbedirle? perché emanano le leggi?
E tutti sappiamo che più leggi vengono emanate più legami di schiavitù vengono imposti. Non è vero che, emanando più leggi, si crea nella gente più maturità o responsabilità. Si rende la gente schiava delle leggi. San Paolo dirà: se non ci fossero le leggi non ci sarebbe la possibilità di peccare. Il peccato che cos’è? Una disobbedienza ad una legge. Togliamo le leggi, e non ci sarebbe più la possibilità di violare la legge.
Al tempo di Cristo si era arrivati al punto di avere un tale numero di leggi che era impossibile osservarle tutte, e Cristo le ha abolite tutte, tenendo un solo comandamento; amare Dio e amare il prossimo. Ed è successo la stessa cosa nella Chiesa. Ci fu un periodo storico in cui fu necessario stilare dei veri manuali di casi di peccato, per aiutare i confessori a risolverli di volta in volta.
Possiamo concludere con San Paolo: La legge uccide se stessa, ovvero la sua vera funzione che è quella di farci vivere in Gesù Cristo o, più misticamente, la legge ci uccide nel nostro essere interiore, la cui vera legge è lo Spirito santo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi