In Turchia nasce la diga killer della Mesopotamia

da AVVENIRE
6 ottobre 2019
Reportage.

In Turchia

nasce la diga killer della Mesopotamia

Anna Pozzi, Hasankeyf (Turchia)
La cittadina di Hasankeyf sarà evacuata e sommersa e con essa dodicimila anni di «storia dell’umanità». Così Ankara vuole attuare il piano idroelettrico nazionale
«Questa diga non distrugge solo villaggi, natura, fauna, ma anche uno straordinario patrimonio culturale. Che non riguarda solo la nostra storia: è la storia di tutti, è la vostra storia, la storia dell’umanità». Ridvan Ayhan, 56 anni, attivista e membro del collettivo “Keep Hasankeyf Alive” (“Tieni viva Hasankeyf”), si è battuto a lungo contro il progetto di una mega diga che allagherà una regione vastissima del sud-est della Turchia. È finito anche in prigione per un anno e mezzo. E ora che il conto alla rovescia è partito inesorabile, guarda desolato l’ampia valle che gli si apre di fronte, scavata dal fiume Tigri e, più sotto, la cittadina di Hasankeyf, che con i suoi 12mila anni di storia è il luogo-simbolo di una politica che calpesta una volta di più il popolo curdo e strappa le sue radici. Non solo: annega uno dei più antichi insediamenti della storia dell’umanità, dove ancora oggi sono visibili le tracce lasciate da assiri, medi, persiani, greci, romani, bizantini, arabi, ottomani…
La fine di Hasankeyf ha una data: 8 ottobre 2019. Martedì. È il giorno in cui tutti gli abitanti dovranno lasciare la città. E un pezzo di storia della Mesopotamia finirà per sempre. La diga di cui parla Ayhan si trova a un’ottantina di chilometri a sud-est di Hasankeyf, verso il confine con Siria e Iraq, nei pressi di Ilisu. Fa parte di un enorme progetto idroelettrico promosso dal State Hydraulic Works (Dsi) all’interno del più vasto Southerneaster Anatolia Project (Gap) che dovrebbe promuovere lo sviluppo di questa vasta regione, una delle più povere e arretrate del Paese. Quello di Ilisu è un progetto che risale agli anni Cinquanta, ma che è stato finanziato solo nel 1988. Le fondamenta della diga sono state messe nel 2006 e i lavori di costruzione sono cominciati nel 2008. È la seconda più grande della Turchia in termini di capacità d’acqua e la quarta per produzione di energia elettrica: dovrebbe arrivare a produrre 4.200 gigawatt di elettricità all’anno. E toglierà molta acqua anche alla Siria (di cui il Tigri segna il confine) e soprattutto all’Iraq, che ha già conosciuto stagioni di grave siccità.
«Con questa diga – fa notare Ayhan – la Turchia eserciterà un grande potere anche sui Paesi vicini. Il livello del fiume diminuirà sensibilmente nei prossimi anni. Si rischia una guerra dell’acqua». Quanto agli abitanti della regione, secondo Ayhan «non trarranno alcun vantaggio da questo progetto. Sono costretti a lasciare case e terre con compensazioni non sempre eque e adeguate. E dubito che in futuro possano godere dei benefici promessi dal governo». Non tutti sono d’accordo. C’è anche chi spera di farci qualche soldo, di potersi permettere una casa migliore o di avere nuove terre. Anche se quello della terra è un problema tuttora aperto. La maggior parte della gente, infatti, non ha certificati di proprietà. La terra viene trasmessa in modo consuetudinario di padre in figli. Tutti sanno a chi appartiene, ma spesso non ci sono documenti ufficiali. E questo crea paure e preoccupazioni.
Per il momento, quel che è certo è che non solo gli oltre 3mila abitanti di Hasankeyf dovranno andarsene nel giro di qualche giorno, ma circa 80mila persone di 199 villaggi della valle del Tigri saranno costrette a fare lo stesso, perdendo anche campi, orti e animali che garantiscono il loro sostentamento. Vicino alla diga, si sta già formando la prima parte del bacino artificiale. Dal villaggio di Temelli, situato in alto sulla collina, un anziano signore scruta le acque dell’invaso: «Mi sono assentato un paio di giorni e già si nota la differenza…». Il piccolo insediamento di Koçtepe, lì di fronte, è ormai semi sommerso. Hasankeyf, invece, proprio in questi giorni, pullula di gente: turisti, in grandissima parte turchi (ma c’è anche una coppia di coreani, un giovane australiano, dei francesi, un inglese, un polacco…) vengono a dare un ultimo sguardo a questa cittadina abitata ininterrottamente sin dall’epoca preistorica. Le viuzze strette del bazar risuonano di voci e rumori e risplendono dei colori di tappeti e manufatti, mentre le terrazze dei ristoranti che si affacciano sul Tigri servono i piatti tipici di questa terra a base di agnello, verdure, spezie, cocomero e melone a volontà in questa stagione luminosa e ancora calda. Più in basso, nelle acque del Tigri, hanno messo ombrelloni, sedie e tavoli: si può sorseggiare l’immancabile tè o una bevanda fresca con i piedi immersi in acqua. I turisti apprezzano frettolosi: scattano qualche foto, l’imperdibile selfie e se ne vanno.
Ahmed, invece, che è nato qui, non se ne vorrebbe andare mai: «Io sarò l’ultimo a lasciare Hasankeyf e dovranno costringermi a farlo», insorge. Suo padre è nato nelle grotte, scavate nella pietra calcarea della falesia che affianca il corso del fiume specialmente in quest’ansa del Tigri su cui si adagia Hasankeyf. Sono state abitate da epoche remote e sino agli anni Settanta molta gente viveva ancora lì. «Erano calde d’inverno e fresche d’estate», ricorda Ahmed. Poi un solerte primo ministro ritenne che, negli anni Settanta, tutto ciò non fosse più accettabile. E così la popolazione venne costretta a scendere più a valle. C’è solo una persona che vive ancora nelle grotte, Mehmet. Abita qui da 18 anni e si è sistemato niente male, con cucina, bagno, una stanza chiusa per l’inverno e una magnifica vista sulla valle. «Io da qui non me ne vado – dice mentre si occupa dei piccioni che alleva nella grotta di sopra –. Se mi costringono a farlo, torno alle mie montagne».
Lui della città nuova non vuole proprio saperne. È lì di fronte, sull’altra sponda del Tigri, costruita ex novo con casette tutte uguali e tutte grigie. Ci sono anche alcuni edifici più grandi, come l’ospedale, le palazzine per i funzionari pubblici, le scuole e un hotel… Hanno fatto persino un’università e un museo. La strada per arrivarci è ancora dissestata; tutt’intorno ci sono erbacce e sterpaglie. Difficile credere che sia un luogo aperto e fruibile. Invece è così. Per il momento, è allestito solo il pianoterra e racconta – con molti reperti, apparati didascalici e ricostruzioni di ambienti – la storia più antica di Hasankeyf e della regione circostante, quella che risale all’Età del bronzo.
Fa parte dell’Hasankeyf New Cultural Park, una sorta di distretto culturale dove sono stati trasferiti alcuni dei principali monumenti della città. Proprio di fianco al museo stanno ricostruendo la moschea della dinastia curdo-musulmana degli Ayyubidi del XIV secolo, mentre il minareto è già stato rimesso in piedi. Un altro, letteralmente tagliato a fette, giace adagiato poco distante. Anche il mausoleo di Zeynel Bey, straordinario esempio di architettura anatolica, è stato sradicato dalla piana in cui venne costruito da un sovrano turkmeno nel 1475 e riposto proprio di fronte alla nuova città che gli fa da sfondo con le sue case anonime.
Hanno trasferito anche una porta romana, l’hammam femminile del XV secolo, l’antico cimitero, mentre procedono i lavori per smontare l’antica moschea che si trova proprio di fronte al ponte costruito nel XII secolo dal Sultano Artuqide Fahrettin e sotto la fortezza bizantina. Ma se i resti del ponte finiranno sott’acqua, solo la cittadella rimarrà al suo posto. Le acque dell’invaso, infatti, non arriveranno a sommergerla. Anzi, secondo i piani di chi vorrebbe rilanciare il turismo ad Hasankeyf attraverso tour in barca, immersioni e trasferimenti in funicolare da una parte all’altra del fiume, il castello sarà una delle principali attrazioni. Da due anni, però, è chiuso al pubblico, ma scostando una porticina di ferro che chiude un ovile e arrampicandosi lungo un ripido pendio di massi alto oltre 60 metri e largo più di un chilometro – appositamente posizionati per “ingabbiare” l’intera collina – si riesce ad accedere a questa vasta cittadella. Da lì il panorama è ancora più ampio e suggestivo: abbraccia un lungo tratto del Tigri, l’antico ponte, la cittadina lungo il fiume, le grotte su entrambi i lati… Guzide, che ha fatto tante battaglie e proteste per salvare Hasankeyf, è ammirata e sconsolata al tempo stesso. «Quest’area è la Mesopotamia; qui è nata la civiltà, qui c’è una storia antichissima. Non basta un progetto elettrico per far sparire tutto questo…».

 

1 Commento

  1. bartolomeo palumbo ha detto:

    NON CI SONO PAROLE PER FARE UN COMMENTO A UNA TALE DISGRAZIA!!!!!Lo so che e’ un’utopia, ma il salvaguardia della civilta’ dovrebbe avere il primato sull’interresse di qualsiasipaese.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi