In coma etilico già a 12 anni. «Più a rischio le ragazzine»

dal  Corriere della Sera
L’inchiesta
8 gennaio 2020

In coma etilico già a 12 anni.

«Più a rischio le ragazzine»

Gli esperti: in età di sviluppo l’alcol è devastante anche in piccole quantità
di Giusi Fasano
A volte è birra, più spesso rum, vodka, cocktail… È sempre più frequente che al Pronto soccorso arrivino ragazzini che hanno in corpo più bicchieri che anni di vita. Quando va bene straparlano fra nausea e capogiri, barcollano o, nei casi più gravi, sono stesi sulla barella privi di conoscenza, cioè in coma etilico, con rischi di danni neurologici permanenti. Hanno 14, 13, perfino 12 anni. A Bolzano, per dire: fra la mezzanotte del 31 dicembre e le 8 del giorno dopo, all’ospedale San Maurizio sono stati ricoverati nove minorenni per grave abuso di alcol. Fra loro una ragazzina di 12 anni in coma etilico. «Spaventoso», è il commento del primario del Pronto soccorso, Mario La Guardia. «Avevano tassi alcolici fino a cinque volte superiori ai limiti di legge». Che poi: i limiti in questione si riferiscono a persone adulte, non certo a ragazzetti che non sono in grado di metabolizzare nemmeno un bicchiere di vino.

Da Nord a Sud

In Sardegna, sempre pochi giorni fa, è stata una tredicenne a finire in coma etilico, a Cagliari. L’hanno trovata per terra, in stato di incoscienza, circondata da altri coetanei il più sobrio dei quali era quantomeno alticcio. Aveva un anno di più un’altra adolescente soccorsa al Policlinico di Pavia dove è arrivata senza sensi, sempre a capodanno. E ancora: Terni. Coma etilico per tre minorenni di 14, 15 e 16 anni. A Napoli per la prima volta l’arrivo di un nuovo anno è stato salutato con più ricoveri per l’eccesso di alcol che per le ferite da petardi o botti. E anche stavolta molti sono adolescenti. Fiorella Paladini, responsabile del pronto soccorso del Cardarelli dice che «se in passato vedevamo diverse giovani vittime delle droghe, oggi ce li troviamo qui, ubriachi, dopo una serata in discoteca». I suoi colleghi Luigi Sparano e Corrado Calamaro, medici di medicina generale, sono convinti che a Napoli il binomio alcol-giovanissimi «sotto i 16 anni» sia «ormai una vera emergenza sociale. Ogni fine settimana — dicono — ne arrivano negli ospedali sul filo del coma etilico rischiando perfino di non cavarsela». La percezione del problema è arrivata chiara anche alle famiglie che tre giorni fa hanno messo in piedi un «Comitato genitori no alcol», gruppo facebook che ha già raccolto centinaia di adesioni e che è capeggiato dall’avvocato civilista Gerardo Avallone. Lo scopo è organizzare ronde o, per dirla con l’avvocato, «controlli all’esterno dei locali: due genitori per ogni locale che ha la fama di vendere alcolici ai minori». Chi lo fa forse ignora che la legge (art.689 del codice penale) prevede l’arresto e fino a un anno di reclusione.

I numeri

Nell’ultima relazione al Parlamento del ministero della Salute — quella che riguarda i dati 2018 — c’è scritto che dei 38 mila intossicati dall’alcol arrivati al Pronto soccorso, il 17 % ha meno di 14 anni. E che fra i 15 e i 17 sono in crescita i casi di «binge drinking», l’abbuffata alcolica finalizzata a ubriacarsi. Finiscono in ospedale più spesso le ragazze dei ragazzi perché gli enzimi del fegato femminile hanno meno capacità di metabolizzare l’alcol. E comunque la non-metabolizzazione comporta rischi elevati (anche a fronte di piccole quantità di alcol) almeno fino a 21 anni, perché fino a quell’età (su un fisico non ancora formato) l’alcol non assorbito circola così com’è e causa intossicazioni. Interagisce con i neuroni e ne pregiudica il funzionamento, per esempio, con possibile perdita di memoria e orientamento.

I danni

Se gli si chiede perché i giovani e giovanissimi arrivano a bere così tanto, Emanuele Scafato — direttore dell’Osservatorio nazionale alcol dell’Istituto superiore di Sanità — risponde che «molto dipende dalla struttura della famiglia», che per gli adolescenti spesso «l’alcol ha valore disinibente», che alcuni (specie chi si sente a disagio in gruppo) lo vede come una sorta di pozione magica per migliorare le capacità di interazione e seguire quel che fa il gruppo. Maurizio Tucci, presidente di Laboratorio Adolescenza di Milano, spiega che «in effetti il condizionamento del gruppo è molto più forte per l’alcol che per il fumo e lo è di più per le ragazze che per i maschi». Ancora il dottor Scafato: «Tutte le evidenze ci dicono che più si è giovani nell’avvinarsi all’alcol più si rischia di sviluppare dipendenza. Quando si dice “perdere il controllo” si intende perdere razionalità, coordinamento, pianificazione. Significa diventare impulsivi e inconsapevoli. Ecco. L’alcol fa tutto questo perché stacca la corteccia prefrontale, quella, appunto, della razionalità e del controllo. No razionalità uguale no percezione del rischio. E quindi, per dirne una, vado a 150 km orari dove dovrei andare a 50». Il ragazzo che l’altra notte, ubriaco, ha ucciso sette turisti tedeschi in Valle Aurina aveva un tasso alcolemico nel sangue pari a 1,97 contro lo 0,50 di livello massimo consentito per mettersi alla guida. Quattro volte tanto. Ne aveva di più la dodicenne in coma etilico di Bolzano: 2,65.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi