La 194 ancora oggi è considerata una delle leggi sul tema più valide al mondo

da Democratica
Alessia Bausone
28 marzo 2018

La 194 ancora oggi è considerata

una delle leggi sul tema più valide al mondo

Secondo il rapporto appena pubblicato “Abortion Worldwide: Uneval Progress e Unequal Access” in seguito alla legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza in Italia, i tassi di aborto sono diminuiti

Quest’anno la legge 194 compirà i suoi primi 40 anni. Una legge presentata dal PSI nel 1971 che ha portato alla fine di pratiche denunciate a suo tempo dall’Unesco, ossia dei cosiddetti “cucchiai d’oro”, ginecologi che facevano abortire le donne in maniera clandestina previo lauto compenso e delle più economiche mammane, “donne che aiutavano le donne”  con l’infuso di prezzemolo, che provoca emorragie e con i ferri da calza; senza sicurezza, senza competenza, senza sapere come affrontare le
complicazioni.

La 194 continua ancora oggi ad essere discussa e osteggiata sul piano non solo ideologico-culturale, ma anche giuridico. Nonostante un referendum nel 1981 e i 35 ricorsi di asserita incostituzionalità, da ultimo quello del 2012 sollevato dal Tribunale di Spoleto che adduceva la “violazione dei diritti dell’embrione” sulla base di una interpretazione maliziosa della giurisprudenza europea, il suo impianto ha totalmente retto, con buona pace dei suoi detrattori.
E c’è un motivo del perché è considerata una delle leggi sul tema più valide al mondo, è antiproibizionista. Frutto, quindi, di un antiproibizionismo non militante, ma lungimirante, associato alla depenalizzazione, in certe determinate circostanze, della condotta abortiva, che è stato di grande impatto sui modelli allora radicati nella società italiana che vedevano la donna come un angelo del focolare che trovava la propria realizzazione individuale nella sola maternità e in funzione della famiglia con a capo il marito/padre.
Secondo il rapporto appena pubblicato “Abortion Worldwide: Uneval Progress e Unequal Access” in seguito alla legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza in Italia, i tassi di aborto sono diminuiti progressivamente da un picco di 16,9 aborti per 1000 donne in età riproduttiva nel 1983 a 9,8 per 1000 nel 1993.
Questo perché l’obiettivo, raggiunto, della legge era ed è quello di uno Stato e di istituzioni che non lascino mai sole le donne, portando avanti con forza «il diritto ad una procreazione cosciente e responsabile, insieme con il riconoscimento del valore sociale della maternità», come si legge nell’articolo 1.
Qual’è invece il problema di più stretta attualità che può intaccare maggiormente i diritti e le prerogative enunciati dalla legge? Chiaramente un corretto bilanciamento tra il diritto all’obiezione di coscienza previsto e l’obbligo posto in capo alle Regione di garantire la continuità assistenziale, anche ricorrendo alla mobilità del personale.
Un vulnus, quest’ultimo, che ha portato il nostro Paese ad essere condannato per ben due volte dal Comitato europeo per i diritti sociali del Consiglio d’Europa per violazione della Carta Sociale europea che tutela la salute della donna e il diritto al lavoro del personale non obiettore.
Un serio problema nella realtà applicativa della legge che vede la sua peggiore estrinsecazione a Crotone e provincia, dove negli ultimi 5 anni l’ISTAT  ha stimato che non si sono effettuate interruzioni di gravidanza, per assenza di personale non obiettore.
Fortunatamente un legislatore calabrese attento ha varato a fine 2016 apposite norme “sulla corretta applicazione della legge 194 sul territorio regionale” che prevedono, appunto, la mobilità e la riorganizzazione del personale all’interno delle aziende sanitarie provinciali e delle aziende ospedaliere.
Ma la strada è ancora lunga e vicino a noi, in Polonia, le migliaia di donne che stanno manifestando in queste ore contro il progetto di legge che prevede la totale abolizione della possibilità di abortire (anche in caso di gravi malformazioni del feto), sono state additate  come “lesbiche assassine di bambini”. Un triste ritorno al passato.

 

1 Commento

  1. Giovanbattista ha detto:

    esterrefatto.
    Anche questo in linea col Valgelo ?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi