I migranti fuggono dalle nostre guerre

da l’Espresso
OPINIONI
Roberto Saviano
L’antitaliano

I migranti fuggono dalle nostre guerre

I conflitti nei paesi poveri sono alimentati dalle armi che l’Occidente produce ed esporta. Ma non vogliamo farci carico delle conseguenze
Chi ragiona sulla vita dei migranti che arrivano in Europa, spesso liquida la questione ritenendo che chi parte avrebbe in realtà davanti a sé almeno due opzioni: partire, appunto, ma anche rimanere. Si calibra ogni giudizio sulla propria esperienza, si fatica a comprendere che la condizione media di un europeo non è paragonabile a quella di chi nasce in uno qualunque dei paesi da cui ha origine l’esodo. Misuriamo le partenze sulle nostre partenze e le ragioni che spingono le persone a cercare una vita migliore, sulle ragioni che portano chi conosciamo a lasciare magari il sud Italia per il nord Italia alla ricerca di un contratto decente di lavoro, o l’Italia per il resto del mondo per provare a non restare precario e sottopagato a vita.
Noi italiani siamo migranti economici. Tutti gli italiani che conoscete e che hanno lasciato il loro luogo di origine, lo hanno fatto per ragioni unicamente economiche. Da noi non esistono persecuzioni religiose, etnie oppresse, discriminazioni di massa legate alla propria sessualità, o meglio esistono, ma non si finisce in galera per queste. Non si viene banditi dalla società perché non si riesce ad avere figli, non si viene condannati, lapidati, vessati perché si è compiuto adulterio. Da noi non si usa lo stupro come arma di guerra, da noi si partorisce negli ospedali e se si sta male si viene gratuitamente curati. Da noi la scuola è garantita a tutti ed è obbligatoria, da noi ci sono leggi e ci sono forze dell’ordine e magistrati che hanno il compito di farle rispettare. Da noi c’è tutto questo, eppure quanto vorremmo che le cose andassero meglio? Pensiamo che molto di ciò che ci circonda non funzioni o funzioni male, e spesso abbiamo ragione a crederlo; riteniamo che si possa amministrare meglio, gestire meglio le risorse economiche, che si possa arginare la piaga della corruzione e che le mafie non siano contrastate in maniera efficace. Abbiamo idee abbastanza chiare sulla realtà che viviamo ma, al tempo stesso, non abbiamo alcuna idea su come le cose funzionino altrove, eppure crediamo di saperne abbastanza per poter dire: «Voi che volete accogliere tutti in Europa, perché invece non li aiutate a casa loro?».
A oggi, gli unici a portare aiuto nelle aree del mondo da dove le persone partono con la speranza di un futuro migliore sono le Ong e le organizzazioni religiose. Punto. Gli Stati nazionali l’unica cosa che riescono a esportare non è aiuto, ma armi. E come possiamo, mi domando, esportando armi, non farci carico delle conseguenze?
I dati che fornisce il Sipri (Stockholm International Peace Research Institute) sulla vendita di armamenti, nel suo ultimo rapporto, è illuminante. Il Sipri prende in esame le esportazioni e le importazioni globali di armi esaminando l’andamento del mercato nell’arco di 5 anni. Paragona inoltre l’ultimo quinquennio a quelli precedenti e questi dati ci danno informazioni cruciali per capire qual è la direzione verso cui ci muoviamo.
Il trend di import-export di armamenti nel rapporto 2014-2018 ci dice che rispetto al quinquennio precedente il volume è aumentato del +7,8 per cento e del +23 per cento rispetto al quinquennio precedente ancora. Le armi continuano a essere vendute e il mercato è in costante aumento: a cosa pensiamo che servano le armi? Come crediamo che si possano gestire situazioni di conflitto in presenza di un massiccio arrivo di armi? E riusciamo a farci un’idea su chi siano le prime vittime dei conflitti in cui viene fatto uso delle armi che gli Stati Uniti, la Russia, la Cina e l’Europa producono ed esportano? Non ci rende meno colpevoli sapere che l’Italia è attualmente “solo” al nono posto tra i primi dieci esportatori globali di armi. Non ci rende meno colpevoli sapere che la fetta di mercato che ha l’Italia è del 2,3 per cento, non ci assolve l’informazione che il mercato delle armi italiane ha subìto una contrazione (-6,7 per cento). Le nostre armi arrivano principalmente in Turchia, in Algeria e in Israele. Il Medio Oriente è l’unica area del mondo dove le esportazioni di armi continuano ad aumentare e l’Italia contribuisce a questo aumento, così come un’arma su due diretta in Africa va in Algeria.
Perché crediamo, noi europei, di poter impunemente esportare guerra senza doverci far carico di chi paga, sulla propria pelle, le conseguenze?

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi