Chi è davvero Armando Siri?

www.rollingstone.it

Chi è davvero Armando Siri?

Da giovane craxiano a dimissionato da Conte, passando da Sgarbino di Telegenova, storia di un politico sopravvissuto (o quasi) a tutte le Repubbliche
di MATTEO MUZIO
Per i costituzionalisti, la Repubblica Italiana non è mai cambiata. Siamo sempre alla Prima. Soltanto i partiti sono crollati, ma la sua struttura è rimasta intatta. E se i totem come Craxi, Andreotti e Forlani hanno avuto una caduta più o meno rovinosa ma di sicuro fragorosa, altri hanno attraversato indenni i vari crolli di sistema politico. Uno di questi è Armando Siri, sottosegretario delle infrastrutture al centro di un’intricata vicenda politico giudiziaria che minaccia di allargare il divario tra i due partiti di governo. Ma non è questa la sede per trattare di ciò.
Per capire meglio il personaggio, bisogna andare nella Genova di inizio anni ’90. Prima di Tangentopoli. Nel 1990 viene eletto come sindaco Romano Merlo, esponente dei socialdemocratici del Psdi, alla guida di una coalizione dal nome poco esaltante di “Alleanza Riformista per Genova”. La novità era che i socialisti, su mandato di Bettino Craxi, abbandonavano la formula del Pentapartito per provare un’inedita alleanza tra Pci, Psi, repubblicani del Pri e appunto i socialdemocratici. Una brevissima stagione di tentativi di unità a sinistra, poi sepolta dai rancori di Mani Pulite. Qui un giovanissimo Armando Siri, poco più che ventenne, viene eletto segretario dei giovani socialisti liguri, e diventa vice del leader nazionale della gioventù craxiana Luca Josi, anche lui ligure. Poi, all’improvviso, il crollo.
Il partito architrave della politica nazionale collassa non solo al centro, ma anche in provincia. L’impopolarità dei suoi esponenti è tale che moltissimi devono ripensare le loro vite e abbandonare la politica. Lo stesso fa il giovane Siri. Sa parlare davanti a una telecamera e ricorda da lontano il giovane Vittorio Sgarbi, che ha qualche anno più di lui. Anche per questa somiglianza gli viene assegnato sulla tv locale Telegenova una rubrica quotidiana, La Bocca della Verità, con la quale polemizza contro il centrosinistra della Seconda Repubblica, ormai padrone indiscusso della Superba dopo la caduta degli alleati-nemici socialisti. Quella del giornalista è la professione che Siri, soprannominato “Sgarbino” dai suoi detrattori, sceglie durante l’epoca in cui Berlusconi e l’Ulivo si contendono la guida del Paese.
Ma non si pensi che abbandoni il vecchio leader socialista che viveva in Tunisia. Anzi, gli scrive spesso e lo va a visitare, come emerge da alcune carte custodite nell’archivio personale socialista. Tra le cose che propone all’ex segretario del Garofano, la presentazione di una lista Craxi alle elezioni europee del 1999 e il sostegno dato al candidato del centrodestra alle regionali liguri del 2000, il “proprietario di concessionari” Sandro Biasotti, pochi mesi prima della morte di Craxi. Con la sua morte si spegne anche il mondo interiore del nemmeno trentenne Siri, nel frattempo trasferitosi a Milano a lavorare al Tg5 dopo una breve collaborazione col suo modello di anchorman televisivo Vittorio Sgarbi.
Contrariamente a quanto si dice, il suo sostegno a Berlusconi in questo periodo forse c’è, ma non è così rilevante. Durante il crepuscolo del vecchio patriarca del centrodestra, perso nel fuoco incrociato di ex alleati ed oppositori, Siri riscopre quella che nei suoi dialoghi con Craxi chiama la sua unica, vera, passione: la politica. E scrive un saggio dal titolo enigmatico: Italia Nuova. L’inizio, base di un nuovo partito politico che tenta, senza successo, di presentarsi alle comunali di Milano del 2011. Ci riprova invece l’anno dopo, a Genova, sempre con il Partito Italia Nuova, il cui slogan “Pin. Tu sei la chiave” rimanda proprio al cambiamento interiore propugnato dal suo saggio. Ma nonostante i manifesti sparsi in tutta la città, che rivaleggiano con quelli del candidato del centrosinistra Marco Doria, il suo risultato è modesto: 0,62%. Poco anche nei confronti di un suo futuro collega di governo e di ministero, Edoardo Rixi, che si presenta con una Lega Nord scossa da uno scandalo epocale, ma riesce a raccogliere un dignitoso 4,7%. Gli slogan vagamente new age, che richiamano a una rivoluzione dello spirito, sembrano la pietra tombale sulle sue sorti politiche. Fino alla sua riscoperta della flat tax, cavallo di battaglia del neoliberismo negli anni ’80 e sposata dalla rinnovata Lega di Matteo Salvini. Il resto è attualità. Chissà se anche in un sistema politico ulteriormente rivoluzionato Armando Siri riuscirà nuovamente a reinventarsi.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi