È morto Jean Vanier: così ha restituito dignità ai più fragili

da AVVENIRE
7 maggio 2019
Il lutto.

È morto Jean Vanier:

così ha restituito dignità ai più fragili

Daniele Zappalà, Parigi
Il Papa informato della morte del fondatore della comunità per disabili L’Arche, avvenuta nella notte a Parigi: “Prego per lui”. L’Arche è presente in 38 Paesi, Italia compresa
Fino agli ultimi mesi aveva conservato il carisma silenzioso della guida che accoglie con premura, allargando le lunghe braccia e curvandosi sul nuovo arrivato, avvolgendolo nell’effluvio di un sorriso saggio e buono. Nel suo apostolato laico durato ben oltre mezzo secolo, soprattutto al fianco dei suoi «amici» con disabilità mentali, Jean Vanier, il fondatore canadese dell’Arca, ha abbracciato un intero popolo di anime arse dalla sete d’amore e spesso riscattate dai margini della società.
Prima dell’alba, Vanier si è spento a 90 anni, in una struttura religiosa parigina vicino alla Senna, dove riceveva cure palliative, ancor più indebolito da un cancro. La notizia è stata diffusa in mattinata proprio dall’Arca, nata nel 1964 e divenuta ormai una costellazione di 154 comunità in una quarantina di Paesi, Italia compresa, con circa 10mila membri. «Il Santo Padre è stato informato della notizia del decesso di Jean Vanier. Prega per lui e per tutta la comunità dell’Arca», ha riferito poco dopo dalla Macedonia, via Twitter, Alessandro Gisotti, alla guida della Sala Stampa vaticana.
L’INTERVISTA PER I SUOI 90 ANNI «Con l’Arca accanto all’umanità ferita. Sempre»
di Daniele Zappalà (20 ottobre 2018)
Sentirsi piccoli per condividere con tutti la mirabile fragilità umana, al seguito di Gesù. All’inizio degli anni Sessanta, questo filo conduttore divenne chiaro per Vanier, a lungo vicino alla scelta del sacerdozio, dopo l’abbandono precoce della carriera d’ufficiale nella Royal Navy e gli anni d’insegnamento nella scia di studi teologici e filosofici, approfondendo in particolare, con un dottorato, la questione della felicità.
Figlio di un diplomatico divenuto governatore generale del Canada, Vanier, nato a Ginevra nel 1928 e cresciuto in Europa, avvertì nel 1964 il bisogno di spogliarsi di ogni gloria e retaggio altisonante, stabilendosi in una casetta di campagna della Piccardia, la regione a nord di Parigi nota per le svettanti cattedrali gotiche. A Trosly-Breuil, non lontano dalla radura boschiva dove fu firmato l’armistizio franco-tedesco dopo i massacri della Grande Guerra, l’ex ufficiale decise di condividere tutto con Raphael e Philippe, due giovani con deficienze mentali. Per scavare in quella fragilità a cui non si era sottratta neppure la vita di Gesù.
Quell’umile seme, piantato in mezzo a lande fredde memori di tante tragedie, darà fin dall’anno seguente frutti insperati. Attratti dal carisma del roccioso Vanier, altri giovani giunti da Canada e Inghilterra, Francia e Germania, colsero tutta la forza, al contempo silenziosa e travolgente, di quella scelta di vita. Da allora, accogliendo persone mentalmente fragili senza badare a criteri d’origine o culto, l’Arca diverrà un modello ammirato di comunità, fra i fermenti della nuova evangelizzazione legata al Concilio Vaticano II.
Vanier, assieme alla francese Marie-Hélène Mathieu, fondò nel 1971 pure Fede e Luce, associazione che anima fra l’altro degli incontri mensili all’insegna dell’amicizia, della festa e della preghiera, attorno a persone con deficienza intellettuale. Una realtà divenuta anch’essa mondiale, con circa 1500 comunità in 82 Paesi, Italia compresa. Nel 2000, Vanier creò inoltre Intercordia, per proporre agli studenti universitari di vivere una «pratica di pace» durante un anno di formazione.
Dopo ogni viaggio ― compresi quelli in Vaticano, anche come membro del Pontificio Consiglio per i Laici ―, o ogni onorificenza, fra cui il premio Templeton ricevuto nel 2015, Vanier tornava sempre alla sua semplice dimora a Trosly, la «Casa Lazzaro», nella sua prima comunità, non lontano da una strada provinciale invasa dai tir. «Pranzi con noi?», chiedeva ai suoi ospiti del mattino, offrendo un’occasione di condivisione con altri membri della comunità, accanto alla disabilità trasfigurata dalla rivoluzione della fratellanza.
Negli ultimi anni, Vanier aveva ammesso la propria fragilità di uomo anche a proposito della cieca fiducia nutrita nei confronti di colui che per decenni fu la sua guida spirituale, il padre domenicano Thomas Philippe, di cui è stato rivelato post mortem, nel 2014, il passato pesantemente macchiato da abusi sessuali, appurati in seguito da un’inchiesta canonica.
Ma molti di quelli che hanno incontrato Vanier, ricordano in queste ore soprattutto il fervore semplice e contagioso, testimoniato anche in tanti libri e conferenze, nato dal bisogno di «raggiungere Gesù laddove si trova, nascosto nel più debole e nel più povero». Anche Il Regno, opera molto commentata del romanziere Emmanuel Carrère, evoca in modo sentito l’esempio del fondatore dell’Arca.
Il suo testamento spirituale è forse contenuto nelle «10 regole di vita per divenire più umani», consegnate lo scorso settembre, sulla soglia dei 90 anni, in un video che da allora non smette più di circolare su Internet.
Papa Francesco il 21 marzo 2014 lo aveva definito uomo del sorriso e dell’incontro e nell’ambito dei “Venerdì della misericordia”, il 13 maggio 2016 aveva visitato la Comunità il “Chicco” di Ciampino, legata alla grande famiglia dell’Arche.
L’Arche è oggi una Federazione internazionale che conta 154 comunità residenziali in 38 Paesi, con circa 10mila membri con disabilità mentali o senza. In Italia sono due: oltre al Chicco di Ciampino (Roma), c’è la Comunità l’Arcobaleno, nata nel 2001 a Quarto Inferiore, vicino Bologna.
Sessanta invece sono le comunità di incontro di Fede e Luce, sparse in diverse regioni italiane – come si legge sul sito di Fede e Luce.
Ciascuna raggruppa circa 30 persone – tra bambini, adolescenti o adulti con fragilità intellettive, le loro famiglie ed i loro amici – che si ritrovano per un po’ di tempo (qualche ora, una giornata, un fine settimana, un pellegrinaggio, una vacanza… ) e stringono così legami di amicizia fedele.
I funerali si svolgeranno giovedì 16 maggio alle 14 nella sua comunità di Trosly: la celebrazione sarà trasmessa in diretta sul canale francese KYO con traduzione in inglese.

 

2 Commenti

  1. bartolomeo palumbo ha detto:

    errata corrige:chapeau.

  2. bartolomeo palumbo ha detto:

    Ci affaniamo come degli ossessi pre il nostro piccolo benessere(naturalmente parlo per me)e accanto ci sono dei giganti che compiono miracoli di carita’.Chpeau !!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi