Omelie 2017 di don Giorgio: QUINTA DOPO PENTECOSTE

9 luglio 2017: QUINTA DOPO PENTECOSTE
Gen 11,31.32b-12,5b; Eb 11,1-2.8-16b; Lc 9,57-62
Verbi di movimento
Tutti i verbi che riguardano la vita sono di movimento. Anche la morte, che solo apparentemente sembra inattività, è anch’essa movimento: un insieme di movimenti che agiscono in opposizione al movimento della vita, ma che tuttavia, nella vita e nella morte, alla fine entrano a far parte del disegno misterioso divino.
La cosa più assurda, dunque, è pensare la fede come immobilità, e la cosa più blasfema è pensare il mondo divino come qualcosa di assolutamente statico.
L’essere per sua natura non è qualcosa di compiuto nel senso di finito, di concluso. L’infinito significa mai finito, ovvero sempre in movimento.
Non dobbiamo, allora, meravigliarci se riteniamo la nostra esistenza come un ininterrotto cammino: un cammino in tutte le sue più svariate forme di andare, partire, ritornare, spostarsi, cambiare strada, orientarsi verso, tendere verso, anche fuggire, rientrare, scendere e risalire, toccare il fondo, incontrare, staccarsi da, prendere il largo, immergersi, ecc. Forse non avete un’idea della molteplicità e della varietà di ciò che contiene un verbo di movimento.
Pensate anche alla vita divina: dicono i teologi che la Trinità sia tutta una relazione, una processione, perciò un movimento. L’espressione “in quiete” non  deve trarre in inganno, come se tutto in Dio fosse immobile e come se chi entrasse in intima unione con il divino raggiungesse la pace eterna come riposo assoluto.
Già dire Padre, Figlio e Spirito santo è dire movimento infinito. Anche presi singolarmente, dire Padre è dire movimento, così dire Figlio e dire Spirito santo. Forse lo Spirito santo ci porta a pensare a qualcosa di ancor più mobile: non è forse come il vento, i cui movimenti sono per natura imprevedibili, non catalogabili, per nulla uguali? II Figlio sembra preferire il verbo uscire, essere inviato, mentre il Padre segue, accompagna, genera.
Lo so che è un linguaggio umano, e d’altronde è impossibile farne a meno, ma la realtà divina è questa: vita, amore, spirito, generazione, dialettica.
Nel Vangelo di Luca Gesù è sempre in cammino verso Gerusalemme
Gli studiosi della Bibbia concordano nel dire che il Vangelo di Luca è il racconto di un Gesù che è sempre in cammino verso Gerusalemme: un cammino diciamo ideale, in quanto è unico e ininterrotto, simbolo del cammino di ogni essere umano, che inizia con la nascita e non cesserà neppure con la morte. Come il cammino storico di Gesù che si è concluso sulla croce, ma per riprendere come cammino mistico nel Cristo risorto.
Mentre Gesù è in cammino, incontra ogni essere umano, anche nelle sue forme più tenaci di resistenza, ed è qui che il Verbo, ossia il Logos divino, al di là di ogni apparenza umana, supera la nostra resistenza esteriore, puntando al cuore del nostro essere più interiore. E allora non è più il Gesù di Nazaret, ma il Cristo della fede, il Cristo Risorto, che ci provoca nel nostro essere. E dire Cristo risorto richiama il mondo dello Spirito santo, effuso sulla croce: è lo Spirito santo che risveglia il nostro essere interiore, lo purifica per essere rigenerato nel mondo divino. Dunque, il vero cammino è dentro di noi: un cammino che è fatto di un incrocio, quello del nostro essere con quello dell’essere divino. Qui siamo al vertice di un cristianesimo che la religione in quanto tale non potrà mai raggiungere, proprio perché la religione è di per sé dogmatica, e nel dogma il cammino si sente bloccato, viene bloccato.
La storia mitica di Abramo e dell’esodo del popolo ebraico
Tutta la storia di Abramo, capostipite del popolo ebraico, è presentata dall’autore sacro come un cammino o un esodo inteso anche in senso fisico e geografico dalla sua terra d’origine verso altre terre ignote, così pure l’esodo del popolo ebraico dalla terra di schiavitù egiziana verso la Terra promessa che, in realtà, in quanto terra di conquista, non è stata mai raggiunta, eppure l’autore della Lettera agli ebrei evidenzia chiaramente che, a partire da Abramo, si è trattato anzitutto di un cammino di fede, quasi alla cieca: “partì senza sapere dove andava”. In questo senso, non sarebbe per nulla scandaloso se la storia di Abramo e dell’esodo ebraico venisse letta in senso simbolico, così come non sarebbe scandaloso rileggere i Vangeli (come del resto hanno fatto i quattro evangelisti, in particolare Giovanni) come racconti di fede alla luce del Cristo risorto.
Purtroppo siamo stati educati, e in parte lo siamo ancora oggi, a leggere la Bibbia come se fosse una storia, pur affascinante (ma non tutta: ci sono anche pagine particolarmente violente): una storia di fatterelli, di eventi, di interventi divini, dimenticando la presenza di quello Spirito che il credente non può sottovalutare. Anche i Vangeli vanno letti così: come la presenza dello Spirito del Cristo risorto.
Solo letti alla luce dello Spirito, prende senso la parola “cammino”. “Partì senza sapere dove andava”. Certo, l’ha detto anche Gesù: non sai da dove venga e dove vada lo Spirito, che è come il vento che cambia magari repentinamente direzione.
Pellegrini, nomadi
Siamo nomadi. Nomadi nello spirito. Ma da tempo abbiamo ucciso il nomadismo dello spirito, quel cammino interiore, che è frutto di distacco per cogliere l’essenziale. Il tradimento dello spirito sta nel sentirci e nel farci sedentari. In fondo è la tentazione di tutti: avere una dimora fissa, e si pensa di essere ancora nomadi per il fatto di viaggiare per il mondo. Sì, camminiamo fisicamente, corriamo di qua e di là come vagabondi, visitiamo città, paesi, opere d’arte, ma il nostro spirito interiore non cammina con noi. Siamo nomadi turisti, ma sedentari dentro. Spostiamo il corpo, ma lo spirito rimane assente.
Quando si parla di cammino di fede, o di cammino interiore, s’intende proprio questo: un cammino dello spirito che, più è interiore, ovvero avviene dentro il nostro essere più profondo, più assume la realtà dello Spirito divino, che è generazione perenne.
Certo, come si possono dire queste cose all’uomo contemporaneo, che è come un organismo corporeo agitato e super agitato come una trottola impazzita? E allora occorre fermare questa trottola impazzita, se si vuole che il pensiero riprenda a muoversi o, meglio, occorre riprendersi quella realtà interiore, che sembra lì passiva, a subire le angherie di un corpo in preda alla follia di un mondo di oggetti che corrono di qua e di là, scontrandosi e quindi frantumandosi inevitabilmente in milioni e in miliardi di pezzi. E noi abbiamo ancora il coraggio di chiamare esseri umani questi miliardi di cocci di cose frantumate?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi