Cento anni di Biagi. Giornalista “scomodo”

da www.articolo21.org

Cento anni di Biagi. Giornalista “scomodo”

9 Agosto 2020
di: LORIS MAZZETTI
Il 9 agosto Enzo Biagi avrebbe compiuto cento anni: classe 1920.
Una vita dedicata al giornalismo. Il primo articolo lo scrisse a diciassette anni e a ventuno diventò giornalista professionista.
Biagi è stato un grande cronista e lo è stato per tutta la vita, avendo della professione una concezione etica che lo ha fatto diventare un riferimento per chi, ancora oggi, nel giornalismo non vede solo un mestiere.
C’è una definizione che Federico Fellini – amico da sempre, anche lui classe 1920 – diede di Biagi e del suo giornalismo: «L’immagine di Enzo è per tutti quella di un giornalista amico, che si colloca tra la notizia e il telespettatore, come un ambasciatore. Ricorda quella fiducia che da ragazzini si dava al medico di famiglia che arrivava in casa con un’aria di buonumore portando la competenza e il talento di chi da tanto tempo lotta con i bacilli e i malanni, alla fine anche la malattia diventava un qualche cosa con cui si poteva venire ad un accordo».
Il suo giornalismo è stato straordinariamente innovativo e ha dato spazio alla storia della gente, quella normale, quella che festeggia gli anniversari, che crede ai proverbi, quella che fa fatica ad arrivare alla fine del mese, a volte trascurata, spesso sottovalutata.
A Epoca istituzionalizzò la critica televisiva; a il Resto del Carlino inventò il supplemento con i programmi tv.
Arrivò alla Rai nel 1961 come direttore del Telegiornale: “Andavo a scoprire un modo nuovo di fare il mio mestiere”.
Era l’anno delle grandi innovazioni: Jurij Gagarin fu il primo uomo a volare nello spazio; a Milano si costituì la prima giunta di centrosinistra. Fece diventare commentatore televisivo Giorgio Bocca. Il suo primo intervento fu sui preti proprietari terrieri: uno scandalo.
Debuttò in tv anche Indro Montanelli, che parlò di Trockij e di Stalin, un tabù per l’epoca.
Con l’arrivo di Biagi, l’informazione televisiva non fu più come prima. Cambiò le regole, scandalizzando i conservatori: fece uscire le telecamere dallo studio, portando in diretta i luoghi nei quali accadevano i fatti; sostituì l’annunciatore con il giornalista alla conduzione; impose all’azienda che il redattore e la troupe avessero lo stesso trattamento economico in trasferta per permettere di stare tutti nello stesso albergo e mangiare nello stesso ristorante; lanciò il primo rotocalco della televisione italiana: Rt. «Pensavo che anche con le immagini si potessero raccontare delle storie e approfondirle come sui periodici di carta. In fondo non mi sono inventato niente, ho solo portato in Rai quella che era la mia esperienza nei giornali», disse.
Quante trasmissioni di approfondimento giornalistico hanno preso spunto da Linea diretta del 1985, la trasmissione che lo rese internazionale: Financial Time “Qualche cosa di totalmente fuori dal comune sta succedendo nel mondo della televisione italiana”; Liberation “La sua franchezza e la brutalità delle sue domande rivoluzionano la politica dell’informazione italiana”; Newsweek “Quando un uomo dai capelli grigi e con gli occhiali è apparso sui teleschermi, è stato per l’Italia un momento storico: egli cercava di fare del giornalismo obiettivo”.
Il programma tv che più lo ha rappresentato, a cui è stato maggiormente legato, è Il Fatto di Enzo Biagi: un approfondimento quotidiano fra i cinque e i dodici minuti sull’argomento del giorno. Lo “stile Biagi” nell’intervista era inconfondibile. Il suo modo di rivolgersi agli intervistati, pacato e rispettoso, senza aria da giustiziere, ma con la chiarezza delle domande (asciutte), non concedeva tregua, inseguiva l’intervistato con la cosiddetta seconda o terza domanda, fino a ottenere la risposta.
L’intervista è stata la cifra del suo giornalismo: è lui che ha inventato il faccia a faccia. I suoi incontri hanno fatto Storia, hanno accompagnato il telespettatore verso il nuovo millennio.
Enzo Biagi è stato un giornalista “scomodo”. Lo è stato da vivo, lo è ancora oggi a tredici anni dalla scomparsa: in quanti, tra i politici, avrebbero voluto Biagi nell’oblio, come tentò Silvio Berlusconi, allora presidente del Consiglio, con l’editto bulgaro. Il 18 aprile 2002 lo accusò, con Santoro e Luttazzi, di aver fatto un uso criminoso della tv.
La risposta di Biagi non si fece attendere: “Quale sarebbe il reato? Stupro, assassinio, rapina, furto, incitamento alla delinquenza, falso e diffamazione? Denunci”. Poi aggiunse: “Signor presidente, la mia età e il senso di rispetto che ho per me stesso mi vietano di adeguarmi ai suoi desideri. Sono ancora convinto che in questa nostra Repubblica ci sia spazio per la libertà di stampa. E ci sia perfino in Rai che, essendo proprio di tutti, come lei dice, vorrà sentire tutte le opinioni. Perché questo è il principio della democrazia. Sta scritto, dia un’occhiata, nella Costituzione”.
Furono cinque gli anni dell’esilio di Biagi dalla Rai, l’ex Cavaliere aveva vinto solo una battaglia. Biagi, con il ritorno in tv nell’aprile 2007, pochi mesi prima di morire, a ottantasei anni, la guerra. Il 9 agosto in occasione dei suoi cento anni il Comune di Lizzano in Belvedere gli intitolerà la strada principale di Pianaccio, il paese dell’Appennino Tosco-Emiliano che ha dato i natali a Enzo Biagi. Quella strada che Biagi aveva percorso per raggiungere la Sega Vecchia all’inizio del 1944 per raggiungere i partigiani della brigata Giustizia e Libertà. Enzo Biagi nome da partigiano: il Giornalista.

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Un esempio di giornalismo per tutte le generazioni. Niente urla e beceri scoop per attirare l’attenzione. Quella l’aveva sempre, proprio per l’educazione e la capacità di coinvolgere il lettore e lo spettatore.

  2. Per fortuna l’ITLIA puo’ vantare figure come ENZO BIAGI da contrapporre ai beceri cavalieri e a i baciarosario!!!!!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi