La sottosegretaria Zampa: «I migranti untori? Ecco i numeri reali»

La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa
da AVVENIRE
8 agosto 2020
Coronavirus.

La sottosegretaria Zampa:

«I migranti untori? Ecco i numeri reali»

Antonio Maria Mira
«Prima del caso di Treviso, in cui verificheremo se sono mancati i controlli corretti – spiega la sottosegretaria alla Salute – nel circuito dell’accoglienza avevamo registrato 239 contagi»
«I numeri dei contagi nei centri di accoglienza per immigrati, anche coi casi di Treviso, sono in linea col resto della popolazione. Non c’è nessun allarme. È vergognoso dare dell’untore agli immigrati».
Lo dice con forza la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, sulla base di una ricerca completata nei giorni scorsi che indicava in 239 i casi di Covid-19 riscontrati nell’intero sistema di accoglienza. Ora bisognerà aggiungere quelli dell’ex caserma Serena di Treviso, con 305 immigrati quasi tutti positivi al Covid (per la maggior parte richiedenti asilo e nessuno arrivato di recente in Italia via Lampedusa o dalla tratta balcanica), e soprattutto applicare con rigore le Linee guida per queste realtà e più in generale per i soggetti fragili, come i senza dimora, i Rom e chi vive nei ghetti, approvata dal ministero il 31 luglio, col via libera del Cts.
Si tratta di un documento di 54 pagine elaborato dall’Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà. «Per Treviso – aggiunge la Zampa che ha la delega per immigrati, povertà, fragilità – occorrerà capire che è successo. Se non hanno lavorato bene, non hanno controllato». Ma, ripete, «trovo triste umanamente, colpevole politicamente, usare il Covid contro gli immigrati. Lo dico non solo come esponente politica avversaria della Lega, ma anche come sottosegretaria alla Salute, perché la tutela della salute della collettività passa attraverso la tutela di ogni persona a prescindere da razza o religione».
Partiamo dai dati.
I casi di Covid nelle strutture di accoglienza – Cas, Siproimi, Cara, Msna – sono stati 239, distribuiti in 68 strutture, in 8 regioni, 2 in media a provincia. Quasi tutte le strutture con almeno un caso si trovano al Nord. Negli insediamenti informali non ci risultano casi. Non c’è, dunque, differenza con gli italiani, gli immigrati non si ammalano di più o di meno. Non c’è nessuna ragione di preoccupazione. Ora però il caso di Treviso fa emergere qualche falla. La vicenda conferma la necessità e l’urgenza di dare indicazioni stringenti agli operatori e ai migranti affinché siano rispettate norme rigorosissime nelle comunità di accoglienza. È evidente che, proprio come accaduto nelle Rsa, la comunità “chiusa” si può trasformare a velocità grandissima in un focolaio. È come buttare un fiammifero dentro un mucchio di legna.
Le linee guida cosa indicano?
Linee guida erano già state fatte per tutti i gruppi che hanno condizioni di vita comuni e hanno bisogno di tutela proprio per questo. E vale anche per i centri di accoglienza. Ad esempio sottolineando come il sovraffollamento rende questi luoghi più pericolosi.
Ma il documento non si occupa solo di immigrati.
Lo abbiamo allargato anche alle persone con vulnerabilità estrema che hanno bisogno di essere avvicinate con grande attenzione. Non solo per il doveroso rispetto dei diritti umani di ciascuno, ma anche perché è un modo per tutelare insieme a loro tutti quanti.
E in che modo?
Sono persone che rischierebbero di diventare portatori e che non sono in grado di rivolgersi al Sistema sanitario nazionale. Il lockdown ce li ha messi sotto gli occhi. Roma era abitata solo da queste persone completamente abbandonate a se stesse e per fortuna raggiunte dall’aiuto delle associazione di volontariato.
Cosa prevede il documento per loro?
Dovremo fare in modo di raggiungerle, ci dovremo attrezzare più e meglio e lo stiamo già facendo. Soprattutto avvalendoci del Terzo settore che è quello che ha più da dirci, perché è in continuo contatto con loro, e ha elasticità, rapidità, efficacia nel muoversi più del livello istituzionale. Abbiamo aperto un confronto e il documento è suscettibile di modifiche.
Non è un po’ tardi?
Sì, avremmo dovuto pensare prima a rispondere a queste persone. Per il rispetto della loro salute e di quella collettiva. Noi vogliamo che ci sia la massima trasparenza sui dati e al tempo stesso la presa in carico e la certezza che le persone che in qualche modo entreranno in contatto con la popolazione residente in Italia siano non contagiose. Le stesse cautele devono valere per entrambi, è una forma di reciprocità con cui si aumenta la sicurezza.
Intanto i cosiddetti decreti sicurezza stanno facendo finire per strada tante persone.
Più gente è per strada e più c’è pericolo. La salute passa attraverso la prevenzione e il controllo. Più hai cura di loro e più hai cura di tutta la comunità. Più crei invisibili e più produci illegalità e al tempo stesso insicurezza della salute, soprattutto di fronte a una pandemia.

2 Commenti

  1. Lanfranco consonni ha detto:

    Già, cosa aspetta il governo a modificare il decreto sicurezza? Dopo un anno il paese è ancora governato da una legge voluta da Salvini.
    Sempre grosso comunque il problema di comunicare queste informazioni e questi dati alla gente comune.
    Qualsiasi idiozia pronunciata da Salvini o Meloni vengono prese come vangelo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi