Omelie 2016 di don Giorgio: SESTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

9 ottobre 2016: SESTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
1Re 17,6-16; Eb 13,1-8; Mt 10,40-42
Da “hostis” a “hospes”
Nei tre brani della Messa troviamo un tema comune, ed è il dovere dell’ospitalità. Anzitutto, il termine “ospitalità” deriva dal latino “hospes”, mentre la parola “nemico” in latino si dice “hostis”, da qui la parola italiana ostile. Subito una riflessione, ed è del teologo e cardinale francese Jean Daniélou: «L’umanità ha compiuto un passo decisivo, e forse il passo decisivo, il giorno in cui lo straniero da nemico (hostis) è divenuto ospite (hospes)». Commenta don Ciccone: «Se accolgo un povero, l’altro mi considererà sempre un amico e avrà riconoscenza. La guerra nasce da chi ti odia, da chi si sente rifiutato, non da chi ti offre ospitalità. L’ospitalità, in tutte le sue forme, contiene e mantiene la vita».
Inoltre, non dimentichiamo che, presso gli antichi orientali l’ospitalità era sacra. Presso i cristiani, si è dovuto fare dell’ospitalità una delle sette opere di misericordia corporale, per renderla una virtù, perciò un dovere, mentre gli antichi l’ospitalità l’avevano nel sangue.
Una donna pagana che sorprende perfino il profeta Elia
Il primo brano, tratto dal Primo Libro dei Re, è particolarmente ricco di spunti di riflessione. Al contrario di quanto si possa immaginare, protagonista non è il profeta Elia, ma una donna di Sarepta, un paese vicino a Sidone, nella terra fenicia, dunque in una zona pagana, la stessa terra d’origine della regina Gezabele, sposa del re d’Israele Acab, da cui Elia stava fuggendo, perché minacciato di morte.
Dunque, una donna pagana, Gezabele, minaccia Elia, che si era opposto al tentativo della regina di introdurre in Israele divinità fenicie (Baal e Astarte), e un’altra donna, anch’essa pagana, salva Elia dalla fame e dalla sete. È lo stesso Dio d’Israele a invitare il profeta a recarsi da questa donna pagana. Non vi sembra una contraddizione? No, è questo il fascino di Dio che non guarda alla religione, ma al cuore dell’essere umano.
C’è di più. Elia al re d’Israele, Acab, sotto ricatto della sua perfida moglie, come punizione divina aveva predetto tre anni di siccità, e della stessa siccità il profeta resterà vittima. Quando il profeta si nasconde presso il torrente Cherit, nei primi tempi aveva di che vivere: l’acqua gli veniva dal torrente, mentre i corvi gli portavano pane e carne. Ma quando il torrente si secca per la prolungata siccità, Elia è costretto a uscire dal suo nascondiglio, spostandosi verso la terra di Sarepta, in Fenicia. E qui, dietro ispirazione del Signore, incontra la donna pagana. Questi sono i giochi strani, diciamo misteriosi, della provvidenza divina!
C’è di più. Quando Elia incontra la donna, fa un po’ il prepotente, almeno così sembra: le chiede acqua e un tozzo di pane senza nemmeno chiedersi se quella donna ne avesse a sufficienza per lei e per suo figlio. Ma quella donna, poverissima e per di più vedova, mette in gioco il suo dovere d’ospitalità. Qui sta la sorpresa: una donna pagana riscatta la fede nel suo dio ignoto in nome di un dovere di umanità, che neppure i credenti nell’unico Dio talora dimostrano di avere. Mi chiedo se i cristiani di oggi sappiano che cosa sia il dovere dell’ospitalità verso i fratelli bisognosi, immigrati, migranti o italiani che siano: un dovere, ripeto, che è insito non nella religione in quanto tale, ma nel nostro stesso essere umano.
Ed ecco la contraddizione più vergognosa: dirsi cristiani, vantarsi di essere cattolici, e poi dimostrare, nei fatti, di essere dis-Umani, barbari, selvaggi.
Dunque, il profeta Elia, perseguitato da una donna, la regina Gezabele, è salvato da un’altra donna: stavo per dire da una donna “altra”, diversa: diversa per ceto sociale, diversa perché umana.
L’ospitalità presso i primi cristiani
Anche l’autore anonimo della Lettera agli Ebrei parla di ospitalità, e lo fa nella parte finale, che è il capitolo 13, di cui fanno parte gli otto versetti del secondo brano della Messa.
I primi cristiani, anche a causa delle feroci persecuzioni che si stavano scatenando, da parte degli ebrei e dell’impero romano, erano quasi costretti a interrogarsi su certi valori, tra cui l’accoglienza e l’ospitalità tra i fratelli (così si chiamavano i primi seguaci di Cristo).
Ma un conto è dirsi fratelli, e un conto è sentirsi e vivere da fratelli! Le emergenze poi aiutano a richiamare i valori dell’Umanità. Tranne i barbari occidentali di oggi, non credo che qualcuno, di fronte alle tragedie diciamo naturali, si ponga il problema se sotto le macerie ci sia un migrante o clandestino o un cittadino italiano. L’emergenza, certo! Ma, nella vita ordinaria, come ci comportiamo? Torniamo a distinguere tra fratelli di serie A e fratelli di serie B, a parlare di “nostri” e di “loro”, di “noi” e di “altri”.
“Chi accoglie…”
Anche nel brano evangelico, Gesù parla di accoglienza, anche se in un contesto del tutto particolare. Il termine “accoglienza” fa pensare a qualcuno che apre le braccia e il cuore. Gesù ripete il verbo “accogliere” per ben sei volte. E riguarda il profeta, riguarda il giusto e riguarda il discepolo, chiamato “piccolo”. Quando pensiamo all’accoglienza, noi siamo abituati a pensare ai poveri, agli extracomunitari, ecc., e dimentichiamo che forse un’altra indifferenza, anche del mondo moderno, è nei riguardi dei profeti, dei giusti, dei discepoli, chiamati “piccoli” proprio per la loro umiltà: tutta gente che non conta davanti all’opinione pubblica, gente senza beni, senza difese, senza arroganza, ma forti solo di quella carica interiore che si chiama umanità, nei suoi riflessi divini di bellezza, di giustizia, di onestà, di gratuità.
Queste persone noi le rifiutiamo, proprio perché ci urtano nella loro grande umanità interiore, ci irritano per la loro libertà d’animo, ci contestano nella loro umiltà più sincera.
Queste persone hanno bisogno di acqua fresca, per loro ma anche perché solo così l’accoglienza diventa ricompensa. La vera ricompensa di chi accoglie i profeti, i giusti e i veri discepoli di Cristo e dell’Umanità non consiste in un bene materiale o in un po’ di felicità su questa terra e nemmeno in un premio eterno, ma nel poter tramutare un bicchiere di acqua fresca in altrettanti bicchieri di interiorità. Ogni gesto di accoglienza diventa una ricchezza interiore.
È più facile e talora comodo accontentare la coscienza facendo gesti di carità o qualche opera buona, ma quanto ci costa saper ascoltare, perciò accogliere un profeta, un giusto, un vero discepolo di Cristo e dell’Umanità.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi