Il ministro Salvini dà voce al pregiudicato per attaccare il sindaco di Riace

da la Repubblica

Il ministro Salvini dà voce al pregiudicato

per attaccare il sindaco di Riace

Non possiamo consolarci pensando che l’era salviniana ha avuto un inizio e avrà una sua fine. Resta la mancanza di anticorpi alle balle, alla verità capovolta e falsificata. Resta l’impossibilità di riconoscere un condannato per mafia solo sentendolo parlare in un video: siamo in emergenza democratica
di ROBERTO SAVIANO
09 ottobre 2018
Nelle stesse ore in cui in Rete e sui social network si ricordava l’assassinio avvenuto 12 anni fa (il 7 ottobre 2006) della giornalista russa Anna Politkovskaja, un ministro del M5S attaccava la stampa libera mentre il suo contraltare leghista, sulle sue piattaforme social, diffondeva un video in cui a criticare Mimmo Lucano, sindaco di Riace, era un uomo noto per essere stato condannato in via definitiva come prestanome di un boss di ‘ndrangheta.
Il ministro degli Affari interni – quello che dovrebbe vegliare in ultima istanza sulla sicurezza dei cittadini – non solo è intervenuto contro un cittadino non colpevole fino a prova contraria, con il peso del suo essere Istituzione, ma per farlo ha opposto a Mimmo Lucano il signor Pietro Zucco, ex vicesindaco di Riace (chiaramente prima che fosse sindaco Lucano), condannato in via definitiva a 4 anni e 6 mesi di reclusione per trasferimento fraudolento di valori: secondo la Direzione distrettuale antimafia, Pietro Zucco avrebbe permesso a Vincenzo Simonetti, uomo di punta del clan Ruga-Metastasio, di continuare a gestire la cava che gli era stata sequestrata. Prima di condividere quel video, il ministro che ho definito “ministro della Mala Vita” (e io che pensavo di citare solo Salvemini…) ci avrebbe messo un attimo a verificare l’identità di chi parlava. Ma non l’ha fatto.
Probabilmente – e questo è ancora più grave – non lo ha fatto il numeroso staff che cura, a spese dei contribuenti, la sua comunicazione (tra questi brilla il nome del figlio di Marcello Foa, nuovo presidente Rai: auguri a noi!).
Forse il ministro neanche sapeva chi fosse Pietro Zucco, dato che quando è andato a rendere rispettosamente omaggio ai suoi elettori a Rosarno subito dopo le elezioni, in 27 minuti di intervento ha avuto l’ardire (o il timore…) di dedicare solo 40 secondi alla ‘ndrangheta.
Matteo Salvini è pericoloso perché è una miscela, potenzialmente rovinosa per il Paese, di inadeguatezza, disinteresse reale per le dinamiche mafiose, cinismo abbinato a una sfrenata ambizione e inquietanti relazioni con esponenti della estrema destra, non solo italiana. E così accade che mentre i giornalisti da lui odiati leggono le carte delle inchieste prima di scrivere o registrare un video, citano le inchieste e verificano le fonti, il ministro si comporta come l’ultimo degli avventori del bar dello sport, e utilizza – contro cittadini che hanno democraticamente manifestato all’insegna dei valori della solidarietà e dell’accoglienza – le parole di un uomo che ha agevolato la ‘ndrangheta.
Tutto ciò senza neanche chiedere scusa quando la verità è venuta fuori; senza dire “ho sbagliato e ho fatto una cosa gravissima”. Ma non può farlo perché le scuse non fanno parte del format, abbasserebbero la reach, come probabilmente direbbe il piccolo Foa. Però a questo punto il ministro deve accettare che, se voluta (mentre sto scrivendo non risulta alcuna sua dichiarazione sul punto) quella mancanza di scuse può significare una sola cosa: che lui è d’accordo con Pietro Zucco; lui ha scelto da che parte stare; per Salvini le parole di una persona che ha favorito la ‘ndrangheta valgono più della libera e democratica manifestazione di pensiero di tanti cittadini.
Lo sospettavamo da molto ma non credevamo fosse in grado di rivendicarlo in questo modo. Noi abbiamo le nostre opinioni, certo, e sono opinioni di parte, scegliere è il passo necessario per ogni azione democratica ma prendiamo su di noi la responsabilità delle nostre idee.
Non creiamo false notizie, falsi video, false verità da condividere. Noi diciamo quello che pensiamo e ci mettiamo la faccia; e se ci querelano su carta intestata del ministero per farci paura, tiriamo dritto perché paura non ne abbiamo. Anzi. Siamo qui ad aspettare la prossima aggressione e ribadire ancora: non molliamo.
Non basta consolarsi pensando che Di Maio – che peraltro su questa gravissima vicenda ha osservato, assieme agli altri colonnelli del Movimento, un religioso silenzio: era questo il cambiamento? Lo sdoganamento delle parole mafiose? – probabilmente ha già fallito il suo mandato e che alle elezioni europee, nonostante minacci sovvertimenti, probabilmente non sarà neanche più in sella, dato che oramai i nemici più acerrimi ce li ha in casa. Non possiamo consolarci pensando che l’era salviniana, come tutte le cose umane, ha avuto un inizio e avrà una sua fine, perché le circostanze che hanno determinato questa situazione restano immutate.
Resta la mancanza di anticorpi alle balle, alla verità capovolta, ribaltata, falsificata. Resta l’impossibilità di riconoscere un condannato per mafia solo sentendolo parlare in un video. Resta la consapevolezza che siamo in emergenza democratica.
I social network devono dotarsi di fact checker, gli algoritmi che censurano le immagini del Duce, anche se vengono postate per esprimere una critica, non bastano più: altrimenti un giorno saranno chiamati a pagare anche loro il prezzo del tramonto delle democrazie. Ci sono social media manager di successo (ebbene sì, qualcuno ne decanta il talento) che hanno abituato i loro utenti alla coprofagia: o mettiamo un argine o diventeremo ciò di cui ci nutre il social network, cioè sterco.

 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    è il governo del cambiamento no?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi