Omelie 2018 di don Giorgio: QUARTA DI AVVENTO

9 dicembre 2018: QUARTA DI AVVENTO
Is 4,2-5; Eb 2,5-15; Lc 19,28-38
La scelta liturgica del brano del Vangelo di Luca, da leggere e meditare in questa quarta domenica di Avvento, pone qualche domanda, ma le vere domande riguardano anzitutto lo stesso episodio narrato, benché in versioni diverse ma complementari, dai tre Sinottici (Marco, Matteo e Luca), ovvero l’entrata in Gerusalemme di Gesù, osannato dai suoi discepoli.
Che senso dare all’entrata di Gesù in Gerusalemme?
Che senso poteva avere un’entrata quasi trionfale di Cristo nella Città santa, a pochi giorni dalla sua condanna e dalla sua morte?
Un episodio, a dire il vero, del tutto incomprensibile, per non dire paradossale, tanto più perché enfatizzato dagli evangelisti.
Non era una sfida di Gesù al potere religioso, quasi un’auto-condanna o un suicidio? Si presentava spontaneamente nelle mani dei suoi carnefici.
Gesù provocava apertamente, cavalcando un umile puledro. Una specie di messinscena ironica e sprezzante.
Un re! E quale re? Senza onori, senza privilegi, senza apparati di corte, senza i vessilli del potere.
Eppure quei discepoli che lodano il Maestro dicendo: «Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in  cielo e gloria nel più alto dei cieli», creano un certo panico tra alcuni farisei che esprimono il loro disappunto. E Gesù risponde: «Io vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre».
L’evangelista Matteo aggiunge un particolare interessante. Anche i ragazzini esprimono la loro innocente gioia nel vedere uno strano personaggio compiere gesti profetici. I capi dei sacerdoti e i farisei ne sono indignati, e se la prendono con Gesù, il quale risponde citando un versetto del Salmo 8,3: «Dalla bocca di bambini e di lattanti hai tratto per te una lode».
La gioia dei bambini
I bambini fanno sempre paura: come non ricordare la strage di bambini compiuta da Erode il Grande?
Non è forse pensando proprio ai bambini che la liturgia, in occasione dell’Avvento, a poche settimane dal Natale, abbia scelto l’episodio dell’entrata di Gesù in Gerusalemme?
In fondo, siamo onesti, il Natale è la festa dei bambini, proprio perché è la festa del Bambino Gesù, nato in una grotta, a Betlemme, a pochi chilometri da Gerusalemme.
E se il Natale, lungo i secoli, è diventato quello che è diventato, ovvero una ghiotta occasione per il più lurido consumismo, ciò non va condannato solo come una dissacrazione del Mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio, ma anche come una profanazione di quel mondo dei bambini nella loro semplicità d’essere, e anche di quel “bambino interiore” che è la stessa realtà spirituale di fronte al Mistero divino.
Sì, Gesù ha sempre difeso i bambini, per la loro età innocenti, ma anche in quanto simboli di una fede pura e ingenua.
I bambini non si complicano la vita, all’opposto di quanto fanno gli adulti che pensano di essere maturi e liberi, solo perché vivono come selvaggi, in balìa di passioni sfrenate e di desideri di cose che, nel nome del più stupido progresso, vengono chiamati diritti di proprietà.
E poi si rimproverano i bambini per i loro capricci, quando ad essere messi sotto accusa dovrebbero essere gli adulti, colpevoli di essere “felicemente” vittime del più balordo consumismo.
“Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!”
L’entrata di Gesù in Gerusalemme non è solo un’accoglienza di gioia da parte dei suoi discepoli, ma gli stessi ragazzini che lo osannano si trovano nel tempio, dopo che Gesù lo aveva purificato scacciando i venditori di buoi, pecore e colombe e i cambiamonete, e si era rivolto ai ciechi e agli storpi per guarirli.
L’evangelista Giovanni, che pone questo episodio all’inizio del suo Vangelo (subito dopo che aveva compiuto il miracolo di Cana, trasformando l’acqua in vino), fa dire a Gesù, con la frustra in mano, queste parole: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato».
Meister Eckhart dedica un intero Sermone a commentare questo episodio, insistendo sulle parole: “Togliete queste cose, portatele via”. Il grande Mistico medievale dice: Gesù «non indicava niente altro se non la sua volontà di vedere vuoto il Tempio, proprio come se avesse voluto dire: Io ho un diritto su questo Tempio, voglio starvi da solo e averne la sovranità. Cosa intende con ciò? Questo tempio, in cui Dio vuole regnare da Signore secondo la sua volontà, è l’anima umana che egli ha formata e creata perfettamente simile a se stesso; infatti noi leggiamo che il Signore dice: “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza” (Gen 1,26). E così ha fatto. Ha creato l’anima dell’uomo così simile a se stesso che né in cielo né in terra, tra tutte le magnifiche creature che Dio ha tanto mirabilmente create, ve n’è alcuna che gli sia tanto simile quanto l’anima umana. Perciò Dio vuole che questo tempio sia vuoto, perché non vi sia all’interno che lui solo. Perciò questo tempio gli piace tanto, perché è così simile a lui, e tanto egli si diletta in esso quando vi si trova da solo».
Che l’anima sia tempio di Dio è concetto classico prima ancore che cristiano. Lo troviamo già nei pagani. I Mistici insistono su questo concetto: parlano di “fondo dell’anima”, ovvero dello spirito, come dimora del Divino più puro.
Ecco, verrebbe voglia di ripetere e anche di gridare come Gesù ha fatto nei riguardi dei mercanti del Tempio: “Togliete tutte queste cose, portatele via!”.
I mercanti sono coloro che agiscono per un “perché”, per un interesse, insozzando così l’azione stessa che perde il suo valore assoluto. Assoluto vuol dire “sciolto” da ogni condizionamento.
Dio è Gratuità, e, per incontrarlo dentro di noi, bisogna essere puri da ogni schiavitù. Via dunque i mercanti dal tempio, ovvero dalla nostra casa interiore, dove il vuoto di cose lascia il posto alla presenza dello Spirito divino.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi