Questa volta è vero, altro che Berlusconi

da Democratica
Marco Fortis
9 gennaio 2018

Questa volta è vero, altro che Berlusconi

Tra il millantato famoso milione di posti di lavoro promesso e mai realizzato di antica memoria e il triste milione di posti di lavoro bruciati durante la recente crisi 2008-2013 c’è finalmente un milione di posti di lavoro in più che ci deve confortare
Tra il millantato famoso milione di posti di lavoro promesso e mai realizzato di antica memoria e il triste milione di posti di lavoro bruciati durante la recente crisi 2008-2013 c’è finalmente un milione di posti di lavoro in più che ci deve confortare. Infatti, l’Istat ha comunicato ieri che a novembre 2017, in base alle rilevazioni mensili delle forze di lavoro, il numero degli occupati in Italia è salito a 23 milioni e 183mila. Si tratta del più alto livello occupazionale mai raggiunto dall’Italia nella sua storia, superiore al precedente picco pre-crisi di aprile 2008 (23 milioni e 179mila).
Dall’aprile 2008 al febbraio 2014 il nostro Paese ha perso durante la doppia recessione provocata dalla crisi finanziaria e dall’austerità 1 milione e 26mila posti di lavoro. Da allora ad oggi questa perdita è stata più che recuperata. Infatti da marzo 2014 a novembre 2017, in poco più di tre anni e mezzo di governo a guida Pd, il numero degli occupati è cresciuto di 1 milione e 29mila unità, oltre il 53% dei quali (pari a 541mila persone) costituito da un maggior numero di occupati dipendenti a tempo indeterminato, grazie alle decontribuzioni e al Jobs Act. Dunque abbiamo oggi più posti di lavoro nel complesso ma anche più dipendenti permanenti, con un rapporto tra dipendenti permanenti (15 milioni) e dipendenti a termine (2,9 milioni) che a novembre 2017 era di 5 a 1. Questo rapporto dimostra che, esaurito l’impulso delle decontribuzioni che avevano enormemente accelerato le assunzioni a tempo indeterminato, e nonostante una crescita recente più forte dei dipendenti a termine rispetto a quelli permanenti, non si sta affatto producendo precariato, come sostengono alcune fake news. Il numero dei dipendenti a termine, infatti, resta globalmente limitato e comunque la sua crescita appare fisiologica in una forte fase di espansione ciclica come quella attuale, considerando anche le esigenze di un mercato del lavoro sempre più trainato dal settore dei servizi, il quale presenta in molti suoi comparti, rispetto ad esempio all’industria, maggiori esigenze di flessibilità.
E’ chiaro che la lunga crisi ha determinato una perdita di posti di lavoro pregiati alle dipendenze (soprattutto nella manifattura ma anche nell’edilizia) nonché un calo di occupati indipendenti. Tutto ciò ha comportato una flessione del monte ore lavorate in linea con la diminuzione del Pil non ancora del tutto recuperata. Ma è altrettanto chiaro che le politiche del lavoro introdotte in questi anni, unitamente alla ripresa del ciclo economico, hanno generato un impressionante reazione in termini di creazione di nuova occupazione. Il tutto, per di più, si è prodotto mentre si verificava per la prima volta nella storia italiana dal secondo Dopoguerra un calo della popolazione in età lavorativa tra i 15 e i 64 anni quantificabile in oltre mezzo milione di persone, sempre tra il marzo 2014 e il novembre 2017.
I dati diffusi dall’Istat segnalano inoltre che durante i governi Renzi e Gentiloni, da marzo 2014 a novembre 2017, si sono registrati miglioramenti sostanziali di tutti gli indicatori del mercato del lavoro. I disoccupati sono diminuiti di 416mila unità rispetto a febbraio 2014. Il tasso di disoccupazione totale è diminuito di 1,9 punti, scendendo all’11%, con un calo della disoccupazione sia maschile sia femminile. Mentre il tasso di disoccupazione giovanile è diminuito significativamente di 10,7 punti, scendendo al 32,7%. Il tasso di occupazione 15-64 anni è salito di 2,9 punti portandosi al 58,4%. E gli inattivi nel frattempo sono calati di ben 944mila unità.
Guardando invece alle evoluzioni più recenti, osserviamo che a novembre 2017 vi è stata una crescita degli occupati di 65mila unità rispetto ad ottobre mentre rispetto a novembre del 2016 vi è stato un aumento su base annua dei posti di lavoro pari a 345mila unità, un calo dei disoccupati di 243mila unità e un calo degli inattivi di 173mila unità. L’Istat, inoltre, ha rilevato che al netto della componente demografica nell’ultimo anno si è verificata una crescita occupazionale del 3,1% tra i 15-34enni, dello 0,4% tra i 35-49enni e del 2,5% tra i 50-64enni.

Foto Ansa

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi