America, America… dov’è il Genio? dov’è la Democrazia?

America, America…

dov’è il Genio? dov’è la Democrazia?

di don Giorgio De Capitani
Da una grande Nazione che si dichiara democratica mi aspetterei grandi cose. Dire grande (nazione) e grandi (cose) non mi porta a pensare a qualcosa di quantitativo o di spettacolarmente potente, come quando una Nazione mette in mostra un grande arsenale militare o un grande potenziale di risorse materiali.
Per grande intendo nobile, degno di quell’essere che è assolutamente qualitativo, nel senso di assolutamente spirituale.
Vorrei essere chiaro. Per me democrazia è una realtà di Valori che si mettono in campo non per far valere privilegi o supremazie, ma per proporre una via alternativa a chi vuole imporre un dominio fondato sulle armi o sugli istinti brutali.
Già il fatto che l’America (Stati Uniti d’America) abbia scelto quattro anni fa come Presidente Donald Trump è una lampante dimostrazione che gli americani non sanno ancora che cosa sia Democrazia.
E se ha prodotto un mostro, dovevano subito liberarsene, espellendolo così come si espelle un aborto.
Certo, non c’era bisogno che arrivasse sulla scena Donald Trump per capire che l’America avesse da sempre avuto della Democrazia una concezione brutale.
L’America ha sempre partorito di tutto e di più: il bene e il male. Ma sul bene avrei tante riserve, e sul male numerose certezze.
Se mi è difficile parlare di Genio americano, mi è invece facile parlare del Genio europeo, e, specificatamente, del Genio italiano. Sì, oggi sembra scomparso, ma c’è stato, e questo è importante: basterebbe risvegliarlo.
Da quando l’America è nata, è sempre stato un produrre marciume d’ogni genere, ricoperto in nome del cosiddetto ”sogno americano”.
Parlare di “intelligenza americana” sarebbe come parlare di “intelligenza tecnologica” al servizio del più grande dis-umanesimo, o di quella barbarie politica protetta in nome di una pseudo-democrazia.
Parlare di democrazia americana, dunque, è una bestemmia, pronunciata con tutti i carismi pseudo-culturali da imbecilli che siedono sulla cattedra di una vuota tuttologia.
Ci sono più imbecilli pericolosi tra i cosiddetti colti che tra una massa naturalmente rincoglionita.
Quando sento parlare da parte di questi mentecatti tuttologi americanisti del “sogno” americano o dell’America come “modello di democrazia”, mi verrebbe la voglia di annegarli nell’Oceano Atlantico, e con loro annegare quella Statua della Libertà, simbolo di una Nazione, nata sullo sfruttamento degli schiavi.

3 Commenti

  1. fabrizio ha detto:

    O come ha scritto un grande:

    L’America è solo un errore di navigazione,

  2. Luigi Sirtori ha detto:

    Don Giorgio, la democrazia americana è un mito da sfatare. Ricordo come la General Electric ha ridotto l’azienda dove ho lavorato per più di trent’anni. Il mio capo era entusiasta quando passò agli americani. Da 700 dipendenti l’hanno ridotta a 120. Da fabbrica produttiva a commerciale. Sono stato tra i primi ad andarmene in una ditta europea. E’ la stata la mia fortuna. Sono cresciuto non solo professionalmente, ma umanamente. Il mio capo lo hanno costretto come altri miei colleghi a mettersi in proprio o a vivere alle dipendenze di uno studio tecnico senza garanzie per il futuro. Un amico che era rimasto è morto per i troppi rischi che correva per svolgere il suo pericoloso lavoro. La fabbrica di sogno era già morta prima della GE per la sciagurata politica dell’azienda che aveva utilizzato i fondi pubblici per metterla in liquidazione e venderla al miglior offerente fino a quando sono arrivati gli americani della GE. Ricordo il responsabile italiano della GE quando ci presentò il modello che dovevamo seguire. Ci portò in un salone dove c’era un sipario stile teatrale. Dopo una breve introduzione lo aprì e comparve un enorme 1 con la scritta go for one. Erano sì il numero 1, ma di imbecillità. Il paranoico Trump è il modello di go for one della democrazia americana. E’ un mito da sfatare. Termino con le parole di Tatanga Mani, capo indiano della tribù degli Sioux Oglala, conosciuto come Toro Seduto: “Vi è molto di folle nella vostra cosiddetta civiltà. Come pazzi voi uomini bianchi correte dietro al denaro, fino a che ne avete così tanto, che non potete vivere abbastanza a lungo per spenderlo. Voi saccheggiate i boschi e la terra, sprecate i combustibili naturali. Come se dopo di voi non venisse più alcuna generazione, che ha altrettanto bisogno di tutto questo. Voi parlate sempre di un mondo migliore mentre costruite bombe sempre più potenti per distruggere quel mondo che ora avete.”

    • pio ha detto:

      ma avete letto ch e’ successo alla boeing? e venuto fuori che gli aerei hanno errori progettuali,software difettoso..etc..:Nelle chat interne dell azienda i dpendenti canzonavano i progettisti chiamandoli scimmie. hanno trovato rimasugli metallici pure nei serbatoi.
      Per aumentare i profitti stanno tagliando su tutto il possibile, e molti di quelli che hanno votato trump sono stati tratti come il signor sirtori e ne hanno le scatole piene.Molte aziende quotate in borsa licenziano solo per risparmiare soldi e fare il buyback di azioni (comprnao loro azioni in borsa, per farle salire )per arricchire i pochi dirigenti

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi