È invisibile ma durissimo il muro di Trump

da AVVENIRE
9 febbraio 2020
Usa-Messico.

È invisibile ma durissimo il muro di Trump

Lucia Capuzzi
A un anno dall’accordo «Remain in Messico» tra il presidente Usa e il collega López Obrador. Respinti al confine 62mila profughi centroamericani, in attesa del visto di Washington: concesso solo a 117
Jorge Alexander Cerbano Malara aveva atteso undici mesi. Alla fine, però, l’udienza era stata fissata a El Paso per l’11 dicembre 2019. Jorge Alexander non ha, però, potuto presentarsi. Tre settimane prima dell’appuntamento, il 20 novembre, il suo corpo smembrato è stato trovato alla periferia di Tijuana. Questo salvadoregno di 35 anni è diventato uno dei simboli tragici di “Remain in Mexico”, il programma varato un anno fa dall’amministrazione statunitense. Più di Carlos Gómez Perdomo, l’honduregno che ha inaugurato la politica di trasferimento oltreconfine dei richiedenti asilo, il 29 gennaio 2019. Il giorno prima, la ministra del dipartimento di Sicurezza interna statunitense, Kristjen Nielsen, aveva convocato le televisioni sul ponte di San Ysidro – che collega San Diego con la messicana Tijuana – per presentarla.
All’epoca l’attenzione, dentro e fuori dagli Usa, era concentrata sul braccio di ferro per il muro fra il presidente Donald Trump e l’opposizione democratica, decisa a negargli i fondi per edificarlo. In realtà, dietro le quinte, il capo della Casa Bianca aveva già cominciato a costruire il vero muro, quello invalicabile della burocrazia. Perché di quel filo spinato, l’accordo “Remain in Mexico” è uno dei cardini. E, per paradosso, Trump l’ha dispiegato con l’aiuto di un insospettabile: il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, leader di ciò che resta di sinistra in Messico e fervente nazionalista. Il piano ha consentito di trasferire nel Paese vicino, in attesa del responso delle corti Usa, oltre 62mila richiedenti asilo. Donne, uomini e perfino bambini – come ha documentato Human Rights Watch –, un quarto del totale, di cui 500 neonati, sistemati in alloggi di fortuna, come i 1.500 accampati in tende a ridosso del ponte di Matamoros. In maggioranza sono honduregni e guatemaltechi ma anche cubani, salvadoregni, ecuadoriani, venezuelani, nicaraguensi e, da gennaio, brasiliani. Un terzo di loro – in base all’ultimo studio dell’Università statunitense di Syracuse – aspetta ancora la prima udienza davanti a un giudice. Su poco più di 9mila procedimenti conclusi, inoltre, appena 117 profughi – meno dello 0,2 per cento del totale – hanno ottenuto lo status di rifugiati. Non sorprende, dato che solo il 5 per cento può contare su avvocato. La gran parte non può permetterselo e trovare un legale volontario a distanza non è semplice.
________________________________________
4
il livello di allerta (come Iraq e Afghanistan) del Tamaulipas per gli Usa: lì finiscono i richiedenti asilo
16mila
i minori profughi mandati ad attendere in Messico, nel 2019, l’esito della domanda di asilo
17
i migranti morti nel 2019 mentre erano tenuti in custodia in centri di detenzione dalle autorità statunitensi
0,2%
è la quota di profughi, ricollocati oltre confine in base all’intesa “Remain Mexico”, che hanno ottenuto l’asilo
________________________________________
Sempre in base ai dati della Syracuse University, i richiedenti asilo rimasti negli Usa hanno sette volte la possibilità di procurarsene uno rispetto ai profughi inviati oltreconfine. Senza una rappresentanza legale, inoltre, questi ultimi spesso non riescono ad orientarsi nel sistema statunitense. Perfino conoscere il calendario delle udienze diventa uno sforzo titanico. La metà, dunque, finisce per non presentarsi in aula nei tempi giusti. Il che implica l’automatica chiusura del caso con un ordine di espulsione.
Non è, tuttavia, la peggiore conclusione possibile, come la storia di Jorge Alexander Cerbano Malara dimostra. Con 34.582 omicidi solo nel 2019, il Messico è tutt’altro che un “Paese sicuro” per i migranti. Specie nelle città di frontiera, incluse le otto dove Washington spedisce gli aspiranti rifugiati. In fuga dalla violenza bellica che dilania il Centro America, questi ultimi si ritrovano intrappolati nella narco-guerra messicana. «A Nuevo Laredo abbiamo pazienti che non escono dai rifugi per non essere rapiti o uccisi », racconta Sergio Martín, capo- missione di Medici senza frontiere in Messico. «Gli Stati Uniti spingono i richiedenti asilo tra le braccia dei trafficanti che controllano le rotte migratorie in questo Paese», aggiunge.
________________________________________
L’isolamento
Le zone in cui i latinos vengono internati sono tra le più violente della nazione. Medici senza frontiere: «A Nuevo Laredo abbiamo pazienti che non escono dai rifugi per non essere rapiti o uccisi»
________________________________________
Alcuni dati raccolti dall’organizzazione a Nuevo Laredo lo dimostrano. L’80 per cento degli assistiti nei primi nove mesi del 2019 ha riferito almeno un’aggressione. Il 43,7 per cento delle volte il fatto era avvenuto al massimo la settimana precedente. Nel settembre 2019, il 43 per cento dei pazienti di Msf aveva subito un sequestro, il 12 per cento vi era sfuggito appena in tempo. Il mese successivo, la quota era schizzata al 75 per cento. «Parliamo solo di chi si rivolge a noi», sottolinea Martín. Il numero, dunque, potrebbe essere ben più alto, anche perché la gran parte non denuncia per paura. Del resto, Nuevo Laredo si trova nello Stato del Tamaulipas, meta considerata «pericolosa» dal dipartimento di Stato Usa al pari di Iraq e Afghanistan. Negli stessi mesi, l’Instituto para las mujeres en la migración ha registrato 418 rapimenti di richiedenti asilo in Chihuahua, Tamaulipas e Baja California. «Remain in Mexico ha danneggiato già troppe vite umane», ha affermato il vescovo di El Paso, Mark Seits. Per Dylan Corbett dell’Hope Border Institute, tuttavia, il programma ha centrato l’obiettivo: «È stato pensato come un deterrente, come le separazioni familiari ma senza suscitare lo stesso clamore. Doveva far calare gli arrivi e ci è riuscito, sulla pelle dei migranti». Retorica a parte, il muro fisico ormai è secondario. Trump ha già la sua barriera e si chiama Messico.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi