Corso Esorcismo. Mons. Martinelli: vita sacramentale più intensa

Che ne pensate degli esorcisti e degli esorcismi? Secondo me c’è qualcosa di strano, che la Chiesa non vuole capire e interpreta a modo suo, usando dei riti e imponenti mezzi liberatori che hanno del magico, ma che in realtà sono solo palliativi di un fenomeno che ha del paranormale. Che cos’è il demonio? Perché si comporta in modo stravagante?
***
da RadioVaticana
9 maggio 2017
Chiesa \ Chiesa in Italia

Corso Esorcismo.

Mons. Martinelli: vita sacramentale più intensa

Al via ieri all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma la XII edizione del corso ‘Esorcismo e preghiera di liberazione’. Obiettivo del ciclo di lezioni e tavole rotonde che si concluderà sabato prossimo, sarà quello di offrire a sacerdoti e laici “gli strumenti idonei di formazione su un argomento a volte sottaciuto e controverso: quello della pratica dell’esorcismo e della preghiera di liberazione”. Tra gli importanti relatori di respiro internazionale, anche mons. Raffaello Martinelli, vescovo di Frascati. Federico Piana lo ha intervistato.
R. – Penso che sia un tipo di servizio che viene offerto per riflettere insieme, per individuare anche modi migliori di intervenire in questo campo.
D. – Questo corso parla di tematiche – vedi il demonio, preghiera di liberazione, temi legati all’esorcismo – che molto spesso non trovano tanto spazio nella predicazione. Per quale motivo, secondo lei?
R. – Effettivamente, si riscontra che sono argomenti un po’ caduti in disuso, anche nella nostra predicazione e nella nostra catechesi, però, quello che è anche bello e interessante, è che il Catechismo, quando parla di questi argomenti, come del demonio, del diavolo, di Satana, dei Novissimi e via dicendo, lo fa sempre evidenziando e mettendo in risalto l’opera di Cristo e quindi, indirettamente, il Catechismo fa risaltare quanto sia preziosa, quanto sia bella, quanto sia potente, quando sia efficace l’azione di Cristo nei nostri confronti, quando ci preserva o ci libera da questo potere del diavolo, che – sappiamo bene – non è che se ne stia con le mani in mano, ma si dà da fare. Ma nello stesso tempo, è Cristo che lo vince, Colui che ci preserva nella lotta contro questo potere che, appunto, è il diavolo. Quindi, è importante essere anche noi capaci, nella nostra predicazione, nella nostra catechesi, di parlare di questi argomenti, anche perché diverse persone si rivolgono anche a noi sacerdoti, a noi vescovi, chiedendo appunto un aiuto; possiamo quindi far risaltare sempre di più e sempre meglio l’azione di Dio che, attraverso il suo Figlio morto e risorto e nella potenza dello Spirito Santo, ci dà veramente una mano potente e ci preserva e ci libera, appunto, da queste potenze.
D. – Bisogna ricordare – e questo lo si farà in questo corso – che prima di arrivare all’esorcismo e alla preghiera di liberazione, che sono mezzi straordinari, bisogna utilizzare i mezzi che la Chiesa da sempre ci mette a disposizione …
R. – Ad esempio, l’ascolto della Parola di Dio, la preghiera, la partecipazione a una vita sacramentale più intensa, più partecipata attraverso il Sacramento della Confessione, il Sacramento dell’Eucaristia … Poi, certo, abbiamo anche queste preghiere speciali, tipo l’esorcismo, e senz’altro anche queste sono importanti! Però, molte volte capita che persone che chiedono magari l’intervento speciale, dimenticano e non praticano i mezzi ordinari che la nostra fede cristiana ci mette a disposizione e che d’altra parte anche il Catechismo ci raccomanda in continuazione.

 

3 Commenti

  1. Patrizia ha detto:

    Esiste una discreta percentuale di cosiddetti malati psichici o disturbati di vario genere che in realta hanno mali di questo genere e non è facile venirne a capo.
    Quello che si vede nei film sono solo delle assurdità, la realtà è bene diversa.
    In sostanza come si ammala il corpo, anche allo spirito può succedere.

  2. Giuseppe ha detto:

    Ricordo che uno degli esorcisti contemporanei più conosciuti era mons.Milingo, l’arcivescovo di Lusaka che fu al centro di una vicenda, a dir poco, sconcertante. Fece scandalo, infatti, la sua adesione alla setta del predicatore coreano Sun Myung Moon, fondatore della “Chiesa per l’unificazione”, culminata sposando, durante una cerimonia collettiva, Maria Sung, la donna che proprio il reverendo Moon aveva scelto per lui. Per questo motivo e per gli ulteriori sviluppi, che lo hanno visto allontanarsi sempre di più dalla chiesa cattolica, è stato scomunicato. È una storia che mi spiazza, lasciandomi un senso di smarrimento, e non fa che accrescere i miei dubbi e le mie perplessità sulla pratica dell’esorcismo. So bene che è praticamente impossibile per le nostre capacità intellettive riuscire a comprendere l’azione divina e quella altrettanto misteriosa del maligno, ma sull’argomento trovo piuttosto complicato superare il senso di sfiducia e di scetticismo.

  3. GIANNI ha detto:

    Se si ammette, come evidentemente ammette la religione,
    per sua stessa natura, l’esistenza di una dimensione metafisica, va da sè che si entri nel terreno in cui ognuno la pensa in modo diverso.
    C’è chi crede, chi non crede, la religione la pensa a modo suo.
    Dove sta la verità?
    Ho già parlato delle mie peronali esperienze e ricerche diverse volte.
    Posso solo dire che capitano talora fatti negativi, che paiono dipendere da soggetti disincarnati, dotati di volontà malevola.
    A volte talune situazioni possono essere preannunciate da sogni strani, dopo i quali le cose cambiano anche con effetti materiali.
    A me è capitato.
    In molti casi gli esorcisti non ritengono vi sia del maligno in certe manifestazioni, a volte invece non possono fare a meno di constatare segni fisici, come lo sputare rane dalla bocca o spaghi o chiodi, e via dicendo.
    Del resto, del diavolo si parla anche nel vangelo.
    Teorie alternative esistono, ad esempio c’è chi sostiene che le manifestazioni paranormali altro non sarebbero che esperimenti indotti da extaterrestri che possono immettere pensieri ed allucinazioni nella nostra mente.
    Ed è anche già capitato che delle persone siano state operate, estraendo dal loro corpo oggetti alieni, non realizzati con materiali umani, quindi probabilmente inseriti da extraterrestri.
    La realtà è spesso complessa, e le manifestazioni paranormali potrebbero quindi aver cause diverse.
    Poteri psichici, esseri disincarnati, di natura umana o meno, e financo soggetti extraterrestri.
    Del resto, a quanto pare, non esisterebbero solo angeli e demoni, ma una pluralità di soggetti disinsicarnati e talora con manifestazioni materiali, come gli elfi.
    Se poi, invece, vogliamo domandarci come valutare tutto questo, allora penso si possa dire che sarebbe positivo, se i poteri paranormali fossero alle nostre dipendenze, mentre capita spesso, invece, che fatti paranormali vengano più subiti che altro.
    Allora hai proprio la sensazione di stare in balia degli eventi, ed anche il ricorso a riti cattolici o analoghi non è detto che risolva sempre e comunque.
    E se risolve, spesso ci vuole del tempo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi