Prima deprediamo poi respingiamo

da L’Espresso
Roberto Saviano
L’antitaliano

Prima deprediamo poi respingiamo

Per secoli l’Europa ha incatenato schiavi e rubato risorse in Africa. Possibile che ora non senta il dovere morale di accogliere?
Studi, approfondimenti, analisi soccombono oggi al cospetto della più elementare delle bufale. Non è più necessario elaborare false notizie che almeno sembrino vere, non serve più alcuna intelligenza sottile per ingannare. Basta un’immagine e poche parole, rigorosamente assurde: ormai le persone, addestrate al peggio, sono inclini a credere a ogni cosa.
Forse non ha più senso andare ogni volta indietro nel tempo, per cercare il momento esatto in cui il declino è iniziato, in cui il meccanismo democratico ha preso a scricchiolare. I colpi inferti sono stati tanti e nessuno può sentirsi assolto. Però abbiamo il dovere di impedire che la storia venga travisata, soprattutto quando è storia di morte e sofferenza.
Fabrizio Gatti in “Bilal” aveva già descritto, undici anni fa, quello che sta accadendo ancora oggi in Africa. Aveva descritto perché si parte, come si parte e chi può partire. È assurdo – ma di fronte allo smalto di Josefa assurdo non è più niente – dover riraccontare, ridescrivere, ribadire che nessuno lascia la propria terra senza un motivo più che valido e, di fronte a questa molteplicità di motivi, dobbiamo interrogarci su quanta parte di responsabilità abbiamo noi.
Sono pieno di sconforto perché la chiave per sovrastare con parole umane il rutto disumano di questo governo non l’abbiamo ancora trovata; sono pieno di sconforto perché esistono schiere di finti intellettuali, finti filosofi, finti YouTuber al soldo di Putin che, pagati per dare il loro maldestro contributo alla destabilizzazione dell’Europa, riscrivono la storia, se ne appropriano, la falsificano e noi glielo consentiamo, come se la storia avesse smesso di appartenerci, come se avessimo smesso di curarcene.
Fabrizio Gatti in “Bilal” parte da Milano in aereo e arriva a Dakar, la prima tappa del suo viaggio. Proprio Dakar mi ha fatto venire in mente l’isola di Gorée che dalla capitale del Senegal dista solo tre chilometri. L’isola di Gorée è un lembo di terra oggi Patrimonio dell’umanità, ma fino al 1848 è stato un luogo di sofferenze indicibili. Da lì partivano gli schiavi destinati al Nuovo Mondo. Milioni di africani: i più forti venivano imbarcati, i più deboli buttati a mare. Nessun rispetto per la vita. Nessuno.
Mi sembra assurdo dover scrivere oggi queste parole, sembra come se tutta la nostra storia, come se la storia dell’umanità fosse stata cancellata con un colpo di spugna; come se dovessimo rivivere tutto daccapo per capire. Abbiamo depredato l’Africa di esseri umani e poi l’abbiamo depredata di risorse. Abbiamo fatto nostro il sottosuolo e le sue ricchezze, il mare con i suoi frutti e oggi non accogliamo chi lascia una terra depredata. Depredata dai Paesi che, nonostante politiche predatorie, hanno il coraggio infame di chiudere i porti, di presidiare le frontiere, di respingere, di nicchiare, di temporeggiare.
E chi osa parlare del dovere di accogliere viene chiamato da questi impostori del pensiero e del linguaggio “negriero”. Quanto cinismo nel banalizzare, per fini propagandistici e con il placet di chi governa, la sofferenza e il sangue di un continente che ha visto deportati milioni di suoi figli. Ma cosa importa a questi bianchi occidentali cattolici possibilmente eterosessuali? Non sono problemi che riguardano loro né i loro antenati. Sicuramente riguarderanno i loro discendenti, ma la prerogativa di questi tempi è un ingiustificato e malsano egoismo.
Eppure, a dirla tutta, di negrieri l’Italia è piena e lo sarà fintanto che resterà in vigore la Bossi-Fini per regolamentare l’immigrazione, e fintanto che agli oltre 600 mila immigrati irregolari presenti in Italia non saranno dati permessi di soggiorno. Al di là del senso di umanità, al di là della necessità di accogliere per aiutare le sorti dell’economia del nostro Paese, esiste un legame strettissimo tra la capacità dei governi di gestire i flussi migratori e la capacità di gestire tutto il resto. Per ogni governo la gestione dell’immigrazione è un banco di prova: fallire su quello significa fallire su tutto il resto. E non è consentito barare: la storia che scrivono i vincitori – o quelli che si credono tali – è una storia ridicola, destinata a essere sbugiardata. È solo questione di tempo.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi