Omelie 2017 di don Giorgio: SECONDA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

10 settembre 2017: SECONDA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 60, 16b-22; 1Cor 15, 17-28; Gv 5, 19-24
Brani difficili, ma da interpretare nel loro contesto
Anche i brani della Messa di oggi pongono delle perplessità.
Il primo brano di che cosa parla? Sì, ci sono immagini anche suggestive, ma dietro l’immagine qual è la realtà del messaggio profetico?
E che dire del brano di San Paolo? Forse una cosa ci appare chiara: si parla di morte e di risurrezione, ma da intendere in che modo?
E il Vangelo? Anche qui, abbiamo capito che si tratta di un rapporto del tutto speciale tra il Figlio Gesù, e il Padre celeste, come se si trattasse di un puro discorso teologico o mistico. Ma non è così, se andiamo a leggere il contesto in cui è inserito il brano.
Giovanni scrive che Gesù precedentemente – era un giorno di sabato – aveva compiuto un miracolo presso la Porta delle pecore, vicino alla piscina di Betzaetà, dove il popolo andava a cercare qualche guarigione: c’è un paralitico, immobilizzato dal male da trentotto anni, e Gesù, appena lo vede, lo guarisce, scatenando di conseguenza una discussione con un gruppo di dirigenti del giudaismo legati a una interpretazione fissata e immobile della Legge, in pratica una Legge manipolata contro la libertà dei figli Dio.
E Gesù come si difende? Ecco le parole del brano di oggi. In sintesi: Lui e il Padre sono una cosa sola, perciò agisce come il Padre, e il Padre non vuole che i figli rimangano soggetti ad una legge disumana, come era diventata la legge del sabato ebraico a quei tempi, ma già da parecchi secoli.
Al di là delle belle immagini del primo brano
Analizziamo ora il primo brano, partendo anche qui dal contesto.
Il capitolo 60 del Libro di Isaia, che fa parte del Terzo Isaia, ovvero scritto da un anonimo profeta, che ha svolto la sua missione di interprete di Dio durante la ricostruzione del Tempio distrutto nel 586 a.C. dai babilonesi.
Dunque, gli ebrei erano tornati dall’esilio di Babilonia, durato circa settant’anni. Un lungo esilio, in cui era successo un po’ di tutto: ebrei che si erano accasati, facendo anche fortuna e dimenticando la loro patria distrutta; ed ebrei che rimpiangevano le loro terre, sognando il giorno del ritorno.
Ma in settant’anni le generazioni erano in parte cambiate, e i più giovani erano più propensi a dimenticare il passato e le sofferenze subìte dai loro padri.
E inoltre, chi era finalmente tornato in patria, aveva trovato una situazione tale da far perdere anche i bei sogni.
Sta di fatto che ognuno pensava al proprio orticello, dimenticando sia il Signore che il fatto di essere un popolo. E proprio per combattere questo egoismo, il Signore suscita due personaggi, uno laico (Neemia) e uno religioso (lo scriba Esdra), con l’incarico da parte di Neemia di riorganizzare Gerusalemme e il suo territorio difendendoli da altri eventuali nemici esterni, e da parte di Esdra di ristabilire in pieno il culto legittimo nel nuovo Tempio, ricostruito sulle fondamenta del Tempio salomonico, ultimato nel 515 a.C.
Possiamo leggere il brano di oggi in questo contesto o, meglio, nel contesto simbolico del profeta anonimo che, all’inizio del capitolo 60, dedica un inno grandioso a Gerusalemme che risorge.
Ed è già qui il punto da chiarire: che cosa intendeva il profeta per risurrezione e, ancora, che cosa simboleggiava in realtà Gerusalemme, vista come avvolta di luce e come meta verso la quale stanno convergendo fiumi di popoli, carovane di cammelli e dromedari, sovrani e ricchezze, greggi e armenti dai più remoti angoli della terra?
Che significano parole come queste: “Il tuo popolo sarà tutto di giusti”? oppure: “Non si sentirà più parlare di prepotenza nella tua terra, di devastazione e di distruzione entro i tuoi confini”?
Non si può non essere realisti. Non si può, dunque, negare che in realtà il mondo non è mai cambiato, anzi via via, col passare del tempo, è sempre peggiorato, anche dopo la venuta di Gesù Cristo. Dal 400 a.c. ad oggi sono passati circa 2.400 anni, almeno chiediamoci:  come è il mondo d’oggi? Migliore o peggiore dei tempi dell’anonimo profeta, autore del Terzo Isaia?
“Il tuo popolo sarà tutto di giusti”
“Il tuo popolo sarà tutto di giusti”. “Sarà” è il futuro del verbo essere. Di questo futuro della promessa di Dio che cosa si è realizzato? Siamo ancora qui nel “sarà”, in un futuro di cui non si vede neppure qualche barlume.
Abramo, quando seppe che il Signore voleva distruggere Sodoma, pensando anche ad eventuali “giusti” presenti nella civiltà corrotta instaura un serrato dialogo con il Signore, chiedendo misericordia se non altro proprio per presenza dei giusti. Dai cinquanta giusti richiesti all’inizio da parte del Signore, Abramo riesce a far scendere il numero fino a dieci. Scrive l’autore sacro: il Signore non ne trovò nemmeno dieci, e distrusse Sodoma.
Chissà perché, ma la richiesta di Abramo di risparmiare la città in nome di almeno dieci giusti, mi torna ripetutamente nella mente, ogniqualvolta succede qualche tragedia planetaria. E mi rattristo al pensiero che forse forse l’avanzata così massiccia del male dipenda dalla mancanza di almeno dieci giusti. Certo, tutti ci riteniamo giusti, ma a modo nostro. E il nostro modo non corrisponde al disegno di Dio o, diciamo, non corrisponde al bene dell’Umanità.
Che dire allora del brano di oggi, che è una esaltazione della nuova Gerusalemme, verso cui tutti convergeranno? A parte il realismo che si blocca sul pessimismo, credo che non possiamo non sperare in un ribaltamento generale. La domanda da credenti è questa: se Dio ha promesso, manterrà la sua parola. Quando tempo durerà gestazione della promessa?
Certo, i numeri di Dio non sono uguali ai nostri: non ci chiede una multiplazione dei pani o dei beni, o che il piccolo diventi grosso, ma sempre sul piano dell’avere. Vuole da noi che i suoi infiniti semi sparsi nel mondo diventino germogli, da proteggere nel nostro interiore, per poi farli fruttificare nella società in cui viviamo.
Ci vuole tempo, ci vuole pazienza, nel frattempo ci sarà il male che cercherà di bruciarli sul nascere. Ma riusciranno almeno dieci di questi a resistere alle tempeste, e a far nascere un mondo nuovo?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi