Don Giorgio e Alberico Fumagalli a confronto e… Claudio Brambilla assiste

di don Giorgio De Capitani
Ecco il commento di Alberico (Chicco) Fumagalli: riguarda il video dal titolo “Adesso m’incazzo di brutto”, in riferimento alle mie affermazioni che riguardano Merateonline.
PRIMA RISPOSTA A CALDO
Caro signor Chicco Fumagalli. Per ora solo due parole a caldo. La ringrazio per il sostegno alla mia lotta contro questo governo dominato dal Bestione milanese, che prima o poi imploderà (me lo auguro al più presto). Ma devo pur dire che il signor Brambilla Claudio è rimasto vittima del sistema Salvini di querelare ogni voce dissidente. Il mio articolo è stato un’istintiva (lecita e doverosa) reazione a un articolo, scritto da Brambilla, per lo meno altrettanto inaccettabile. Casomai, dovevamo essere giudicati alla pari. Io non ho mai querelato nessuno, nemmeno di fronte alle più gravi offese. È inaccettabile che il Direttore di un Giornale quereli per articoli che, pur forti e dialettici, gli stessi lettori potrebbero giudicare. E no! Adesso basta! Quando ho saputo della querela di Brambilla Claudio, mi è crollato il mondo addosso. Ora andrò fino in fondo. Infine, visto che Lei, signor Fumagalli, non era d’accordo, perché non è riuscito a convincere il signor Brambilla a non cadere nel tranello del sistema inquisitorio del Bestione milanese?
SECONDA RISPOSTA PIÙ PONDERATA  
SIGNOR ALBERICO (CHICCO) FUMAGALLI
Signor Chicco Fumagalli, Lei difende incondizionatamente, “senza se e senza ma”, non solo la mia lotta contro un governo “capitanato” (termine caro ai leghisti) dal “bauscia” milanese, ma anche Merateonline come “voce libera” sul territorio.
Prima lo pensavo anch’io, poi man mano ho capito che qualcosa non funzionava. Che anche il Direttore di un giornale abbia idee e convinzioni politiche, nulla di male, anzi è più che legittimo e doveroso. Ma che assuma posizioni partitiche, certo velatamente, quando scrive articoli inerenti alle amministrazioni dei paesi, questo non accetto. E tanto meno accetto quando si attaccano “personalmente” qualche locale amministratore, e che lo si faccia tramite i suoi cronisti (che fanno stupide ironie fuori posto), questo è deplorevole.
Ma non accetto che il Direttore intervenga con pugno duro, tanto più se non conosce la realtà locale, nelle scelte amministrative dei Comuni. Anche qui, libero di farlo, ma anch’io, cittadino, dovrei essere “libero” di rispondere per le rime, con lo stesso pugno duro. Cavoli! Par condicio, o no?
Ma, signor Chicco Fumagalli, Lei così al di sopra delle parti (non lo dico con ironia!), come può scrivere che “il mio linguaggio è oggettivamente crudo e che in alcuni passaggi di difficile accettazione”, quando ho risposto (sì, lo riconosco, istintivamente!) ad un articolo per lo meno scritto con un linguaggio altrettanto “di difficile accettazione”? Certo, forse scritto con un linguaggio oggettivamente meno duro, ma ci sono termini inaccettabili, offensivi, anche con allusioni in stile mafioso, per non parlare poi di inesattezze imperdonabili, come quando il signor Brambilla dice che, prima di pensare a fare le fusioni, bisognerebbe fare l’Unione dei servizi, ignorando così la realtà della Valletta. Signor Fumagalli, ha letto l’articolo precedente di Brambilla?
Ma la cosa che mi ha mandato su tutte le furie è stata la “scorrettezza” di Brambilla Claudio, quando, senza preavvisare nessuno, né il Tribunale di Lecco né il mio avvocato, non si è presentato all’udienza per la mediazione.
E poi, domanda penso lecita: perché il signor Claudio Brambilla ha scelto la via del processo “civile”, invece che quello penale? Certo, forse più rischioso, ma più sbrigativo e soprattutto con l’intento di punirmi sul piano economico.
Signor Chicco Fumagalli, rifletta su questo dato di fatto: nel mio procedimento penale, come risarcimento la giornalista Grazia Graziadei tramite il suo avvocato mi aveva chiesto 25 mila euro, e il Giudice li ha poi ridotti a 3 mila. Qui, nel processo civile, Brambilla tramite l’avvocato mi aveva chiesto 15 mila euro, e il Giudice li ha poi ridotti a 5 mila! Non trova qualcosa di strano? No? Ok, va bene così!
Nessuno mi toglie dalla testa la convinzione che le querele civili siano promosse solo per chiedere soldi e così far zittire gli spiriti liberi., Ho già tre condanne, la prossima sarà per la querela di Salvini. A parte il fatto che personalmente possiede solo un’auto oramai vecchia, i miei soldi non li prenderanno se non a sgoccioli, e data anche la mia età si estingueranno nella tomba. Ma nessuno mi potrà fermerà, neanche se mi prendessi 100 querele e 100 condanne…
Chi querela è un debole, ha paura, minaccia.
Io mi difendo con le mie convinzioni, senza querelare nessuno. C’è invece chi si difende con le querele, e c’è chi va in giro armato (di pistola). Io sono disarmato, ma ho dentro una tale convinzione da spostare le montagne.
Prima reazione
Non so se la signora Luisa Biella, “compagna di vita e di lavoro” di Claudio Brambilla, Direttore di Merateonline, si riferisse ai miei commenti. In tal caso, avrebbe ragione. Che dovrebbe dire? Nulla. Di fronte alla verità dei fatti, bisogna tacere.  Se io avesse detto che sono “castronerie” probabilmente mi sarei beccato dal suo “compagno di vita” un’altra querela. Per farmi tacere, non servono le querele, e nemmeno una pistola, e nemmeno una mitragliatrice.  

 

9 Commenti

  1. LANFRANCO CONSONNI ha detto:

    Io vedo merateonline come un’azienda privata che produce informazione.
    Come tale rispecchia la linea di pensiero del suo direttore e della proprietà che investe nello strumento di informazione.
    Per quanto riguarda la ricaduta sul sistema culturale della nostra zona è senz’altro pesantissima.
    Gli effetti sociali possono essere considerati positivi o negativi, a secondo che il “partito MOL” sia più o meno in linea con il pensiero del lettore nel determinato momento o sullo specifico argomento trattato.
    Come esempi positivi, una per tutte, l’attenzione al nostro ospedale. Sin dal momento della sua nascita MOL ha sostenuto e difeso con determinazione la struttura, e probabilmente ha buona parte dei meriti se il Mandic è ancora aperto e funzionante.
    Altro aspetto positivo lo spazio messo a disposizione per l’informazione sulle varie iniziative del territorio con fruizione immediata 24 ore su 24, nonché la possibilità offerta a privati cittadini di rendere pubbliche le proprie opinioni di su appositi spazi messi a disposizione.
    Significativo il fatto che spesso cittadini comuni di rivolgano a MOL per farsi ascoltare dalle amministrazioni locali, dopo che i canali diretti non si sono dimostrati efficaci.
    Io stesso ho usufruito spesso di questi spazi per esporre idee e emozioni su svariati argomenti, o divertendomi a entrare in dibatti generati da questo strumento.
    Tuttavia, quando sono venuto a conoscenza del fatto che il direttore Claudio Brambilla ha coerelato Don Giorgio, ci sono rimasto molto male.
    Da quel momento ho deciso che RUNUNCERO’ a utilizzare questi spazi e non invierò più interventi o messaggi.
    Sono consapevole del fatto che nessun lettore se ne accorgerà, che alla struttura di merteonline nel suo complesso di questa decisione non glie ne potrà fregar de meno, ma nel mio piccolo è il massimo che posso fare per esprimere il mio giudizio negativo sull’iniziativa di Brambilla e la mia solidarietà a Don Giorgio, anche se a risultato zero.

    Lanfranco Consonni

    • Don Giorgio ha detto:

      Proviamo anche a chiederci perché Merateonline è l’unico o quasi informatore online locale. Mi dicono che il signor Claudio Brambilla, quando viene a sapere che un giornale locale cartaceo pubblica prima del suo giornale qualche notizia, va su tutte le furie, perché lui deve essere il primo a trasmettere le notizie. Oramai si è creato un impero mediatico che scoraggia la nascita di altri informatori. Quanto durerà? Non durerà a lungo. L’inizio della fine è già iniziato. Ma un’altra cosa. Su tutti giornali c’è uno spazio culturale diciamo anche interessante. Su Merateonline nulla di seriamente culturale. L’ho già detto: se togliete le notizie più adatte per un bollettino parrocchiale Merateonline cade subito per terra.

  2. Antonio ha detto:

    Oltre che insultare e mancare di rispetto si permette di fare della becera ironia… http://www.milanotoday.it/video/salvini-arcore-festa-lega.html, ed il popolino ride. Come è caduto in basso un vice presidente del consiglio nonchè ministro dell’iterno. Ma chi lo vota questo qua????

  3. Giuseppe ha detto:

    Se un esponente politico (Salvini tanto per fare un esempio) insulta e manca di rispetto a una persona qualsiasi, ci si fa dell’ironia e la cosa, di solito, non ha conseguenze. Se quella stessa persona, o un’altra fa poca differenza, insulta e manca di rispetto al personaggio di cui sopra, scatta la querela o, peggio ancora un indagine per vilipendio eccetera, eccetera, eccetera.
    Eppure, se non sbaglio, si sostiene che “la legge è uguale per tutti”…

  4. Giuseppe ha detto:

    La querela è l’arma di chi non ha argomentazioni per ribattere e ha tempo da perdere…

    • Don Giorgio ha detto:

      Sì, ma è anche violenza nei riguardi della libertà di opinione e soprattutto una eventuale condanna pesa su chi subisce tra l’altro una ingiustizia.

      • Elia ha detto:

        Nessuno ha mai querelato nessuno per aver ricevuto delle critiche, anche feroci. Molti hanno querelato molti per aver ricevuto offese ed insulti. Perche’ ci si meraviglia?

        • Don Giorgio ha detto:

          Ho ricevuto migliaia e migliaia di insulti di ogni tipo (dire 200 mila è dir poco) ma non ho mai querelato nessuno. Chi è un personaggo pubblico (anch’io nel mio piccolo lo sono) deve stare al gioco e accettare tutto, anche gli insulti. Nel caso di Claudio Brambilla, il problema è questo: lui può insultare, fare il prepotente con tutti, ma se lo combatti lui ti querela. Prima di giudicare, bisogna leggere entrambi gli articoli: quello del Direttore di Merateonline e la mia risposta. Non credo che l’articolo del Direttore sia stato, eventualmente, meno offensivo del mio. E allora, par condicio. Alla pari! No, io condannato, e lui assolto!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi