Ecco il nuovo trafficante che fa partire i barconi verso l’Italia

L’etiope Mebhratom, trafficante di uomini
da AVVENIRE
10 settembre 2020
La storia.

Ecco il nuovo trafficante

che fa partire i barconi verso l’Italia

Paolo Lambruschi
I profughi lo conoscono bene: si chiama Mebhratom, è di origine etiope. Da settimane organizza partenze dalla Libia. Un altro schiavista è Robot, l’eritreo, che da Zwara imbarca i connazionali
Mebhratom, l’etiope del Tigray, sta organizzando da settimane le partenze dei profughi eritrei dalla costa libica, esattamente da Zwara. Gli fa concorrenza Robot, l’eritreo, che sempre da Zwara imbarca i connazionali. Trafficante tutto casa e lavoro, dato che ci vive con la moglie e il figlio. Furbo e ricco, ha perfino fatto registrare la compagna sulle liste dell’Unhcr per tenersi aperto un canale di salvataggio. Mebhratom invece sarebbe riuscito a entrare personalmente nelle liste dei rifugiati da proteggere. Avrebbe fatto meglio persino del potente Wedi Isaak, da anni uno dei più noti signori eritrei del traffico in Libia, che è stato individuato e bloccato dai funzionari delle Nazioni Unite.
Sono i due nuovi trafficanti che stanno facendo partire i barconi verso l’Italia. I profughi e la diaspora in Europa e oltreoceano che paga i viaggi della speranza o della morte per i congiunti, li conoscono bene. In questo momento ci sarebbero almeno 500 persone fuggite dal ghetto di Gargarish a Tripoli, soprattutto eritrei, che hanno pagato le due volpi del Corno d’Africa per partire e attendono l’occasione giusta. Le milizie hanno fatto girare attorno a Ferragosto un ultimatum per far sloggiare dal sobborgo della capitale libica la nutrita comunità di rifugiati urbani del Corno d’Africa, quasi tutti registrati dall’Unhcr, che vi ha preso in affitto tuguri sovraffollati o che ci vive per strada. Privi della protezione dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati, il cui personale occidentale per ragioni di sicurezza è stato trasferito a Tunisi, molti migranti disperati hanno deciso di tentare a ogni costo la via del mare verso l’Ue. I due garantiscono a chi può pagare 1.300 o 1.500 dollari di non venire intercettati dalla cosiddetta guardia costiera libica perché, dicono gli stessi profughi, gli versano una tangente del 30% della somma versata da ogni passeggero. Finora avrebbero messo a segno almeno un paio di colpi a testa tra luglio e agosto con salvataggi o arrivi a Lampedusa, dicono i profughi rimasti a Tripoli che ricevono i messaggi dai compagni giunti a destinazione. I contrattempi non li fermano, i due criminali hanno i contatti per risolvere i problemi e oliare gli ingranaggi. A Mebhratom, ad esempio, è capitato di aver organizzato la partenza di un barcone da circa 80 persone la sera tra venerdì 28 e sabato 29 agosto, ma si è rotto uno dei due motori e la cosiddetta guardia costiera di Zwara ha arrestato 10 persone. Il giorno dopo il tigrino ha pagato ai libici mille dinari di cauzione a testa per liberarli. Le reti di Mebhratom sono poco conosciute, ma di lui è disponibile una fotografia e risponde alle telefonate sui numeri libici. Più misterioso Robot, che ha un profilo con foto di adolescenti sui social (indispensabili ai trafficanti per concludere i loro sporchi affari) ma di cui non si hanno immagini.
Più nota la sua rete criminale in Libia. È in affari, secondo la comunità eritrea di Tripoli, con il boss sudanese del traffico detto Aziz, uno dei signori della rotta maledetta tra Khartoum e Kufra. Robot è soprattutto l’ex braccio destro del famigerato Abuselam, il supertrafficante eritreo soprannominato “ferenshawi”, il francese, che fino allo scorso novembre gestiva l’hangar delle torture per i connazionali nella fabbrica della morte di Bani Walid, il campo non ufficiale gestito dalle milizie. L’inchiesta Glauco 4 della procura di Palermo ha confermato il suo ruolo criminale. Viene accusato da numerosi testimoni di stupri, torture per estorcere riscatti alle famiglie e degli omicidi di chi non poteva più pagare. Dallo scorso autunno si sarebbe spostato a Dubai. Robot è il suo successore. La scorsa settimana un barcone di 95 persone partite da lui è stato salvato. E ha fatto arrivare profughi eritrei persino da Tunisi per imbarcarsi perché ha regalato il viaggio alle donne. Una singolare operazione per rispondere, dopo che le sue minacce di morte sono state ignorate, alle accuse dei rifugiati di Eritrea democratica che, in una infuocata diretta su Facebook, lo hanno accusato di avere sulla coscienza i 25 cadaveri ripescati dopo il naufragio del barcone affondato a Lampedusa lo scorso novembre con 149 persone a bordo. Ma chi aspetta a Zwara preferisce sfidare il mare che tornare a Tripoli.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi