Dacia Maraini: “Io sto con le donne curde

www.huffingtonpost.it

Dacia Maraini:

“Io sto con le donne curde”

La scrittrice: “Il governo italiano prenda posizione, in Siria c’è un aggressore e un aggredito e noi dobbiamo dire che stiamo dalla parte di quest’ultimo. Tutto succede per l’azione di un uomo poco responsabile, Trump…”
By Umberto De Giovannangeli
 “Sono piena di ammirazione per queste ragazze, per queste donne curde che combattono non solo per difendere un territorio, ma per difendere la libertà del loro popolo e per i diritti che come donne hanno conquistato. Loro sì che rappresentano un esempio, una speranza. Per questo chiunque di noi abbia una coscienza democratica, soprattutto noi donne non possiamo non dirci ‘ curde’ ed essere a fianco di queste straordinarie combattenti per la libertà”. A sostenerlo, in questa intervista ad HuffPost, è una delle più grandi scrittrici italiane: Dacia Maraini. “Al Governo italiano – dice la scrittrice – mi sento di chiedere di prendere posizione e di agire di conseguenza in ogni organizzazione internazionale di cui facciamo parte, l’Unione Europea, l’Onu, la Nato. In ciò che sta avvenendo in questi giorni, in queste ore nel Nord della Siria c’è un aggressore e un aggredito. Noi dobbiamo essere dalla parte di quest’ultimo”.
Della resistenza curda nel Nord della Siria, ciò che sembra colpire di più l’immaginario collettivo è che in prima fila a combattere, ieri l’Isis oggi l’invasione turca, sono le donne. Quale considerazione le sollecita questo fatto?
Quelle donne, molte delle quali giovanissime, sono un’avanguardia culturale e non solo e tanto un fatto militare. Sono un fenomeno culturale molto importante, ed è proprio questo che dà più fastidio, che fa più paura al mondo tradizionale musulmano, a società rimaste fondamentalmente patriarcali. Si parla di territori, di confini, ma, a. mio avviso, si sottovaluta il fatto che queste donne stanno difendendo una idea, un modello di società fondato su una parità di genere. Stanno lottando per la libertà del loro popolo e per la difesa di diritti che non sono stati regalati loro, ma sono frutto di una lotta, anche e per certi versi soprattutto culturale, che le hanno viste come protagoniste. Per questo dico che noi donne italiane, noi donne europee oggi non possiamo non dire che siamo tutte curde. Sì, sono piena di ammirazione per queste ragazze, per il loro coraggio, che nasce dalla consapevolezza dell’importanza di ciò per cui si stanno battendo: per loro, lo sottolineo perché credo davvero che sia un fatto importante, non è soltanto una questione territoriale ma è anche conservare questi diritti, diritti che hanno conquistato, perché i diritti, noi donne lo sappiamo molto bene, si conquistano e non ti vengono regalati. Quello delle donne curde dovrebbe essere un esempio, un modello.
Di fronte alla tragedia che rischia di consumarsi nel Nord della Siria, c’è chi, in Italia, lamenta una scarsa mobilitazione della società civile.
Sì, forse non c’è una mobilitazione massiva, tuttavia ci sono stati tanti italiani che sono andati a combattere a fianco dei curdi. A combattere per un ideale, non per un territorio. Mi ricordano le migliaia di europei che andarono a combattere in Spagna contro Franco. E’ un modo di vedere il mondo che vanno a difendere. I media italiani dovrebbero parlane di più, mettendo maggiormente in evidenza la democraticità di questo popolo.
Cosa si sente di chiedere al Governo italiano?
Che prenda una posizione chiara, netta e che faccia seguire i fatti alle parole. Portando le ragioni degli aggrediti, delle aggredite in tutti gli organismi internazionali di cui facciamo parte. Quella che si sta consumando in questi giorni, in queste ore, mentre noi stiamo parlando, nel nord della Siria, è una vicenda dove è chiaro chi è l’aggredito e chi l’aggressore, chi è la vittima e chi il carnefice. Le grandi organizzazioni internazionali, a cominciare dall’Onu, non possono limitarsi alla solita denuncia o ad appelli alla moderazione che di certo da soli non fermeranno un dittatore, Erdogan, che ha sequestrato il suo Paese, incarcerato migliaia di oppositori, e che oggi intende dare una lezione, mortale, ai curdi. Non si tratta di mandare soldati o alimentare un’altra guerra, ma si utilizzi lo strumento delle sanzioni per fermare la mano dell’aggressore. Purtroppo, questa situazione è anche il frutto dell’azione di un uomo poco responsabile, per usare un eufemismo…
Di chi sta parlando?
Di Donald Trump. Un uomo che non calcola mai quello che le sue parole provocano, è come se non fosse capace di ponderare le conseguenze. E questo è un qualcosa di veramente grave e pericoloso perché l’uomo in questione è il presidente degli Stati Uniti, della più grande potenza mondiale.

 

 

1 Commento

  1. mctrump ha detto:

    Meno male che Trump non responsabile si chiude nei suoi muri. Bush invece si sentiva responsabile di riportare all’ordine gli stati canaglia.
    L’Europa pensa tutto il mondo cada in ginocchio davanti ai suoi valori universali proclamati con risoluzioni che non risolvono nulla. E’ una somma di stati sovrani, delle stesse dimensioni dell’Unione Indiana che non mi pare faccia tanti appelli.
    Solo questa presunzione di essere il Giusto fa distinguere le sanzioni dai ricatti. Non è neppure detto che dall’interruzione degli scambi commerciali la Turchia ci rimetta più dell’Europa

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi