Padre Maccalli è rientrato in Italia

da AVVENIRE
9 ottobre 2020
Liberato.

Padre Maccalli è rientrato in Italia

Redazione Internet
Con padre Gigi è stato liberato anche un altro italiano, Nicola Chiacchio. Ad attenderli a Ciampino c’erano il premier Conte e il ministro degli Esteri Di Maio. Al Qaeda dietro il rapimento
L’aereo con a bordo padre Pier Luigi Maccalli e Nicola Chiacchio, i due connazionali liberati giovedì in Mali, è atterrato alle 14 all’aeroporto di Ciampino a Roma. Ad accogliere i due italiani c’erano il premier Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
“Questo pomeriggio sono finalmente rientrati in Italia padre Pierluigi Maccalli e Nicola Chiacchio – scrive su Facebook il premier -: li ho accolti in aeroporto, insieme al ministro Luigi Di Maio, anticipandogli la gioia della intera comunità nazionale. Ora potranno riabbracciare i propri cari dopo il lungo periodo trascorso in mano ai terroristi. Una bella giornata per l’Italia”.
Anche “il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – si legge in una nota del Quirinale -, ha espresso la sua soddisfazione per la liberazione di Padre Pierluigi Maccalli e di Nicola Chiacchio, e ha manifestato il suo apprezzamento al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e agli organismi di sicurezza dello Stato che si sono adoperati per la positiva conclusione della vicenda”.

La sorella: la speranza non è mai venuta meno

“Viviamo un’immensa gioia e una grande felicità. Dopo tanto tempo di attesa finalmente lo posso riabbracciare” ha detto Clementina Maccalli, la sorella di padre Maccalli, in un’intervista a InBlu Radio.
“La sua missione – ha aggiunto Clementina – è portare il Vangelo dove ancora non è conosciuto. Quando lo vedrò non gli dirò alcuna parola ma lo abbraccerò forte. E un abbraccio vuole dire tanto”. “La speranza – ha proseguito la sorella di padre Maccalli ai microfoni di InBlu Radio – non è mai venuta meno. Abbiamo tanto fede e questa ci ha aiutato. Lo aspettano tutti e in tanti ma non solo in Italia. Coloro che lo hanno conosciuto sono tutti felici”.

La gioia di monsignor Lompo (Niamey)

“Un grande grazie per questa bellissima notizia. Noi sacerdoti, religiosi e religiose e delegati laici della diocesi di Niamey siamo riuniti nell’assemblea di inizio anno pastorale. Tutto sta andando tutto bene e questa mattina siamo tutti felici di apprendere della liberazione di nostro fratello Gigi” ha dichiarato monsignor Laurent Lompo, vescovo di Niamey, dopo la liberazione in Mali di padre Pier Luigi Maccalli in Mali. Il religioso, quando è stato rapito due anni fa (17 settembre 2018) in Niger, era nella sua missione a Bomoanga, proprio nella diocesi di Niamey. “Ieri – prosegue il presule – abbiamo parlato molto di lui per sempre attraverso la testimonianza dei fedeli che sono a Bomoanga. Ringrazio tutti coloro che hanno aiutato a liberare questi ostaggi”.

Gianotti (Crema): incoraggiamento per chi testimonia il Vangelo in situazioni difficili

“Con gioia grandissima, al suono festoso delle campane della cattedrale, della sua parrocchia di Madignano e di tante chiese delle diocesi di Crema, abbiamo accolto nella serata di giovedì 8 ottobre 2020 la notizia della liberazione, avvenuta in Mali, di padre Gigi Maccalli e di altri ostaggi che ne condividevano la prigionia: una prigionia durata, per lui, quasi venticinque mesi, da quel 17 settembre 2018 che ne ha visto il rapimento nella sua parrocchia di Bomoanga, in Niger”. Lo ha affermato il vescovo di Crema, monsignor Daniele Gianotti, in un comunicato, diffuso sul sito della diocesi di Crema.
“La gioia di tutta la diocesi di Crema si unisce a quella dei familiari di padre Gigi – e specialmente della sorella Clementina e dei fratelli padre Walter e Angelo –, dei confratelli missionari della Società delle Missioni Africane, della diocesi di Niamey, dei tanti amici che in questi lunghi mesi hanno condiviso l’apprensione, le speranze, la preghiera e l’attesa – prosegue il presule -. Stiamo vivendo l’Ottobre missionario: vorrei leggere in questa liberazione un segno di fiducia e di incoraggiamento per tutti quelli e quelle che testimoniano il Vangelo di Gesù nelle situazioni più esposte e difficili”. Di qui l’auspicio: “La liberazione di padre Gigi rafforzi la nostra fiducia nella preghiera insistente e instancabile” e “aiuti tutti noi discepoli di Gesù a dare buona testimonianza di Lui, prima di tutto con la vita evangelica e con la stessa dedizione di padre Gigi nel riconoscere e far crescere nel mondo segni di risurrezione e di vita”.
Il vescovo si augura che “la liberazione di padre Gigi sia un segno promettente di speranza per quanti altri sono prigionieri per la loro fede e la loro lotta per la verità, la giustizia e la riconciliazione; e sia seme di pace e fiducia per il Niger da lui tanto amato, e per tutta l’Africa. Interceda per noi il ‘nostro’ missionario martire, il beato Alfredo Cremonesi”.

Tasca (Genova): “grande gioia” per “evento atteso da oltre due anni”

“Esprimo la mia grande gioia, insieme all’intera comunità diocesana genovese, per la notizia della liberazione di Padre Pier Luigi Maccalli. Ringraziamo il Signore per questo evento atteso da oltre due anni, durante i quali ci siamo uniti nella quotidiana preghiera per la salvezza del caro missionario” scrive in una nota l’arcivescovo di Genova, Marco Tasca.
“Ringraziamo tutte le persone che in diversi modi e con diverse responsabilità si sono adoperate per la sua liberazione Condividiamo la nostra gioia con i fratelli e la sorella di Padre Pier Luigi: Walter, anch’egli missionario SMA, Angelo e Clementina; pensiamo a quanta apprensione abbiano dovuto sopportare per il rapimento del loro fratello! Condividiamo la gioia degli appartenenti alla Società Missioni Africane, del loro Generale Padre Antonio Porcellato ed in particolare dei confratelli missionari presenti a Genova, dalla cui comunità Padre Maccalli è partito anni fa per la sua missione africana. Questo giorno, carico di commozione, ci offre l’opportunità di sentirci ancor più vicini al mondo missionario, sacerdoti, religiose e laici che con grande generosità e coraggio pongono la loro vita a servizio del Vangelo”.

La prima foto di padre Maccalli e degli altri liberati

Ecco la prima foto di padre Luigi Maccalli libero. L’ha pubblicata stamattina il sito maliano Maliweb.net.
Padre Gigi è l’ultimo in basso a destra. Lo stesso sito – come riporta il sito della Società Missioni Africane – rivela da fonti ufficiali che la liberazione sarebbe già avvenuta martedì 6 ottobre. Gli ostaggi sarebbero stati trattenuti dalle autorità maliane nella città del nord del Mali, a Tessalit.
Il politico maliano Soumaïla Cissé, capofila dell’opposiziome, era arrivato già ieri sera a Bamako, capitale del Paese, accolto dai suoi sostenitori.
Africa. Liberati in Mali padre Maccalli e Nicola Chiacchio
Del rapimento di Nicola Chiacchio,anche lui finalmente libero, non si sapeva quasi nulla.

La svolta con il cambio di regime in Mali

La svolta che ha consentito di arrivare alla liberazione di padre Maccalli e di Chiacchio – alla quale hanno lavorato attivamente l’Aise, il servizio segreto esterno, e la Dgse, l’intelligence maliana – sarebbe arrivata il 18 agosto, quando è stato deposto il presidente Ibrahim Boubaka Keita e si è insediata la giunta militare capeggiata dal colonnello Goita.
Quel passaggio, affermano qualificate fonti d’intelligence, avrebbe consentito di aprire una nuova fase che ha visto il coinvolgimento di influenti personalità locali come l’ex deputato del resemblement del Mali, Mohammed Ag Bibi, per pacificare la regione. Non solo: il cambio di strategia politica dei nuovi leader, che ha visto il coinvolgimento delle minoranze della regione del nord del Mali nel governo di transizione, ha dato rilievo e visibilità alle stesse minoranze, prima escluse.
Un passaggio che ha portato come primo risultato alla liberazione di Soumalia Cisse, un noto esponente dell’opposizione che per tre volte era arrivato secondo alle elezioni caratterizzate però molto probabilmente da brogli a favore dell’ex presidente Boubaka Keita.
Il secondo risultato, invece, è stata la liberazione dei due italiani – Maccalli rapito in Niger il 18 settembre del 2018, Chiacchio sequestrato in Mali il 4 febbraio del 2019 – e di un terzo ostaggio, la francese Sophie Petronin, rapita quattro anni fa.

Rapimento gestito da tre gruppi jihadisti legato ad Al Qaeda

“Siamo stati gestiti da tre gruppi, tutti appartenenti alla galassia jihadista legata ad Al Qaeda. Il primo è stato quello dei pastori fulani, il secondo composto da soggetti di origine araba e il terzo da tuareg”.
È quanto raccontato da padre Pierluigi Maccalli e Nicola Chiacchio, parlando con i pm Sergio Colaiocco e Francesco Dall’Olio, coordinati dal procuratore Michele Prestipino, in una caserma del Ros “Siamo stati sottoposti a lunghi spostamenti che duravano giorni, anche su moto e barche, attraversando il Burkina Faso per arrivare fino in Mali. Siamo stati tenuti insieme dal marzo del 2019 fino alla liberazione”.

1 Commento

  1. antonio ha detto:

    Sarebbe interessante qualcuno lo video-intervistasse, per capire cosa sia successo e quali siano le reali dinamiche di quei paesi così vicini, eppure lontani anni luce dai media di massa… Cosa ne pensano ad esempio gli africani, in particolare quelli che non vedremo mai sulle nostre televisioni… , delle migrazioni e delle politiche europee, quali conseguenze abbiano, nel radicamento ed affermazione degli integralismi islamici, le politiche razziste e neofasciste spina di gruppi integralisti europei come alba dorata in Grecia o la lega in Italia…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi