Alla barbarie del No bisogna reagire con l’intelligenza del Bene comune

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Alla barbarie del No bisogna reagire

con l’intelligenza del Bene comune

Dopo aver smaltito, ma solo in parte, tanta amarezza e altrettanta rabbia per la vittoria schiacciante dell’accozzaglia invereconda e oscena di quelli del No alla Riforma costituzionale, anche se sono sempre pronto a scaricare ogni maledizione possibile sui milioni di italiani accecati da bastardi distruttori del Bene comune, non sono però un tipo che mi rassegni facilmente alla bastardaggine fattasi purtroppo opinione comune, e trovo sempre il modo per uscirne a testa alta, sicuro che anche dal male più osceno può venire un bene insperato.
Certo, il male resta male, la bastardaggine resta bastardaggine, ma si spera che i buoni e gli onesti escano dall’accozzaglia comune e riprendano a ragionare.
Si è visto, nei mesi scorsi, quanto fosse incalcolabile l’oscuramento mentale di una buona parte del popolo italiano, e quanta miseria culturale regnasse anche tra i cosiddetti “illuminati” messia, laici o credenti, ma prigionieri di menzogne o di quelle buone intenzioni che conducono all’inferno.
Non so se abbiamo toccato il fondo, anche perché c’è sempre un fondo del fondo; come ha detto Albert Einstein: che la stupidità umana sia infinita non ci sono dubbi. Non trovo alcuna giustificazione o, meglio, non riesco a trovare una ragione per giustificare l’oscurantismo di un popolo che usa il voto per scannarsi a vicenda, in perenne contraddizione con quel suo volere un benessere, che, autodistruggendosi, resterà sempre un qualcosa di fasullo, come una montagna di illusioni e disillusioni, pronta a coprire anche quel poco di coscienza che forse è rimasta ancora. 
Comunque, basta piangerci addosso. A far pena casomai sono coloro che si sono pisciati addosso votando No alla Riforma costituzionale. Pensando a questa marmaglia, con il mio Sì posso vantarmi di appartenere alla parte migliore dell’Italia.
Ora bisogna reagire, con quella “cattiveria” che non significa pura vendetta o altro, ma quella testardaggine o orgoglio che vuole trasformare in un nuovo miracolo ciò che appare umanamente e politicamente irreparabile, usando quella intelligenza creativa, che sa, appunto, contrapponendosi alla marmaglia, ricavare dal male un bene migliore. E sarà qui, ancora una volta, la carta vincente che sorprenderà gli allocchi e gli ottusi, anche se vincenti per il momento, ma solo per il momento.
È ora di ribellarci e di far valere quei Valori che non appartengono agli idioti o a quei giocatori d’azzardo che barano, pur di godersi un orgasmo vedendo una nazione a brandelli.
Diciamo di più. In realtà quella del No non è stata una vera vittoria: se a vincere è stata una accozzaglia di partiti e partitelli, di ogni risma, di ogni sponda, di ogni fondamentalismo, di mangiatori di ostie e di pregiudizi prezzolati, allora diciamo che è stata la più grande sconfitta della Democrazia, che, quella vera, guarda al Bene comune non con l’accetta di chi distrugge ogni tentativo di rinascita, ma con l’intelligenza acuta di chi guarda la società, con sano realismo, con buon senso e con la pazienza del contadino che semina bene, sapendo che un nemico ha seminato la zizzania. La zizzania ci sarà sempre, ma il problema è che una buona parte degli italiani la scambia per il buon grano. E purtroppo succede che con il voto si pensa di poter giustificare tale scambio, anzi imponendo la zizzania come una scelta democratica.
10 dicembre 2016 
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2
         

 

2 Commenti

  1. GIANNI ha detto:

    Bisogna guardare al domani, alle cose da fare, e prepararsi ai nuovi scenari, che si stanno delineando, probabilmente in modo più chiaro di quanto si potesse prevedere prima del voto.
    Renzi non intenderebbe assumere un reincarico per ben precisi motivi, mentre Gentiloni sta scaldando i motori per il nuovo governo.
    Tutti i media, quasi indistintamente, concentrano l’attenzione sulla riforma elettorale, ma si tratta di un falso problema.
    Dopo che a gennaio la corte costituzionale avrà dichiarato l’illegittimità di alcune parti della legge, sarà praticamente già pronta la sostituta, già elaborata dai tecnici degli uffici legislativi delle camere, del governo, nonchè da esperti dei partiti.
    Non a caso, i politici che ora compaiono in tv paiono abbastanza preparati sul tema, proprio perchè intanto si sono studiati il relativo dossier, già predisposto dai tecnici.
    Una quadra la si troverà, qualche riunione di politici per definire le linee guida, qualche riunione tra tecnici, incaricati di metterle in atto, e il piatto sarà servito….
    Il vero problema, su cui l’attenzione è stata inferiore, è quello economico, si tratta del salvataggio di MPS.
    Una patata bollente politicamente, comunque si voglia considerare la questione.
    In sede europea non è stato concesso di dilazionare i termini per l’aumento di capitale, ed ora si teme che la banca non ce la faccia ad ottenere i soldi necessari al salvataggio.
    Le opzioni rimaste sono quindi solo due: o il famoso bail in, con conseguenti polemiche politiche sullo scaricare la patata bollente su obbligazionisti, azionisti e correntisti, oppure il salvataggio di stato, che, ricorrendo a soldi pubblici, darebbe comunque il via ad una serie di polemiche.
    Pare prevalere quest’ultima opzione, dal momento che Padoan ha rinunciato a riunioni in sede europea, per studiare la bozza di provvedimento con i tecnici.
    E, ovviamente, l’UE chiede però in cambio ulteriori sacrifici, in particolare di non dilazionare l’entrata in vigore delle clausole di salvaguardia sul bilancio dello stato, legate all’aumento dell’IVA, nel caso i conti pubblici ancora non rientrassero in certi parametri, con tutto quel che ne deriverebbe in termini di polemiche proprio per non aver evitato l’aumento dell’Iva.
    Pertanto, come si vede, proprio il salvataggio di MPS espone il governo a critiche di diverso tipo.
    Saggia quindi la decisione di non presiedere il relativo esecutivo, che dovrà mettere in atto tale provvedimento, da parte di Renzi.
    La scelta migliore, per il bene dell’Italia, a mio avviso sarebbe un governo politico che perseguisse la politica riformista intrapresa da Renzi, per concludere il proprio tragitto solo alla scadenza delle elezioni previste per il 2018.
    Mancando le condizioni per un tale progetto, mi auguro che le forze che hanno sostenuto l’attuale maggioranza, riescano ancora vittoriose da elezioni anticipate.
    In tal senso, alcuni sondaggi paiono attribuire ad un partito di Renzi, anche svincolato dal PD, un 40 per cento dei consensi.
    Mi auguro che Renzi risulti ancora vincitore, in caso di elezioni, con o senza PD, e sopratutto mi auguro che non vadano al governo personaggi come giullari, o espressione della vecchia classe dirigente, votata all’immobilismo stagnante e maleodorante di una politica, che è meglio dimenticare, relegandola ad un passato, che mi auguro non torni mai più.

  2. Patrizia ha detto:

    Il bello è, caro don Giorgio, che molte persone che hanno votato no, cominciano ad essere terrorizzate dai nomi che si vanno affacciando, compreso quel di Arcore.
    Avete voluto la bicicletta? Adesso pedalate.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi