Omelie 2018 di don Giorgio: ULTIMA DOPO L’EPIFANIA

11 febbraio 2018: ULTIMA DOPO L’EPIFANIA
Is 54,5-10; Tm 14,9-13; Lc 18,9-14
Peccati, tradimenti e promesse 
Una prima riflessione ce la offre il brano di Isaia o, meglio, del profeta anonimo che gli studiosi chiamano il Secondo o Deutero Isaia, che ha scritto la seconda parte del libro di Isaia, ovvero i capitoli che vanno dal 40 al 55, dove si annuncia e si descrive il ritorno degli esuli ebrei nella loro patria.
Il Signore aveva punito, forse troppo duramente, il popolo eletto, con la distruzione nel 586 a.C. da parte dei babilonesi del tempio di Gerusalemme e la deportazione in massa degli ebrei a Babilonia, dove rimasero in schiavitù per più di cinquant’anni. Solo con l’editto del 538 a.C. del persiano Ciro il Grande, gli ebrei poterono tornare in Palestina. Qui trovarono desolazione e dovettero ricostruire tutto: le mura della città e il tempio. Iniziava così un nuovo periodo.
A leggere le profezie del dopo esilio sembra di assistere a qualcosa di veramente straordinario e di definitivo, come se si trattasse di un nuovo eden, che non potrà più essere tolto per la gioia del popolo eletto, che finalmente potrà gustare in pienezza i frutti della terra promessa.
Il Signore non solo torna a garantire un futuro diverso, ma addirittura fa un giuramento: «Ora è per me come ai giorni di Noè, quando giurai che non avrei più riversato le acque di Noè sulla terra; così ora giuro di non più adirarmi con te e di non farti più minacce. Anche se i monti si spostassero e i colli vacillassero, non si allontanerebbe da te il mio affetto, né vacillerebbe la mia alleanza di pace; dice il Signore che ti usa misericordia».
Ma sarà proprio così? Non si trattava di un sogno “ingenuo” di profeti utopici?
La storia ci insegna che i sogni durano poco, che le utopie troppo belle sono irrealizzabili e che la realtà rimane la tragedia di una società fondamentalmente malata di egoismo, individuale e collettivo, senza poter vedere una via di uscita, neppure oggi dopo duemila anni di cristianesimo.
Le profezie come intenderle?
Come leggere allora la storia dell’umanità?
Secondo la Bibbia, il mondo è in cammino verso un futuro migliore, con la garanzia di un Dio che mantiene sempre le sue promesse. Ma è proprio così? Le risposte possono essere diverse.
Una prima cosa da dire è questa: non sembra che il progresso tecnologico di per sé abbia migliorato il mondo: certamente ha favorito le comodità, ha offerto più possibilità di allargare gli orizzonti culturali, di visitare luoghi lontani, in altre parole: di avvicinare il mondo e di portarlo quasi in casa nostra.
Ma con quali risultati? Di questo mondo globale presente nel nostro contesto esistenziale che cosa abbiamo preso: la parte migliore o la parte peggiore? Questo è il punto, o la vera domanda da fare.
Se l’uomo di un tempo, parlo della gente comune, quella povera, si accontentava di quel poco che aveva e lo prendeva come una benedizione divina, nonostante difficoltà di ogni genere, oggi sembriamo trottole in balìa di una tecnologia inarrestabile e impazzita.
Non possiamo dire che l’uomo moderno sia più felice, nonostante un maggior benessere materiale. Un tempo, c’era il ben-essere nonostante la povertà materiale, oggi c’è il mal-essere, nonostante un maggior avere.
Le lotte sindacali per la conquista dei diritti civili sono servite, certamente, ma solo in parte: forse ci saremmo aspettato di più, ovvero che la giustizia andasse oltre quell’individualismo di massa, che ha reso la società un insieme di tanti individui, vittime di un ego distruttivo di ogni solidarietà, e della stessa giustizia che non è solo mia, ma di tutti.
Che significa, dunque, mondo migliore?
Ho letto giorni fa il titolo di un articolo che è già un programma: il ’68 non ha più nulla da insegnarci, perché oggi il mondo è migliore di quello che era cinquant’anni fa. Certamente, il passato è passato, e il mondo d’oggi è diverso, ma in bene o in male? Possiamo star qui delle ore a discutere sugli aspetti anche negativi degli anni della contestazione sessantottina, ma dire che il mondo d’oggi sia diventato migliore è una grande bugia. Oggi siamo più alieni dei ragazzi che allora, cinquant’anni fa, contestavano bene o male l’avere di una società borghese e capitalista.
E oggi chi sono i giovani?
Politici e gerarchi ecclesiastici sono preoccupati per le prossime votazioni, perché, secondo alcuni sondaggi, una certa preoccupante percentuale dei diciottenni diserterebbe le urne.
A parte lodevoli eccezioni, che anche personalmente conosco, c’è da spaventarsi di questo mondo giovanile che pensa solo a costruirsi un proprio orticello, senza sporcarsi le mani impegnandosi in qualcosa di veramente serio, al di là di qualche impegno di tipo volontaristico che serve solo per salvare la faccia.
Anni fa si parlava di essere, della scoperta dell’essere. Gli stessi sessantottini erano attirati dall’essere, anche se poi questo fascino è durato poco, con l’avanzare del boom economico, con l’avvento del progresso tecnologico che ha dato un colpo fatale all’essere, creando le premesse della società di oggi, spaventosamente vuota della propria realtà interiore.
Non è vero che oggi il mondo sia migliore, se è vero che abbiamo sepolto o addirittura spento l’essere interiore.
In questa campagna elettorale tutti offrono a buon mercato un po’ di avere,  dietro la veste di ingannevoli promesse.
Sta proprio qui l’inganno, e sta qui anche la nausea dei giovani, che sono stanchi di sentire parlare di cose e cose, ma nello stesso tempo si rendono complici, restando vittime di una nausea, senza però reagire.
Ma a questi giovani chi parla del mondo dell’essere? La politica no, e purtroppo nemmeno la Chiesa.
Li invitiamo al voto, ma in nome di che cosa? Per un pugno di ceneri?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi