Ci sarà ora un prete milanese che uscirà allo scoperto?

di don Giorgio De Capitani
Ancor prima che la nomina di Mario Delpini a vescovo di Milano uscisse ufficialmente sui giornali, il clero milanese era scettico sul nome del Vicario generale, braccio destro di Angelo Scola.
Forse nessun prete ambrosiano era d’accordo, ritenendo tale nomina per lo meno “inopportuna””, secondo alcuni del tutto “disastrosa”.
Le ragioni erano tante, così tante che sarebbe del tutto inutile elencarne. Già dire “tante” è più che sufficiente per dire che la nomina è stata del tutto sbagliata.
Ma chissà perché papa Bergoglio ha scelto Mario Delpini.
Facendo dietrologia, qualcuno pensa che ci siano state delle “oscure” mosse o spinte da parte di “strani” personaggi.
Qualcuno fa il nome dello stesso Angelo Scola, che avrebbe fatto di tutto per volere come suo successore uno più o meno della sua linea o, addirittura, più mediocre per non offuscare il suo “stagnante” ministero a Milano, o addirittura uno, e Delpini era la persona giusta, che avrebbe completato la distruzione della linea di Martini e di Tettamanzi.
Ma c’è di più. Un vescovo, venuto da fuori diocesi, avrebbe scoperto le “debolezze” (uso un eufemismo!) di una diocesi oramai allo sfacelo!
Sta di fatto che, nonostante che il clero fosse contrario (ma lo era anche nei riguardi di Angelo Scola, e ce lo siamo tenuti per più di 5 anni), ecco che papa Bergoglio che fa? Sceglie  la persona meno “opportuna”, “la più mediocre sul mercato”: Mario Delpini.
Forse, e senza forse, Bergoglio non voleva rischiare troppo, scegliendo un altro Martini, e anche tenendo fede al suo principio: le diocesi più importanti vanno date a vescovi ortodossi, e possibilmente meno intelligenti, e anche meno mediatici di lui.
E così è stato!
Ora mi chiedo, vedendo i primi passi di un vescovo che non usa la testa, ma solo i piedi, facendo scelte pastorali del tutto scriteriate (vedi Sinodo minore!), vedendo che in diocesi i malumori tra il clero aumentano, vedendo la sua pochezza comunicativa pastorale (per non dire altro) e vedendo ciò che sta succedendo per il caso di don Mauro Galli (un vescovo che giura il falso!), mi chiedo se non sia giunto il momento che qualche prete milanese alzi la testa, e dica apertamente ciò che pensa del “suo” vescovo.
Qui in gioco è la diocesi milanese!
Questa diocesi sta finendo nel burrone!
Non c’è almeno un prete che abbia il coraggio di sostenermi apertamente, e di esporsi anche lui? Chissà! Uno, due, tre e poi la fila potrebbe allungarsi…
Ma non ci si rende conto che così non si può andare avanti, e che le cose peggioreranno, e che a pagarla sarà tutta la diocesi?
Non mi sento neppure di dire, anche se la tentazione l’avrei, che questa “disastrosa” situazione ce la meritiamo un po’ tutti quanti.
Purtroppo, la nostra diocesi ha sempre avuto un brutto vizio: quello di borbottare dietro le quinte, ma senza uscire allo scoperto. O, se qualcuno esce allo scoperto, lo fa per stupidità metodologiche o pastorali (liturgiche o educative), ma senza colpire il cuore del problema.
Oggi, ecco il cuore del problema: una diocesi (grande o piccola che sia) da dove deve partire per rendere il popolo di Dio più cosciente della sua realtà “spirituale”? Non sto qui a ripetere ciò che ritengo per “spirituale”, anche se una cosa la vorrei ridire: è la realtà dell’essere umano, nella sua realtà di “spirito interiore”!
Basta, dunque, fare, fare, fare… La diocesi milanese, in particolare, ha bisogno di riscoprire la sua realtà interiore. L’abbiamo constatato anche nelle ultime votazioni; il “nostro” (ma oramai non è più “nostro”!) popolo è diventato un agglomerato sensoriale di esigenze pancesche. Come rendere questo popolo-bue, ovvero di bufali impazziti, una comunità di spiriti pensanti, di esseri umani? Non si può “restare umani”, se non si cerca prima di “essere umani”.
Mi urta aprire il sito della Diocesi milanese, e trovare cose, cose, cose, iniziative, congressi, discussioni, e mai, dico mai, una parola sulla riscoperta di ciò che siamo.
L’avevo detto ai suoi tempi, in attesa della nomina del nuovo vescovo di Milano, che avrei sognato, desiderato, voluto, preteso un vescovo che puntasse alla riscoperta della realtà mistica.
Certo, è difficile parlare di alti valori dell’essere umano ai bifolchi, di cui sono piene le nostre comunità cristiane, ma se la gente è diventata bifolca è perché l’abbiamo educata male.
Bisogna partire, o ripartire dall’essere (che non ha connotati né politici né religiosi), se vogliamo ricostruire la Civiltà.
È insopportabile, inaccettabile, odiosa una Chiesa che continua nella strada dell’agire, del fare, del consenso popolare, accarezzando e pettinando i peli dei bufali.
A Milano ci è capitato un vescovo “piccolo, piccolo”, che si crede “grande grande” solo perché ha rimesso una nuova batteria in una macchina organizzativa che è senz’anima.
Chiediamo, sarebbe troppo?, un nuovo vescovo che rimettesse la carica nell’essere, e non nell’avere, o nel fare.
Se vogliamo trasformare il bestione in una comunità umana, non possiamo più accontentarlo, ma operare quella rivoluzione che punti all’essere, alla mente, al pensiero, all’intelletto, diciamo allo spirito.
 
 

 

1 Commento

  1. SImone ha detto:

    C’è bisogno di trasparenza. Il clero milanese deve chiedere l’intervento del Nunzio in Italia per verificare in modo equilibrato la gestione del caso Galli e in generale l’operato della nostra curia. Altrimenti l’arcivescovo con tutti i suoi burattini continueranno a spalleggiarsi coprendo ogni cosa. Mi sembra il minimo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi