Dalle fosse comuni irachene e siriane spunta il genocidio del popolo yazida

da AVVENIRE
2 marzo 2019
L’orrore.

Dalle fosse comuni irachene e siriane

spunta il genocidio del popolo yazida

Sara Lucaroni
Con la fine del Califfato tornano a casa i prigionieri, i bimbi indottrinati come kamikaze e le donne violentate. Le sepolture rivelano teste mozzate e corpi torturati
Vestiti di stracci. Gli occhi sgranati. Li hanno fatti sedere a terra a semicerchio per fotografarli bene, gli undici bambini yazidi messi in salvo dall’Fds, le Forze democratiche siriane. Non sono più curdi, tanto meno parlano la loro lingua dopo l’addestramento dei campi speciali del programma «Cuccioli del Califfato», per diventare soldati e kamikaze. Solo uno di loro ricorda la famiglia: padre ucciso e madre rapita a Sinjar nel 2014, l’attacco che ha massacrato, rapito, schiavizzato e fucilato o decapitato in tutto 10.400 uomini donne e bambini della minoranza religiosa invisa al Califfato.
Poi è stata la volta di una famiglia di quattro persone; due ragazze con numeri di telefono scritti sulle braccia; sei donne con i loro figli, fuggiti con decine di migliaia di civili durante i combattimenti per smantellare l’ultima sacca del Daesh nella Siria nord-orientale: meno di 500 miliziani che resistono e conoscono il destino di 3.000 donne e bambini che ancora mancano all’appello. Ma 23 è meno di 50. La cifra delle teste mozzate di donne dentro bidoni abbandonati in un tunnel ritrovate dai corpi speciali dell’esercito britannico durante le ultime fasi della battaglia a Baghuz, è netta e feroce.
«Il Daesh sta usando gli yazidi rapiti come scudi umani – ha commentato la Premio Nobel per la Pace 2018 Nadia Murad. Ho chiesto ripetutamente alla comunità internazionale di salvarli dalla prigionia». Un altro attivista yazida, Ali Hussein al-Khansuri, ha pubblicato la chat Whatsapp di un miliziano a cui chiedeva informazioni sulla sorte delle donne rapite diventate schiave sessuali e gli sarebbero stati spiegati i contorni di quest’ultimo massacro: ordinato dallo stesso Abu Bakr al-Baghdadi nel dicembre scorso, sarebbe la risposta ai bombardamenti degli ultimi quartier generali di Daesh da parte della Coalizione internazionale.
«Facciamo appello alle forze della Coalizione, agli Stati Uniti e chiunque stia combattendo il Daesh per scoprire il destino delle vittime e riportare indietro i prigionieri», hanno detto con una nota i leader delle organizzazioni tribali yazide in Iraq. Il loro non è l’unico appello di queste ore: molte Ong e anche l’Ufficio per le Minoranze religiose a Baghdad ha chiesto al governo iracheno chiarimenti ufficiali in merito a questo ritrovamento invitandolo a fare di più. «Ci sono piani e operazioni di ricerca in pieno svolgimento», fanno sapere dal Krg, il governo regionale del Kurdistan iracheno, dove si sei è rifugiata e vive ormai da 5 anni nei campi profughi la maggioranza degli sfollati di Ninive e Sinjar.
Non si conosce il numero di quanti possano essere ancora nella zona delle battaglie, tra Baghouz e Deir ez-Zor, sull’Eufrate, al confine con L’Iraq. Ma è un’area che si restringe di giorno in giorno. Notoriamente Daesh porta con sé i prigionieri mentre si sposta e molti potrebbero essere adesso intrappolati nell’assedio. Oppure trovarsi nei campi tra i siriani sfollati e le famiglie dei jihadisti in fuga: si stima siano tra 11.000 e 20.000 le persone fuggite dall’inizio del dicembre scorso dagli ultimi villaggi occupati. Gli yazidi combattono per la sopravvivenza della loro identità. Nelle scorse settimane un braccio di ferro per trasformare in museo la scuola di Kojo, teatro del peggiore massacro ai danni della minoranza e dove è stata rinchiusa la stessa Nadia Murad. Comunità, Onu, Unesco e Baghdad si sono viste sfidare dal Dipartimento per l’Educazione di Ninive che aveva quasi già avviato i lavori per riaprire le aule. In queste ore intanto è stata scoperta una nuova fossa comune con decine di cadaveri di yadizi, uomini e donne: il comandante delle Forze democratiche siriane Adnan Afrin ha detto che la maggior parte è stata decapitata.

 

3 Commenti

  1. bartolomeo palumbo ha detto:

    PARAGONARE L’uomo alle bestie, in certi casi é offendere gli animali.

  2. Patrizia ha detto:

    Spesso paragoniamo certi esseri umani alle bestie, e non ci rendiamo conto di offendere il regno animale, che arrivati a questo punto, in fatto di civiltà è ampiamente migliore di certa umanità.

  3. Giuseppe ha detto:

    Son morto ch’ ero bambino, son morto con altri cento, passato per il camino e adesso sono nel vento. Ad Auschwitz c’era la neve, il fumo saliva lento quel freddo giorno d’ inverno e adesso son qui nel vento…
    Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio: è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento e mi chiedo come può un uomo uccidere suo fratello, eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento.
    Ancora tuona il cannone, ancora non è contento, ancora non è mai sazia di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento. Mi
    chiedo se l’ uomo possa imparare a vivere senza ammazzare ed il vento mai si poserà…
    Saremo sempre a milioni in polvere qui nel vento?
    (parafrasi di Auschwitz di Francesco Guccini, 1966)

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi