Josefa Idem: “La mia strategia sul femminicidio”

 

Da il manifesto

Josefa Idem: “La mia strategia sul femminicidio”

Luisa Betti

10.06.2013

Intervista alla ministra per le pari opportunità: la task force contro la violenza sulle donne è già partita e la sua intenzione è di coinvolgere la società civile. Non esclude una commissione d’inchiesta: «Se la fanno, l’appoggio».

Lo ha confermato: con la presidente della Camera Laura Boldrini andrà all'apertura del Pride nazionale di Palermo il 14 giugno, e non c'è niente di strano per la ministra delle pari opportunità, Josefa Idem, che oltre a essere una persona disponibile non ha paura di dire quello che ha in testa. «Parlo col cuore e dico apertamente quello che penso», confessa mentre siamo sedute sulle poltroncine del suo ufficio, «e dire che andrò al gay pride mi sembra una cosa normale. Il fatto che molti si siano meravigliati, è la vera anormalità».
Idem è entrata nella squadra di governo come una sorpresa ed è una donna che nella sua vita ha vinto diverse medaglie grazie a un rigido pragmatismo. «Come ho già detto, lavorerò per una legge sull'omofobia e la transfobia – dice – perché nella mia vita mi sono sempre adoperata sui diritti delle persone mettendomi in ascolto, e mi sono accorta che ci sono tre tipi di soluzioni: quelle che funzionano, quelle che non hanno a che fare con il problema, e quelle che non verranno attuate. Nel mio metodo si tende al primo tipo di soluzione».

Anche sulla violenza contro le donne è applicabile questo sistema?
Non sono una sociologa, ma il cambiamento culturale è fondamentale per i diritti, compresi quelli delle donne.

Subito dopo il suo insediamento ha parlato di una task force sul femminicidio.
Sì e la stiamo facendo. Diciamo che sono 10 giorni che prepariamo la regia.

In che modo?
Il punto è il metodo. Ogni problema fa parte di un sistema più complesso e ha diversi aspetti che vanno considerati. Quando ti prepari a una gara non devi solo allenarti, ma devi mangiare sano, fare prevenzione, terapia, avere un buon materiale.

Cioè?
Agire all'interno del sistema e avere un approccio di squadra: questo è quello che sto cercando di fare con i dicasteri coinvolti sulla violenza che sono interno, giustizia, salute, lavoro, istruzione, università, economia e finanze. Lavoreremo con mini tavoli con l'auspicio di una relazione diretta con i tavoli interministeriali.

Che tipo di lavoro è?
L'obiettivo è un'indagine che ogni ministero fa sulla violenza rispetto alla sua competenza per vedere cosa funziona e cosa non funziona. Parallelamente ci saranno piccoli tavoli coordinati dalle pari opportunità dove parla la società civile che è un elemento fondamentale, anche lì ognuna con la sua competenza. C'è bisogno di voci autentiche.

E come saranno scelte le associazioni?
Dopo l'audit fatto a Roma sto continuando ad ascoltare, poi faremo un bilancio di competenze.

I centri antiviolenza ci saranno?
Sono fondamentali. Sono loro che finora hanno salvato le donne con un grande sforzo di volontà e che devono essere messi in sicurezza, devono essere stabili e avere fondi costanti.

Ma i soldi ci sono?
Di solito non ci sono mai soldi ma quando si sviluppa la sensibilità delle persone, a un tratto si trovano. Perché se un tema diventa cultura, si può trasformare in azione politica.

Lei ha parlato di un decreto legge sul femminicidio, lo farà?
Bisogna prima ascoltare chi lavora sul territorio e vedere cosa esce dal confronto interministeriale, solo dopo penseremo al decreto. Voglio un'azione che sia vicino alla realtà, non pura teoria o ricette precostituite.

Con un governo di destra e sinistra insieme, che hanno anche posizioni diverse rispetto al femminicidio, non sarà così semplice.
Non ho mai fatto previsioni sugli esiti. Si vedrà di cosa c'è bisogno solo nel momento in cui ci saranno dati alla mano e dopo un confronto con una larga fetta della società. Allora vedremo come agire: la realtà è una.

Cosa pensa delle donne che ha incontrato?
Che hanno la giusta cocciutaggine, motivazione, una nobilità d'animo fuori dal comune, ma anche un senso d'impotenza.

Perché?
Perché mancano le risorse ma anche gli strumenti. Malgrado tutto l'impegno che queste donne ci mettono, il problema non tocca le coscienze nel profondo. Insomma non ci si rende ancora conto che questa è una lesione dei diritti fondamentali, e che se è vero che una donna su tre ha subito violenza, si tratta di un fenomeno di dimensioni enormi.

Quindi non c'è la giusta percezione?
L'ignoranza crea situazioni che proliferano e un punto sono gli stereotipi. Nella scuola, per esempio, va fatto un intervento che metta in funzione il senso critico andando in profondità. Fabiana, prima di essere uccisa dall'ex, è stata picchiata da lui davanti agli amici. La percezione della violenza e il suo il riconoscimento ci deve essere non solo quando una donna viene uccisa ma prima. Il padre di Fabiana aveva denunciato il ragazzo a gennaio e la figlia a maggio è stata uccisa.

Forse si doveva intervenire in maniera diversa?
Certo, a partire da chi lavora sulla violenza contro le donne. Le forze dell'ordine e la giustizia non devono sottovalutare il pericolo che una donna corre quando viene perseguitata, picchiata. L'atteggiamento di un qualsiasi interlocutore in tema di violenza deve dare il giusto peso alla situazione, perché in ballo c'è il rischio di vita.

E come si fa?
Se una donna che ha subito violenza entra in una stazione di polizia con i lividi addosso e esce senza aver fatto denuncia, bisogna andare a vedere perché non ha denunciato, e deve scattare un'indagine. La stessa cosa deve avvenire se si tratta con leggerezza una violenza in un'aula di tribunale: se una donna si vergogna, ha paura, c'è qualcosa che non funziona.

Se la violenza contro le donne non viene percepita nella giusta dimensione, su quella assistita o subìta dai minori in famiglia si ha l'impressione che sia un tabù.
Questo è un fenomeno che mi indigna prima di tutto come essere umano. E sono certa che affrontare il femminicidio non è possibile se non riusciamo a proteggere i nostri bambini. Se è vero che esiste violenza e abuso domestico sui bambini e noi non lo sappiamo, dobbiamo fare una cosa: indagare con forza.

Allora ci vorrebbe una commissione d'inchiesta?
Non sono contraria a una commissione d'inchiesta, credo ci sia anche in ballo un disegno di legge, se la fanno, l'appoggio.

 

3 Commenti

  1. mario ha detto:

    una task force sul femminicidio?
    spero di non essere frainteso, ma:
    -quante donne sono state ammazzate?1000? 2000? no, un centinaio.
    -quanti studi, commissioni etc dovremo finanziare per non risolvere nulla?
    -quanti morti sul lavoro ci sono ogni mese senza che nessuno dica nulla?
    -quanti morti per droga, alcol, incidenti stradali ci sono ogni mese ?
    la scuola è lasciata al suo destino (ma si finanziano le scuole private dei preti e delle suore), i lavoratori sono solo una fonte da spremere così come le aziende, i giovani fuggono dall’Italia in cerca di un lavoro, un governo di larghe intese garantito da BERSANI(ma sarebbe meglio dire di accaparra poltrone) non sta facendo niente ma l’emergenza qual è?
    …il femminicidio…

  2. Giuseppe ha detto:

    Mi sembra evidente che alla radice del fenomeno ci sia un problema culturale, o meglio sottoculturale, molto difficile da debellare. Certi tipi di mentalità sono molto radicati, specialmente in alcuni ambienti dove il maschio è sovrano e le donne vengono prese in considerazione solo in funzione del suo potere e del suo piacere. Per quanto riguarda la Idem, non condivido lo scetticismo di chi mi ha preceduto, che ha tanto il sapore di un preconcetto. Ho molto ammirato le sue prestazioni sportive, in cui si è sempre distinta per la tenacia e la cocciutaggine con cui perseguiva l’obiettivo, altrimenti non sarebbe durata così tanto ai vertici. Se riuscirà a mettere in campo queste qualità anche nel ruolo di ministro, non vedo per quale motivo non le si dovrebbe accordare un minimo di fiducia.

  3. GIANNI ha detto:

    Con tutto il rispetto per la Idem, mi sa che….
    si tratti sopratutto di soluzioni ministeriali e burocratiche.
    Indagini, commissioni..
    tanto alla radice già lo conosciamo il problema…..
    Dove sta il problema?
    Certo, la cultura, ma non intesa come sapere, ma come sistema di valori, ed il sistema di valori non viene mai insegnato a scuola.
    Almeno sinora.
    Mi spiego.
    BEn che vada, a scuola ricevi qualche lezione di educazione civica, quando uno già è grandicello, mentre il rispetto di certi valori va inculcato sin da bambini.
    SOlo che qusto non lo si è mai considerato un obbligo della scuola, al limite della famiglia.
    Già, solo che se in famiglia quei valori non ci sono……
    PEr chi certi valori, come rispetto, libertà, ecc., li ha ssmpre avuti, pare strano che altri non li abbiano, eppure è così.
    Anzi, come dicevo in altra occasione, la violenza è considerata talora un valore.
    Un esempio?
    Di solito, si pensa che le donne rifuggano la violenza.
    Beh, non sarò forse creduto, ma ad esempio mi è capitato di leggere una sorta di intervista ad una donna, che diceva:
    lo voglio violento.
    Del resto, andiamo in qualche scuola, ed osserviamo se coloro che godono di maggior seguito sono persone rispettose oppure i cosiddetti bulli: purtroppo diverse volte sono quessti ultimi.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi