Omelie 2017 di don Giorgio: SANTISSIMA TRINITÀ

11 giugno 2017: SS. TRINITÀ
Es 3,1-15; Rm 8,14-17; Gv 16,12-15
Il dogma della Trinità
Il Dogma della Trinità si è andato formando lentamente nella storia della cristianità, fino ad assumere la sua forma definitiva nel IV° secolo dopo Cristo: un solo Dio, ma in tre persone distinte: Padre, Figlio e Spirito Santo.
Il primo passo verso l’affermazione del Dogma Trinitario fu fatto nel Concilio di Nicea del 325, dove si affermò che Gesù Cristo è il Figlio unigenito di Dio, generato, non creato, consustanziale al Padre, eterno e immutabile. Fu poi nel Concilio di Costantinopoli del 381 che si affermò per la prima volta che lo Spirito Santo è Persona divina, consustanziale al Padre ed al Figlio. Praticamente possiamo fissare questa data come quella della sistemazione definitiva del Dogma della Trinità così come lo conosciamo oggi.
Già dai primi secoli, vi furono molte resistenze ad accettare il Dogma Trinitario. Gli eretici, man mano che sorgevano, venivano condannati dalla Chiesa.
In ambito cristiano, la Trinità non è accettata solo dai cattolici, ma anche dagli ortodossi e dalla maggior parte delle chiese protestanti, invece non viene accettata dai Testimoni di Geova.  Molto critica nei confronti del Dogma della Trinità è la posizione dell’Islam: come è noto i mussulmani ritengono Cristo il più grande dei profeti dopo Maometto. Ovviamente anche gli ebrei rifiutano il Dogma Trinitario, in quanto rigettano interamente la missione divina di Gesù.
La festa in onore della SS. Trinità
La festa in onore della SS. Trinità nasce nell’VIII d.C., ed è di origine monastico-inglese. Fu infatti il monaco inglese Alcuino di York il primo a comporre una Messa in onore della Santa Trinità, ma all’inizio si trattava di una devozione privata. Tuttavia, la devozione si diffuse ben presto in tutta Europa. Nonostante ciò, papa Alessandro II (seconda metà dell’XI secolo), non ritenne opportuno riconoscere questa celebrazione come festa della Chiesa Universale, in quanto affermò: “ogni giorno l’adorabile Trinità è senza posa invocata con la ripetizione delle parole: Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto, e in altre formule di lode”. I monaci continuarono comunque a diffondere la celebrazione della festa, sia in Inghilterra che in Francia e nel resto d’Europa grazie alle Abbazie dei monaci Cistercensi. Papa Giovanni XXII, prima metà del Trecento, visto ormai il riconoscimento “de facto” di tale festa nella cristianità, sancì con decreto che la Chiesa Cattolica accettava la festa della Santa Trinità e la estendeva a tutte le Chiese locali.
Una prima osservazione
Che dire? Aveva ragione papa Alessandro II nel sostenere che una festa in onore della SS. Trinità sarebbe inutile, visto che ogni giorno onoriamo la SS. Trinità. Pensate quante volte facciamo il segno della croce. Tra l’altro, il segno della croce è un grande gesto, perché racchiude contemporaneamente due Misteri: il Mistero trinitario, dicendo le parole: “Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”; e il Mistero della Passione e Morte di Gesù, tracciando con un dito o con tutta la mano un segno in forma di croce sopra il proprio corpo.
A proposito del segno della croce, Romano Guardini invitava a farlo bene, non in modo «affrettato, rattrappito, tale che nessuno capisce cosa debba significare. No, un segno della croce giusto, cioè lento, ampio, dalla fronte al petto, da una spalla all’altra. Senti come esso ti abbraccia tutto? Raccogliti dunque bene; raccogli in questo segno tutti i pensieri e tutto l’animo tuo, mentre esso si dispiega dalla fronte al petto, da una spalla all’altra. Allora tu lo senti: ti avvolge tutto, ti consacra, ti santifica. Perché? Perché è il segno della totalità ed il segno della redenzione. Sulla croce nostro Signore ci ha redenti tutti. Mediante la croce egli santifica l’uomo nella sua totalità, fin nelle ultime fibre del suo essere. Perciò lo facciamo prima della preghiera, affinché esso ci raccolga e ci metta spiritualmente in ordine; concentri in Dio pensieri, cuore e volere; dopo la preghiera, affinché rimanga in noi quello che Dio ci ha donato. Nella tentazione, perché ci irrobustisca. Nel pericolo, perché ci protegga. Nell’atto di benedizione, perché la pienezza della vita divina penetri nell’anima e vi renda feconda e consacri ogni cosa. Pensa quanto spesso fai il segno della croce, il segno più santo che ci sia! Fallo bene: lento, ampio, consapevole. Allora esso abbraccia tutto il tuo essere, corpo e anima, pensieri e volontà, senso e sentimento, agire e patire, tutto vi viene irrobustito, segnato, consacrato nella forza del Cristo, nel nome del Dio uno e Trino».
Seconda riflessione
Si dice che un sacerdote, all’inizio della sua omelia durante la Festa della SS. Trinità, avesse detto: “Siccome tutti dicono che la Trinità è un Mistero del tutto incomprensibile, allora la mia predica finisce qui”. In fondo, non aveva torto. Eppure, sono stati scritti volumi e volumi sul Mistero Trinitario. Ho tentato di leggere qualche riga, ma poi mi son detto: Questi qui non fanno altro che scrivere stupidaggini. Anche Sant’Agostino ha scritto un trattato “De Trinitate”. E a proposito di Sant’Agostino, si narra un episodio (leggenda o no, non importa). Un giorno, Agostino in riva al mare meditava sul mistero della Trinità, volendolo comprendere con la forza della ragione. S’avvide allora di un bambino che con una conchiglia versava l’acqua del mare in una buca. Incuriosito dall’operazione ripetuta più e più volte, Agostino interrogò il bambino chiedendogli: «Che fai?». La risposta del fanciullo lo sorprese: «Voglio travasare il mare in questa mia buca». Sorridendo, Agostino spiegò pazientemente l’impossibilità dell’intento ma, il bambino fattosi serio, replicò: «Anche a te è impossibile scandagliare con la piccolezza della tua mente l’immensità del Mistero trinitario». E detto questo sparì.
Abbiamo da poco celebrato il 50° anniversario della morte di don Piero Pointinger, un prete che visse la sua prima e ultima esperienza pastorale a Rovagnate, dove a quarantenni circa morì, per tumore al cervello. Tra i suoi appunti ho trovato questa preghiera alla Trinità.
«Penso alla Tua Trinità, Signore: inaudita pienezza d’essere. Capisco di non poter comprendere nulla, così come il mio occhio piccino non potrà mai abbracciare la vastità terrestre che si sviluppa oltre le sue possibilità visive. M’accontento di contemplarti e di lasciarmi inebriare dalla Tua pienezza d’essere, fiore d’un giardino il cui ingresso non varcherò mai, ma il cui intenso profumo giunge fino al mio spirito. Guidato da questo profumo, ritorno più sereno alle cose».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi