Hamas: i 10 anni che hanno portato Gaza al disastro

da AVVENIRE
L’EMERGENZA
venerdì 11 agosto 2017

Hamas:

i 10 anni che hanno portato Gaza al disastro

Federica Zoja
Solo due ore al giorno di elettricità, la sanità al collasso: due milioni di gazawi sono i «danni collaterali» dello stallo negoziale e dell’embargo
Dieci anni di Hamas. Nell’estate del 2007 la Striscia di Gaza fu attraversata dalla lunga (e sanguinosa) cavalcata del movimento di resistenza islamica, che in poche settimane prese il potere nell’enclave palestinese dopo una resa dei conti senza esclusione di colpi fra i sostenitori del gruppo e quelli, rivali, di al-Fatah. L’“anniversario” è pieno. Il bilancio è tragico. Oggi il contesto socio- economico in cui versano quasi due milioni di palestinesi è peggiorato rovinosamente. La quotidianità dei gazawi, i più colpiti dalla paralisi in cui è precipitato il processo di pace israelo-palestinese, è caratterizzata da continue restrizioni: nella Striscia scarseggiano cibo, medicine, acqua potabile.
L’elettricità, quando c’è, c’è per due ore al giorno: l’Autorità nazionale palestinese ha smesso di pagare a Israele le bollette della Striscia. Il bersaglio della scellerata decisione è Hamas, ma le vittime collaterali sono migliaia di esseri umani duramente messi alla prova in un’estate ancora più rovente del solito. «Ad agosto del 2014 – al termine dell’ultimo conflitto con Israele –, 900mila persone necessitavano di acqua e servizi igienici – riferisce Paolo Pezzati, policy advisor per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia –. Oggi questo numero è salito a 2 milioni». La crisi energetica colpisce un territorio già devastato: a Gaza, le infrastrutture sono fatiscenti, quando non ridotte a cumuli di macerie. La disoccupazione ha superato il 40%. Quella giovanile, invece, è oltre la soglia del 60% (dati Onu a luglio 2017).
La retorica della classe dirigente di Hamas, però, non si modifica. E il mancato riconoscimento dello Stato di Israele, l’attitudine bellicosa mai abbandonata, finiscono per fare il gioco del governo di Benjamin Netanyahu, che mantiene un duro embargo sull’enclave ed è spesso tentato da una nuova azione di forza contro gli islamisti della Striscia. Il fatto è che, senza una pacificazione fra Ramallah (dove ha sede l’Autorità nazionale palestinese di Abu Mazen) e Gaza City, di sedere a un tavolo negoziale con gli interlocutori israeliani neanche a parlarne. Forse, però, ora qualcosa si sta muovendo: la Striscia è protagonista di un riavvi- cinamento inatteso, umano ancor prima che politico. Il numero uno di Hamas, Yehiyeh Sinwar, e Mohammed Dahlan, ex leader dell’Anp a Gaza (“scaricato” da Abu Mazen con l’accusa di corruzione nel 2012), si sono ritrovati. Il termine è più che mai azzeccato visto che i due, coetanei 55enni, sono cresciuti assieme nel campo profughi di Khan Yunis, per poi scalare tutti i gradini dei movimenti avversari.
E perdersi di vista. «Abbiamo capito che è tempo di trovare una via d’uscita insieme», ha riferito lo stesso Dahlan una settimana fa, spiegando che la «chimica» ritrovata con l’amico Sinwar sta rendendo possibile un accordo finora impensabile. I due negoziatori, spalleggiati da padrini quali Emirati Arabi (Dahlan ha vissuto a Dubai in esilio per gli ultimi cinque anni) e Arabia Saudita, puntano a sbloccare il confine di Gaza con l’Egitto per dare ossigeno alla popolazione stremata. E a far affluire nella Striscia almeno 100 milioni di dollari dei sultanati del Golfo destinati a un grosso impianto per la produzione di energia elettrica. L’applicazione dell’intesa è data per imminente: a fine agosto, assieme all’energia, nella Striscia potrebbe ritornare anche la speranza.
Gli abboccamenti in corso a Gaza stanno scuotendo dal torpore Ramallah, sempre più svuotata di autorità. Abu Mazen preme pure per nuove elezioni nell’enclave sul Mediterraneo. Tutto in nome dell’“unità nazionale”. In realtà, Mohammed Dahlan è il rivale più temibile di Abu Mazen in seno all’Anp. E soprattutto l’unico in grado di riconoscere la centralità dell’enclave nella questione israelo-palestinese. E di riaprire, proprio cominciando da Gaza, un discorso che il mondo non ascolta da tempo.
 
LA STORIA
La Guerra del 1967. Il ritiro di Sharon nel 2005
La storia di Gaza è lunga e tortuosa. Dopo alterne vicende, in cui fu amministrata dal vicino Egitto o da governatori ottomani appositamente inviati da Costantinopoli per gestire un’area geografica strategica poiché affacciata sul Mediterraneo orientale, Gaza entrò a far parte della Palestina, affidata in Mandato al Regno Unito al termine della Prima Guerra mondiale, subendo così tutte le successive infelici vicissitudini della cosiddetta “Questione palestinese”, ancora irrisolta. Occupata durante il conflitto arabo-israeliano del 1948 dalle Forze armate egiziane, Gaza fu controllata da un Governatore militare nominato dal Cairo fino allo scoppio della guerra seguente, quella Dei sei giorni, di cui quest’anno cade il 50esimo anniversario. Proprio quel conflitto lampo, disastroso per l’Egitto, portò con sé l’occupazione israeliana. Nel 2005, Gaza e l’intera Striscia furono restituite ai palestinesi, per volontà del governo di Ariel Sharon, che autorizzò il ritiro delle truppe e la “decolonizzazione” del territorio, non senza roventi polemiche interne. In teoria, Gaza come tutti i territori palestinesi dovrebbero essere amministrati dall’Autorità nazionale palestinese, nata in virtù dell’applicazione degli Accordi di Oslo. Tuttavia, l’esito delle elezioni palestinesi del gennaio 2006 (il voto fu monitorato da osservatori internazionali e avallato come regolare), che videro trionfare Hamas sull’ormai indebolito al-Fatah, condusse all’isolamento progressivo di Gaza, il territorio palestinese in cui il “movimento islamico di resistenza” (Hamas, in arabo “entusiasmo”, è un acronimo) mosse i primi passi nel 1988. Fino allo scontro armato fra sostenitori di Hamas e loro avversari, fedeli all’Anp di Abu Mazen (Mahmoud Abbas), nell’estate del 2007. Da quel momento la Striscia e la sua capitale, Gaza City, sono state amministrate da Hamas. Nel modo peggiore. Il ripetuto lancio di razzi Qassam contro le vicine cittadine e gli insediamenti israeliani (nel mirino finiscono in particolare Ashkelon e Sderot) ha portato il governo israeliano a imporre all’intera Striscia un parziale (ma durissimo) embargo su uomini, merci e materiali. E poi ad intervenire militarmente in ripetute occasioni, nel corso dell’“Operazione Piombo fuso” (28 dicembre 2008 – 20 gennaio 2009), dell’“Operazione Colonna di nuvole” (novembre 2012), e nell’ultima offensiva iniziata nel luglio 2014, denominata “Operazione margine di protezione”.

4 Commenti

  1. Sergio Stoppani ha detto:

    Seguivo da qualche tempo questo sito e mi pare di non aver mai commentato.
    Per un po’ sono stato fuori sede, ed avevo interrotto le frequentazioni.
    Ora, riprese, sì, gli articoli continuano, ma vedo che mancano alcune vecchie conoscenze.
    A commentare ormai quasi solo più Giuseppe, ma gli altri?
    In particolare GIANNI, i cui approfondimenti ho trovato sempre interessanti per meglio capire?
    Sulla questione palestinese, difficile capire, in questo guazzabuglio, chi realmente abbia torto o ragione.
    Almeno per me.
    Forse hanno tutti torto, e nessuno ragione, ma è così o lo penso io?
    Certo, qualcuno che ne capisse qualcosa in più e mi dicesse la sua farebbe comodo.
    Ammetto i miei limiti.

    • lanfranco ha detto:

      tranquillo Sergio, siamo sempre in molti a seguire questo sito, anche se non sempre si trova il tempo di commentare o nello spirito giusto per esprimere la propria opinione.
      Su questo argomento ho visto nel mese di maggio un bel servizio sulla rai preparato da Gad Ledner intitolato “sei giorni la guerra infinita” per chi riesce consiglio di rivederli in pod cast. Io non sono molto esperto. ma ne vale la pena.
      questo dovrebbe essere il link per vederlo, se non ho fatto pasticci…

      https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwi73-Tz9NHVAhVGQBoKHdT-Ao0QFggmMAA&url=http%3A%2F%2Fwww.raiplay.it%2Fvideo%2F2017%2F05%2FSei-giorni-la-guerra-infinita-0033ba5c-1af2-4663-ad95-9e9ab0e5d9a3.html&usg=AFQjCNGSYLyLnWx_QSolUKoY3HpJX1Z0fA

      • Sergio Stoppani ha detto:

        ringrazio lanfranco per il link.
        Ma il senso del mio commento su certe cose era un po’ diverso.
        Pur riconoscendo capacità un po’ a tutti i commentatori che trovo su vari siti, tra i vari che seguivo e che ho ripreso a seguire, in particolare GIANNI aveva la capacità di farmi comprendere cose anche complicate in modo semplice.
        Peraltro proponendo ragionamenti che era difficile non condividere.
        In pratica trovo questo su internet, cioè un senso di precarietà.
        Almeno, nella vita reale, con chi si è a contatto diretto, puoi sapere cosa sia successo.
        Invece su internet, ti abitui magari a certe cose, a certe presenze, che poi improvvisamente non ci sono più e ti chiedi il perchè.
        E se quelle presenze esprimevano qualità, ancora di più.
        Ecco, direi che forse, più che la quantità, è talora la qualità sopratutto quella che cerco, ma è difficile trovarla, o trovarla, e poi……

  2. Giuseppe ha detto:

    È il solito discorso. L’imperialismo paranoico e arrogante del ricco ed industrioso Israele, tuttora ancorato al pretesto ipocrita della trita e ritrita eredità della terra promessa, e l’incapacità ostinata dei palestinesi di voltare radicalmente pagina, liberandosi di quelle forme di massimalismo bellicoso con cui manifestano la loro più che giustificata ansia di libertà ed indipendenza, non riescono proprio a trovare punti di incontro, anche quando gli interlocutori sono animati da buona volontà, cosa che è già difficile che accada. E a farne le spese, come sempre è la popolazione civile. Sono passati 70 anni dalla proclamazione dello stato di Israele e ancora sentiamo parlare di insediamenti, di rifugi provvisori , di embarghi e di dispetti reciproci. E non si riesce a capire quando e se tutto questo possa finire, perché basta una cosa da nulla per far scoccare la scintilla di ulteriori scontri e spargimenti di sangue.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi