Il consenso popolare di Bergoglio è in calo? Finalmente!

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Il consenso popolare di Bergoglio è in calo?

Finalmente!

Ho letto in questi giorni la notizia che la popolarità di papa Francesco è in netto calo: dall’88% del 2013, il suo consenso è sceso ora al 71%, secondo un sondaggio realizzato da Demos.
Gli analisti spiegano che le motivazioni sono due: da una parte la linea di Bergoglio a difesa dei migranti, dall’altra il mancato cambiamento, annunciato e atteso, nel mondo della Chiesa.
Dico subito che la parola “popolarità” è in netto contrasto con il Vangelo: Cristo non è venuto per farsi ben volere da tutti, casomai per voler bene a tutti, il che significa che talora quel “tutti”, quando assume l’aspetto di massa o di folla, rende difficoltoso ogni rapporto con il singolo, il quale sembra scomparire nell’anonimato.
Nei Vangeli troviamo in Gesù un duplice aspetto che potrebbe sembrare contraddittorio: da una parte Cristo sembra che cerchi le folle per evangelizzarle, dall’altra le rifiuta, per non farsi strumentalizzare. All’inizio del suo ministero, le folle correvano dietro a lui, poi man mano si è trovato ad essere solo con i suoi discepoli, che, perfino loro, alla fine lo abbandoneranno quando egli verrà condannato a morte e crocifisso.
In realtà, anche quando Gesù era circondato dalle folle, non è che cercasse il loro consenso: certo, dava loro anche il pane dopo averlo moltiplicato, ma poi faceva loro capire che quel pane non era solo qualcosa destinato a nutrire solo il corpo. Quando la gente, entusiasta, lo vuole fare re, egli fugge, se ne va tutto solo sulla monte.
Cristo, dunque, non è mai stato un populista, ma uno che parlava chiaro e profondo, e non si è mai rivolto al ventre, ma ha cercato di  parlare alla mente della gente
Ecco, quando vedo che un papa ha troppa popolarità, temo per la sua libertà interiore. Un populista non è mai libero, dentro, ma un è condizionato dalla gente.
Su papa Bergoglio ho già detto diverse volte il mio parere. Che lo abbia fatto di proposito o non di proposito, interessa relativamente.
Un dato è certo: egli ha avuto fin dall’inizio troppa popolarità, anche favorita dal suo modo di fare, di dire battute, di affrontare la realtà. Se all’inizio anch’io mi ero lasciato prendere da una certa simpatia, poi man mano ho capito che qualcosa non funzionava: non notavo alcun passo verso quel rinnovamento della Chiesa che egli prometteva.
Ma sulla parola “rinnovamento” della e nella Chiesa bisognerebbe soffermarsi a lungo. Vorrei almeno dire questo: un conto è parlare di struttura e un conto è parlare di interiorità, anche se il rinnovamento strutturale non potrà fare a meno della riscoperta della interiorità dell’essere umano. Ed è qui che il populismo gioca bene le sue carte truccate: esso parla di rinnovamento strutturale come se fosse il vero segreto della democrazia, o di quel bene comune che richiede ben altro che riforme strutturali.
Ora mi chiedo se questo papa, nonostante il calo della sua popolarità, tuttora bene in vista dal punto di vista mediatico, abbia detto qualcosa di positivo sulla riscoperta del mondo interiore. Che poi la Chiesa abbia le sue regole anche strutturali, nulla da eccepire, anche da modificare in vista del bene del singolo e della società, ma che la Chiesa si chiuda a riccio, rifiutando di aprirsi ai valori universali dell’Umanità, questo è insopportabile e pericoloso, tanto più che solo al di là delle differenze anche religiose ci si può intendere, in vista del Bene comune che non è prerogativa di nessuna fede religiosa.
Sui valori dell’essere umano non si può giocare con il consenso: la gente fatica, enormemente fatica, a rientrare in se stessa, ma questa è la strada giusta, soprattutto da parte di una Chiesa che si dice risalente a Gesù Cristo. 
Anche sull’altro problema, quello dei migranti, bisognerebbe soffermarsi più a fondo. Anche qui la Chiesa ha perso il treno. Che nel suo complesso la gerarchia ecclesiastica sia particolarmente sensibile al problema dei migranti, nulla da dire, del resto supportata dalla Buona Novella, che parla chiaro quando si tratta di accoglienza verso i più poveri. Ma il fenomeno migratorio da anni andava affrontato seriamente, coralmente, da parte sia della Chiesa che del mondo politico.
Sì, si è perso troppo tempo tra un certo populismo ecclesiastico, dettato da un vago buonismo, e l’attendismo politico, e questo ha prodotto quel razzismo strisciante che ha trovato nella Lega un campo fertile.
La Lega vive sui malumori panceschi di una massa che ha paura dell’”altro”, del “forestiero”, visto come un “nemico”, tanto più che i leader, aborti di umanità, non fanno che cavalcare il malessere, speculando sulle tragedie umanitarie.
Nelle emergenze, ogni energia dovrebbe cercare la via migliore per trovare la soluzione migliore.
Qui il consenso di una massa s-cervellata è la prova della perversione d’animo di chi lo rincorre solo per raccogliere voti che, alla fine, cadranno come grossi macigni riducendo a brandelli sia la massa che i caporioni.
E la Chiesa assisterà, impotente, anche alla rovina di se stessa.
11 agosto 2018
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi