Un fuoco mai visto soffoca il West americano


da Il Manifesto

Un fuoco mai visto

soffoca il West americano

Stati uniti. L’ondata di incendi peggiore della storia sta devastando California, Oregon e altri stati. Tra Covid e cieli alla Blade runner in fumo un’area grande come metà del Belgio. Per gli scienziati il nesso con il cambiamento climatico è ormai inequivocabile. E peggiorerà
Luca Celada LOS ANGELES
11.09.2020
Una California già sull’orlo della sostenibilità, con i suoi 40 milioni di abitanti concentrati prevalentemente in zone semiaride, dipendenti da un complesso sistema di acquesdotti (come anche l’agricoltura intensiva, pilastro fondamentale dell’economia), somiglia sempre di più, in quest’estate rovente, alla distopia mai lontana dall’immaginario collettivo e hollywoodiano.
Su San Francisco e la Bay Area grava da giorni una cappa cremisi che sembra fotografata da Roger Deakins per Blade Runner.
Nel vicino Oregon la situazione è ancora più inquietante: un crepuscolo sanguigno e permanente oscura da giorni il cielo – una notte permanente di fumo e ceneri sopra a Salem, Eugene, Medford e altre località. Ora si teme per la periferia di Portland.
L’Ovest americano è nuovamente nella morsa delle fiamme – la «fire season», la stagione degli incendi, è ciclica e stagionale come nel clima mediterraneo ma c’è ora, dopo quattro anni di incendi record per danni ed estensione, il senso netto di una tendenza più grande verso una situazione sempre più drammatica per gli stati che si affacciano sul Pacifico e quelli a ridosso: Arizona, Nevada, Utah, Colorado.
In California quest’anno sono già andati distrutti 10.000 Km2, 2.000 nello stato di Washington e altrettanti in Oregon (è un’area grande come metà del Belgio, ndr).
Più di quanto è bruciato nel 2017 quando andarono in fiamme 2.000 case e 22 persone morirono a Santa Rosa e Sonoma.
Più del 2018 quando è stata rasa al suolo la cittadina di Paradise con 85 morti. E si è solo agli inizi di una stagione che può durare fino a dicembre e oltre, quando si levano i venti Diablo (nord) e San Ana (sud) capaci di soffiare letteralmente sul fuoco.
Quest’anno gli incendi in California sono esplosi soprattutto dopo due giorni di anomale tempeste elettriche nel centro dello stato durante le quali sono caduti oltre mille fulmini in 24 ore. Senza una goccia di pioggia.
In prima linea negli stati del West sono attualmente impegnati oltre 20.000 pompieri, comprese unità provenienti da Australia e Canada, su 25 focolai principali.
Sono state distrutte migliaia di abitazioni e si registrano le prime vittime, come le 7 salme rinvenute ieri fra le macerie carbonizzate in Oregon, ma la situazione permane fluida e c’è la consapevolezza che il bollettino potrebbe peggiorare ancora di molto: «Potremmo vedere la peggiore perdita di vita provocata da incendi boschivi nella storia del nostro stato», ha detto martedì la governatrice dell’Oregon, Kate Brown.
A Los Angeles vivono col fiato sospeso gli abitanti di alcuni quartieri settentrionali, Pasadena, Arcadia, Monrovia, dove 20.000 persone sono state preallertate per una possibile evacuazione nel caso un’inversione della rotta dei venti dovesse sospingere verso quelle zone le fiamme che bruciano da giorni nelle foreste di conifere sulle alture San Gabriel a nord della città.
Fanno parte delle centinaia di migliaia di persone che hanno ricevuto ordini di evacuazione nelle ultime due settimane a seconda dello sviluppo degli incendi.
Si sono registrate operazioni di salvataggio drammatiche come il ponte aereo di elicotteri che la scorsa settimana ha trasportato 200 campeggiatori intrappolati dalle fiamme nella Sierra Nevada, non lontano dal parco nazionale di Yosemite.
Il governatore ha successivamente chiuso tutte le aree di ricreazione (le «national forest») che solo da poco erano state riaperte dopo le serrate per il Covid.
La pandemia, infatti, complica non poco le operazioni dei vigili del fuoco ma soprattutto la gestione degli sfollati. Normalmente sistemati in centri di accoglienza allestiti in arene sportive, scuole e palestre requisite, oggi sono costretti dalle norme di distanziamento a venire dirottati in stanze di albergo spesso non prontamente disponibili, da cui lunghe attese nei centri di smistamento della protezione civile.
In questa estate di «I can’t breathe» e Covid, gli incendi hanno contribuito a rendere l’aria davvero irrespirabile. In ogni senso: la polizia tenta di smentire voci che si propagano su Facebook ancora più veloci delle fiamme sulla presunta origine dolosa degli incendi, appiccati – a seconda dei fake – da Antifa o dai fascisti di Proud Boys.
E nell’angoscia esasperata dalla retorica elettorale, specialmente quella del presidente, le immagini degli incendi boschivi si fondono a quelle dei negozi bruciati nelle città trasmessi dalle emittenti di destra per seminare il panico e compattare la base trumpista.
Ogni fenomeno naturale intanto sembra ingigantito e i numeri (di vittime e di estensione) sono in crescita drammatica negli ultimi anni: sembrano inequivocabilmente gli effetti di un clima più instabile e imprevedibile.
O forse fin troppo prevedibile, stando agli avvertimenti ormai costanti degli scienziati che trovano sempre più ampi riscontri empirici alle loro previsioni.
In Colorado – anche questo uno stato interessato da incendi – questa settimana un’escursione termica record ha fatto passare il meteo dall’afa di 30 gradi a una (provvidenziale) nevicata settembrina. Sbalzi ed estremi che incidono su fenomeni come gli incendi.
Le previsioni di esperti come Park Williams del Earth Observatory della Columbia university parlano di un quadrante occidentale del paese destinato a diventare progressivamente più caldo e più arido.
L’incremento attuale degli incendi è effetto di un mutamento climatico «che è solo nelle fasi iniziali», ha dichiarato Williams al New York Times, sintetizzando l’opinione della comunità scientifica.
In quest’ottica, gli sfollati e ancor più le persone obbligate a lasciare per sempre le loro abitazioni per l’impossibilità di acquistare polizze di assicurazione sono da considerarsi a tutti gli effetti «profughi climatici». Gli effetti del mutamento climatico, ricordano gli studiosi, non sono progressivi ma esponenziali.
I pronostici per il 2050 varierebbero dunque da «peggio» a «molto peggio».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi