Truffe agli anziani è boom di casi

da AVVENIRE
9 novembre 2019
Il fenomeno.

Truffe agli anziani è boom di casi

Fulvio Fulvi
Più di 20mila persone beffate hanno denunciato, molte preferiscono non farlo Le modalità? Dalle chiamate di sedicenti avvocati ai finti marescialli alla porta
Prima arriva una telefonata, con voce gentile e suadente, per sapere se la nonna è sola in casa. «Buongiorno, sono un maresciallo dei carabinieri…». Poi il sedicente sottufficiale dell’Arma racconta una storia: «Suo nipote è un bravo ragazzo, lo voglio aiutare, ha avuto un incidente stradale causando dei danni che devono essere risarciti subito, con denaro contante, fra poco verrò da lei a ritirarli». E la vittima, quasi sempre una nonna o una madre in là con gli anni, convinta anche dal suono delle sirene che si sente sotto le parole del finto maresciallo, cade nella trappola.
In alcuni casi, se non ci sono soldi sotto il materasso o nel cassetto del comò, i malfattori si «accontentano » di gioielli e oggetti preziosi. Il copione è sempre lo stesso. Con qualche variante di fantasia: il criminale può anche bussare alla porta, spacciarsi per un avvocato e accampare come scusa per la sua richiesta, presunte emergenze economiche a carico del congiunto da aiutare con urgenza. E se in casa non ci sono banconote, l’anziano va in banca a ritirarle e le consegna ai malfattori (perché in genere agiscono almeno in due per ogni colpo), che il più delle volte si camuffano o indossano una divisa fasulla, in un luogo stabilito. E alla fine, il truffato, accortosi del raggiro, raramente va a denunciarlo, perché se ne vergogna.
Lo stesso succede a chi viene derubato in casa da persone che si spacciano per tecnici del gas o altre figure «mandate dall’amministratore del condominio». In Italia sono 4,3 milioni gli italiani “over 80” a rischio truffe, un dato cresciuto del 42% in cinque anni. È quanto risulta da un’analisi elaborata dall’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati Istat. Cifre rese note dall’associazione nell’esprimere apprezzamento per l’operazione eseguita dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha smantellato una banda di 51 persone ritenute responsabili di pesanti raggiri ai danni di anziani fra Campania e Lombardia.
In una società come quella italiana dove la speranza di vita per gli uomini sfiora gli 81 anni e per le donne supera gli 85, con un anziano su tre che mostra gravi difficoltà a prepararsi da mangiare, fare la spesa, prendere le medicine, pulire la casa e l’11% ha problemi a prendersi cura di se stesso – afferma Uecoop – oltre al fronte dell’assistenza si apre anche quello della sicurezza. Sono sempre più diffuse, infatti, le organizzazioni criminali che vogliono approfittare della debolezza fisica e psicologica di molti nonni, rubando anche i pochi soldi che servono loro per sopravvivere. Basti pensare che in Italia un pensionato su quattro «tira avanti» con meno di 500 euro al mese, la pensione minima.
In base a dati Cisl, nel 2016 le truffe agli anziani denunciate sono state 20.064, una cifra decisamente aumentata nei tre anni successivi. Milano risulta una delle città più colpite dal fenomeno. Ogni giorno una media di cinque anziani riceve una telefonata come quelle scoperte dall’inchiesta di Napoli. Nei primi nove mesi del 2019 le truffe di questo genere sono state 991. Tante, e in aumento. Ecco perché la prefettura, le forze dell’ordine e l’amministrazione comunale hanno avviato una campagna di prevenzione e sensibilizzazione con incontri nei municipi e diffusione di vademecum e brochure. Un progetto a cui hanno aderito 35 Comuni dell’hinterland. Iniziative del genere sono state intraprese anche a Genova, Modena, Bari e in altri capoluoghi di provincia. Spesso in collaborazione con parrocchie e associazioni di volontariato presenti sul territorio.

 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Abbiamo passato una vita a raccomandare la fiducia, il rispetto per l’altro e l’accoglienza e adesso improvvisamente bisogna diffidare, stare all’erta e… sbattere la porta in faccia a chi bussa. Il problema non è l’anziano educato e ben disposto verso gli altri, ma la diffusione a macchia d’olio di micro criminali che non trovano niente di meglio nella vita che approfittarsi delle fasce più deboli della popolazione.

  2. ottavio ha detto:

    In questi giorni si parla di abolizione del contante, come avverrà in Svezia entro pochi anni.
    Io sono assolutamente d’accordo, perché con i pagamenti digitalizzati e tracciabili i vantaggi per la collettività sarebbero enormi. Sparirebbero non solo l’evasione fiscale, le rapine e la corruzione, ma anche le truffe agli anziani. E’ un po’ difficile immaginare un truffatore che si presenta in casa di una novantenne con un POS, invitandola a coprire il danno causato dal figlio senza assicurazione, tramite la carta di credito.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi