Omelie 2017 di don Giorgio: SESTA DOPO L’EPIFANIA

12 febbraio 2017: SESTA DOPO L’EPIFANIA
1Sam 21,2-6a.7ab; Eb 4,14-16; Mt 12,9b-21
Il Tempio e la Torah
Tutti conosciamo i due pilastri della religiosità ebraica: il Tempio di Gerusalemme e la Legge (Torah, in ebraico). Se il Tempio materiale è stato distrutto più volte (prima nel 586 a.C. dall’esercito babilonese, e poi definitivamente nel 70 d.C. dall’esercito romano), la Torah è sempre rimasta come il segno più sacro e intangibile dell’Alleanza divina.
La parola “Torah” significa “insegnamento” in ebraico e disegna il Pentateuco, cioè i primi cinque libri della Bibbia: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio. Secondo la tradizione, la Torah è stata data al popolo d’Israele sul Monte Sinai.
Se il messaggio centrale della Torah risiedeva nel monoteismo: l’adorazione di un unico Dio, da cui derivava il rifiuto di tutti gli idoli venerati dalle nazioni, in particolare dobbiamo sottolineare due obblighi: il rito della circoncisione e l’osservanza del sabato.
Il rispetto del Sabato
Mi soffermerò sulla osservanza del sabato. Il termine ebraico “Shabbat” secondo gli esegeti deriverebbe: secondo alcuni, dalla parola “sheba”, che richiama il numero sette, da qui “settimo giorno”; secondo altri, dal verbo “shabat”, che significa riposare.
È a tutti noto con quanto rigore il giudaismo avesse circondato questo giorno sacro da dedicare al Signore con una siepe superprotettiva fatta di prescrizioni, perché ne tutelassero l’identità e la separazione dal resto del tempo profano.
Il “Talmud” (il libro che contiene le tradizioni giudaiche) a proposito dell’osservanza del sabato elenca ben 39 precetti, trasformando così quel giorno di festa in una sorta di incubo, al quale reagirà Cristo affermando che «il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato» (Marco 2,27).
Le vere motivazioni per l’osservanza del Sabato
Soffermiamoci sulle motivazioni che il Decalogo biblico propone per vivere autenticamente la spiritualità della festa sabbatica. Sappiamo che due sono le redazioni dei dieci comandamenti presenti nella Bibbia. La prima è nel libro dell’Esodo. In essa si ricorda che tutta la famiglia deve riposare (compresi gli schiavi, i forestieri ospiti e il bestiame), «perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il settimo giorno: per questo il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo ha dichiarato sacro» (Esodo 20,811). È facile intuire il rimando alla creazione, allorché «Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto» (Genesi 2,3). Nel sabato, allora, il fedele deve riscoprire l’armonia del Creato e la sua collocazione nell’universo. Egli non domina più le cose con il suo lavoro, ma ne scopre il senso e loda il Creatore.
Diversa è, invece, la motivazione per celebrare il sabato indicata dall’altra versione del Decalogo, quella offerta dal libro del Deuteronomio: «Ricordati che sei stato schiavo nel Paese d’Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato» (5,15). Dunque,  ogni sette giorni Israele deve ricordarsi che il suo è un Dio liberatore.
Le due radici spirituali
Commenta un noto biblista: “È per questo che Cristo non esiterà a guarire malati anche di sabato, compiendo un’azione apparentemente vietata dalle normative giudaiche sul riposo sabbatico. Egli, infatti, riproponeva lo spirito profondo del comandamento divino, che invitava a coniugare festa e libertà, culto e amore per il prossimo, rito e giustizia. Due sono, quindi, le radici spirituali della celebrazione festiva secondo il Decalogo: da un lato, la contemplazione dell’armonia cosmica alla quale partecipiamo attraverso la nostra opera e la nostra lode; d’altro lato, l’impegno storico della fede che impedisce alla liturgia festiva di essere una sorta di isola sacra, staccata dal resto dell’esistenza, mentre suo compito è quello di essere un seme di libertà, di giustizia e di amore”.
Possiamo allora capire perché nel mondo rabbinico sia sorta questa mini-parabola: “Dio disse: a Mosè: Mosè, io posseggo nella mia tesoreria un dono prezioso che si chiama sabato. Voglio regalarlo a Israele”. Commenta il biblista: si tratta di “un tesoro, è una scintilla di luce deposta nel grigiore delle ore feriali; è uno sguardo verticale levato verso l’alto e l’infinito, capace di interrompere l’orizzontalità della nostra visione comune e continua”. Belle riflessioni, ma personalmente capovolgerei la visuale: invece che di uno “sguardo verticale levato verso l’alto”, parlerei di uno sguardo interiore che scende nel profondo del nostro essere, là dove c’è la presenza dello Spirito santo.
I giorni della settimana, tranne sabato e domenica, dedicati ancora a divinità pagane
Nella tradizione astrologica sumerica, i nomi dei giorni della settimana derivavanono dai sette astri individuabili ad occhio nudo (Sole, Luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere e Saturno), i quali erano considerati divinità o manifestazioni di divinità e per questo furono associati ad altrettanti giorni. Il sistema fu poi adottato, sempre in Mesopotamia, dai babilonesi e da questi passò al mondo mediterraneo.
Il primo giorno era dedicato al Sole (che per i cristiani sarà chiamato Domenica), il secondo alla Luna (lunedì), il terzo a Marte (martedì), il quarto a Mercurio (mercoledì), il quinto a Giove (giovedì), il sesto a Venere (venerdì), il settimo a Saturno, che gli ebrei hanno denominato Sabato. Dunque, ancora oggi la settimana è dedicata per cinque giorni a divinità pagane, un giorno (Sabato) alla religiosità ebraica e un giorno (Domenica) alla religiosità cristiana.
La Domenica, il dopo il Sabato, ovvero il primo giorno della settimana
Sarebbe ora interessante chiarire alcune cose. Faccio solo qualche accenno. Anzitutto, la Domenica per noi cristiani non ha sostituito il Sabato ebraico, ovvero l’ultimo giorno della settimana. Ha sostituito invece il giorno dedicato al Sole, “Sol invictus”, che era il primo giorno della settimana. Dunque, il primo giorno della settimana per i cristiani non è il lunedì, ma la Domenica, “dies Domini”, ovvero il giorno del vero Sole invincibile. C’è di più. La Domenica si riallaccia al primo giorno della creazione e non al settimo, quando Dio si riposò, come dice la Genesi. Perciò la Domenica va oltre l’idea del riposo ebraico. Per noi cristiani, essendo la Domenica il giorno in cui Cristo è risorto, diventa l’inizio di un qualcosa di veramente nuovo. Pensate a come noi cristiani abbiamo ridotto la Domenica. La Chiesa poi ha insistito sul riposo e sul dovere di lodare Dio, come la partecipazione alla Messa. Ma credo che ci sia qualcosa di più, che è ancora tutto da scoprire.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi