Mario Delpini a Palazzo Marino: un discorso del tutto superficiale sul bene comune

 
di don Giorgio De Capitani
L’insulsaggine di questo vescovo, incollato da più di un anno sulla cattedra di Sant’Ambrogio, è oramai del tutto insopportabile.
Siamo al ridicolo.
Un altro, al suo posto, avrebbe dato da tempo le dimissioni, o forse non avrebbe mai accettato un incarico, di cui non solo si sentiva indegno, ma inadeguato a portare il peso di una responsabilità che richiede intelligenza, sapienza, grande apertura mentale.
Lui no, non dà le dimissioni, neppure ci pensa.
“Dio mi ha dato questo onore: guai a chi me lo tocca!”.
Lui continua imperterrito a guidare la diocesi milanese, come fosse andare in bicicletta al mercato rionale.
Ci troviamo di fronte a uno di quei casi che definirei patologici, dove in gioco c’è qualche problema di equilibrio.
Quando ha un minimo dubbio, si guarda allo specchio, si ammira compiaciuto, ed esclama “Vedrai, Mariolino! Passerai alla storia!”.
Ed ecco una grande occasione per passare alla storia: l’invito del sindaco Giuseppe Sala a partecipare ad un Consiglio Comunale, presso Palazzo Marino.
In realtà, si era fatto invitare, e il sindaco l’ha accontentato.
Mario Delpini l’ha ritenuto un onore, quasi una promozione per il suo impegno civico.
Ma quale impegno civico?
Ha tenuto un discorso (che potete poi leggere), lungo a sufficienza per dare l’impressione di essere solenne e magistrale, in un linguaggio complesso e ambiguo da sembrare di voler accontentare ogni membro dell’assemblea consiliare, fintamente attenta e ben poca interessata.
Il vescovo voleva con questo discorso lasciare un segno anche ai posteri, come una strada da percorrere per i successori sulla cattedra di Sant’Ambrogio.
In realtà, che cosa ha detto di interessante Mario Delpini davanti al sindaco e ai consiglieri di Milano?
Nulla, o quasi nulla.
Avesse almeno detto nulla, sarebbe stata una buona notizia.
Il “quasi” nulla fa un po’ pensare, visto che, oltre alla nullità, vi è quella specie di presunzione di dire qualcosa di importante o di indicare una strada originale.
Nulla, o quasi, dunque, tra parole di cui si capisce solo che forse sarebbe stato più saggio presenziare, ascoltando attentamente il sindaco e anche qualche consigliere.
Mario Delpini è andato da maestro, quando sarebbe stato meglio andarci da scolaro, visto che da maestro aveva poco da dire, mentre da scolaro aveva tanto da imparare.
È del resto il solito atteggiamento di una Chiesa che non smette mai di dettare regole a tutti, anche alla società civile, dimenticando che, ogni volta che l’ha fatto, non ha fatto altro che procurare guai incalcolabili.
No, non mi aspettavo che Mario Delpini tenesse un discorso diverso da quello che ha tenuto. Ma posso dire ciò che avrei detto, al posto di Delpini, che non avrebbe mai potuto dire, visto che nelle sue omelie o nei suoi interventi o nei suoi documenti mai accenna alla realtà interiore dell’essere.
Parlare dell’essere non credo che sia fuori posto in un Consiglio comunale, davanti ad amministratori che tutti i giorni hanno un mucchio di cose da fare, ma che forse non hanno il tempo per far funzionare la mente, in vista di quella realtà che è l’essenza del vero bene comune.
D’altronde, come si può pretendere che si parli di quella realtà interiore dell’essere umano, quando la Chiesa stessa lo ha dimenticato, dopo averla uccisa condannando la Mistica medievale?
Ma è qui, nel cuore dell’essere umano che bisogna entrare, ed è da qui che bisogna partire per un impegno tremendamente serio nella società civile.
La politica dell’essere precede quella del fare.
Quello tenuto da Mario Delpini è stato il solito discorso superficiale che tocca la realtà del bene comune nei suoi aspetti più esteriori.
Certo, Mario Delpini passerà alla storia per essere andato (è stato il primo) a Palazzo Marino per tenere un discorso inutile e banale.
***
Per leggere il Discorso clicca
qui

3 Commenti

  1. FRANCO ha detto:

    scrive lui queste cose o c’e’ lo “scrittore fantasma” che prepara i suoi interventi?

  2. luigi ha detto:

    Chiedere ad un vescovo che è abituato a camminare in superficie di scalare le montagne e scendere nelle profondità dei mari è inutile. Capisco la speranza di chi spera che si faccia da parte. E’ più facile che si faccia a parte una persona di valore che una mediocre. Delpini non è Ratzinger. C’è un frase di Ratzinger emblematica. Una bambina giapponese gli ha chiesto conto del terremoto: “Perchè i bambini devono avere tanta tristezza?”. Ha risposto in veste di papa Benedetto: “Non abbiamo le risposte. Però un giorno potremo capire tutto.” Cosa avrebbe risposto Delpini? Per Bob Dylan “la risposta soffia nel vento” nella traduzione letterale non “la risposta non c’è” di Mogol. Per me “la risposta è dentro di me”. C’è dentro di me come una vocina che mi dice: “Luigi, va verso te stesso”.

Leave a Reply

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi