Giappone. Otto anni dopo a Fukushima la gente non torna

da AVVENIRE
12 marzo 2019
Giappone.

Otto anni dopo a Fukushima la gente non torna

Pio D’Emilia, Namie (Fukushima)
Resta il timore dei valori ancora alti di radioattività. Per convincere i residenti al rientro, Tokyo ora pensa al taglio dei sussidi agli sfollati
Naoko Takahara, 75 anni, non è cambiata. L’orto è come sempre ben curato: c’è anche la rucola, da quando le portammo i semi, 8 anni fa, lei e la sua famiglia ne vanno matti. Loro continuano a mangiarli, i frutti dell’orto: «Siamo vecchi, se muoriamo di cancro non sarà certo per colpa delle radiazioni…». L’11 marzo 2011 sembra lontano.
Assieme al marito Shun, Naoko vive a Namie, uno dei piccoli villaggi ai confini della cosiddetta “zona proibita”, ad una ventina di chilometri dalla centrale. Furono tra i pochi cittadini che dopo la tragedia nucleare rifiutarono l’evacuazione. La madre di Naoko aveva 94 anni, e non poteva muoversi da letto. «Se ci spostiamo, morirà di crepacuore: è vecchia, voglio che muoia qui, in casa sua», ci raccontava. Il suo caso fece notizia, all’epoca. Alla fine la spuntò: le autorità chiusero un occhio e la mamma, senza accorgersi di nulla, è morta tranquilla nel suo letto, due anni fa. Ora il divieto di residenza, a Namie come nel 92% della vecchia zona proibita, è stato tolto. Ma Naoko e suo marito sono ancora soli. «Nessuno vuole tornarci qui. E fanno bene. Questa è una terra morta. Uccisa dalla Tepco e dal governo che ne ha coperto e continua a coprirne i misfatti». Nessuna speranza? «Si, forse una – risponde Naoko, che è cristiana – l’unico modo per riportare l’attenzione del mondo sulla nostra tragedia è che quando il Papa visiterà il nostro Paese, preveda una tappa a Fukushima. Ma non glielo consentiranno mai».
Basta percorrere la statale 65, oggi quasi interamente riaperta al transito, ma percorsa solo dai camion che trasportano terra contaminata – in sette anni 70mila “volontari” ne hanno accumulato 3 milioni di tonnellate al costo mostruoso di 25 miliardi di euro, e senza sapere ancora cosa farne, visto che nessuna provincia ha accettato il piano governativo di «redistribuzione» – per cogliere le drammatiche contraddizioni di una regione che il governo ha dichiarato «sicura», sottoponendo gli ex evacuati ad un micidiale mix di promesse, assicurazioni e minacce, ma che è ancora di fatto deserta. E che tale resterà. Perché non basta, come ha fatto il governo all’indomani dell’incidente, aumentare arbitrariamente i parametri di radioattività «sostenibile con la vita umana», portandoli da un microsievert l’anno – che è lo standard internazionale – a venti. È il rapporto di fiducia con le autorità (e con i media nazionali), da sempre efficace collante sociale, che si si è rotto. La gente non si fida più. E così queste terre un tempo belle e fertili, dove oggi abitano oramai pochi anziani che non hanno nulla da perdere e che alla vita in una casetta di plastica e alluminio, o ospiti «sopportati» di qualche familiare preferiscono gli odori e i rumori della loro vecchia casa, rischiano di morire per sempre. Tant’è che c’è già chi sta pensando di investire, creando enormi distese di pannelli solari.
«I giapponesi sono molto legati alla terra d’origine, se non tornano non è certo per dispetto o ripicca. È perché davvero non ci sono i presupposti per riprendere una vita serena e salutare. Il governo, sui dati della radiottività, mente». Tomoko Sasaki è una donna di 45 anni di Iwaki, un altro centro vicino alla centrale. Subito dopo l’incidente, quando i dirigenti della centrale ed il governo ancora negavano che ci fosse una vera e propria emergenza (il triplo meltdown è stato ammesso solo il 16 giugno, tre mesi dopo l’incidente) ha fondato il Centro per il Controllo Civile delle Radiazioni, che ancora oggi è molto attivo. Grazie ad una rete di medici volontari, offre consulenze e screening gratuiti a chiunque voglia controllare la sua salute. «La autorità ci hanno mentito continuamente: prima negando i meltdown, poi sottovalutando l’emergenza, poi illudendoci che un rientro sarebbe stato possibile e a breve. E ora dicendoci che possiamo rientrare: rischiate di più di ammalarvi di cancro se fumate o siete obesi che a vivere qui, ci dicono…. Ma io non fumo e non sono obesa, e non voglio morire di cancro».
Per convincere gli abitanti ad abbandonare la zona proibita all’epoca, il governo e la Tepco (la società che gestisce la centrale e che ora è partecipata dallo stato al 51%) hanno offerto lauti e secondo molti esagerati sussidi: fino ad oltre 1.500 euro al mese, soldi che molti anziani hanno comunque rifiutato e con i quali molti giovani hanno perso qualsiasi stimolo a cercare lavoro. Ora, per convincerli a tornare, il governo ha minacciato – e per certe categorie la misura è già operativa – di sospendere i sussidi. Entro la fine del 2019, per molti, giusto in tempo per le Olimpiadi.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi