In Siria 4 milioni di bambini non hanno visto altro che la guerra

da La Stampa
11/03/2019

In Siria 4 milioni di bambini

non hanno visto altro che la guerra

Oggi Save the Children presenta il rapporto: “Un domani migliore: la voce dei bambini siriani”
FRANCESCA PACI
ROMA
Con quella che comincia domani a Bruxelles saranno tre le Conferenze dei Donatori che dal 2017 cercano di tamponare il disastro umanitario siriano. Le ambizioni, come sempre, sono altisonanti, ma a 8 anni dall’inizio della pacifica rivolta contro il regime di Damasco degenerata poi in un sanguinario conflitto civile a uso e consumo delle tensioni geopolitiche regionali, il ritorno alla normalità per la popolazione rifugiata o sfollata resta una chimera. Il regime alawita, sponsorizzato da Russia e Iran, ha vinto ormai la guerra ma pochi credano che riuscirà a vincere la pace in un Paese devastato, spossato e diviso, dove molti cominciano a rientrare ma ci sono anche i 28 siriani che si sono rivolti alla Corte Penale Internazionale dell’Aia per far incriminare e processare Bashar al Assad.
E poi, occhi che guardano muti, i bambini: quelli che commuovono facilmente l’opinione pubblica ma altrettanto facilmente vengono strumentalizzati da una parte e dall’altra per poi di fatto essere dimenticati. La realtà fotografa una generazione perduta, 4 milioni di piccoli non hanno visto altro che devastazione e morte da quando sono nati, uno su tre non conosce la scuola e uno su due dipende interamente dagli aiuti umanitari. Due anni fa la prima Conferenza dei donatori raccolse 6 miliardi di dollari per porre un argine al disastro, poco e tardi: almeno 2,5 milioni di bambini sono sfollati all’interno della Siria e non sognano neppure la possibilità di tornare a casa.
Save the Children, una delle organizzazioni non governative che non hanno mai abbandonato il terreno di lavoro, neppure quando l’avanzata dello Stato Islamico oggi sconfitto associata alla cattiva coscienza occidentale rendeva la Siria una causa persa e poco appassionante, continua a raccogliere voci e storie. L’ultimo rapporto, che s’intitola “Un domani migliore: la voce dei bambini siriani” e sarà presentato stamattina, racconta il deserto umano del nord del Paese, dove oltre il 30% dei minori soffre di gravi stati di angoscia e ansia. È la regione dei governatorati di Aleppo, dell’ex capitale del Califfato Raqqa, di Idlib, estrema roccaforte degli irriducibili di al Baghdadi ma anche discarica esistenziale dei figli dell’Isis, i più reietti tra i reietti. È una zona ristretta dove vive però più della metà dei bambini siriani in condizioni precarie. Le parole dei protagonisti trafiggono chi ascolta, gonfie di vuoto come la pancia degli affamati ma non disperate, il 70% degli intervistati desidera passare il tempo con gli amici, l’86% vorrebbe andare bene a scuola, il 98% sogna l’armonia in famiglia mentre la quasi totalità (98%) vorrebbe vivere in un contesto di pace.
I bambini guardano avanti, si dirà che è banale ma troppo spesso quel che suona banale viene ignorato con la scusa che tanto non stupisce nessuno. Il risultato è l’afasia. In Siria invece c’è Lina, 13 anni, sopravvissuta all’assedio nel Ghouta orientale e rifugiata a Idlib che dopo aver sepolto i genitori voleva solo sparire, «ho sperato di morire anch’io, ma Dio aveva altri piani. Ora voglio che la guerra finisca per poter tornare dove vivevo e ricostruire il mio Paese». C’è Sara, 14 anni, ferita durante un raid aereo a Deir Ezzor e ora sfollata in un campo profughi («La mia vita e la guerra sono una cosa sola. Anche qui, il rumore di un aereo in cielo mi fa subito paura. Vorrei dire a tutti i bambini del mondo di non allontanarsi mai troppo dalla loro famiglia e di non giocare con oggetti pericolosi».). Ci sono quelli che per aiutare la famiglia sono costretti a sposarsi precocemente (il 65% delle bambine denuncia i matrimoni precoci). Ci sono piccoli depressi, malnutriti, senza sorriso.
«Chiediamo ai leader che si incontreranno a Bruxelles di ascoltare la voce dei bambini siriani, perché anche se hanno attraversato otto anni di guerra e violenze sono ancora fiduciosi di poter costruire un futuro migliore» insiste il portavoce di Save the Children Filippo Ungaro che oggi domanderà ai delegati dei Donatori di impegnarsi pubblicamente per sollevare la condizione dei bambini. Oltre uno su due dei piccoli invisibili che commuovono su larga scala giusto il tempo di incarnare il corpicino abbandonato di Aylan Kurdi confida che la comunità internazionale possa far loro scudo.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi