Omelie 2019 di don Giorgio: QUARTA DI PASQUA

12 maggio 2019: QUARTA DI PASQUA
At 21,8b14; Fil 1,8-14; Gv 15,9-17
Il Cristo storico e il Cristo della fede
Vorrei partire da una domanda: i primi cristiani, e i cristiani che seguiranno lungo i millenni fino ad oggi, dove attingevano la loro forza interiore per testimoniare il Cristo risorto? Già dicendo Cristo risorto troviamo la risposta.
I cristiani attingevano, attingono e attingeranno la loro fede nel Cristo risorto, e non tanto nel Cristo storico, ovvero in quel Gesù di Nazaret che ha detto tante cose belle e ha fatto gesti strepitosi, come i miracoli.
Basterebbero di per sé le parole dell’apostolo Paolo: «Se Cristo non fosse risorto la nostra predicazione sarebbe senza fondamento e vana la vostra fede» (15,14).
Gli esegeti più attenti ci dicono che i quattro Vangeli (soprattutto quello più antico, di Marco) danno un’enorme importanza ai racconti della Passione. Anzi, il primo nucleo della Buona Novella, quello predicato a viva voce (gli scritti verranno dopo decenni e decenni dalla morte e risurrezione di Cristo), era proprio l’annuncio (kerigma) della passione, morte e risurrezione di Cristo. I detti e i fatti (le parole e i miracoli) verranno predicati e poi narrati successivamente, e per ultimo i racconti dell’infanzia di Gesù.
Questo per dire che il centro, il cuore del primo annuncio evangelico era questo: Gesù ha sofferto, è morto sulla croce ed è risorto.
Ed è proprio quando Gesù muore sulla croce che c’è la grande Sorpresa divina. Non  per nulla Giovanni, il più mistico tra i quattro evangelisti, “vede” la Croce già nella Gloria. Ecco la Sorpresa divina: mentre muore, Gesù di Nazaret dona all’umanità intera lo Spirito santo! Giovanni scrive: «E chinato il capo consegnò lo spirito» (19,30). L’evangelista Marco: «Ma Gesù, dando un forte grido, spirò» (15,37).
“Spirare” significa “emettere l’ultimo respiro”, dunque morire fisicamente, ma può anche significare “consegnare lo spirito”, nel senso di donare lo Spirito santo. Mentre Gesù di Nazaret muore fisicamente, ovvero abbandona il suo corpo, proprio in quel momento consegna al mondo lo Spirito divino. Così pensavano anche i grandi Mistici, Eckhart e Angelus Silesius, per citare due nomi. Possiamo dire che, sulla Croce, Gesù di Nazaret lascia il posto al Cristo risorto, nella effusione dello Spirito santo.
Un bravo cristiano che cosa pensa? E perché sbaglia?
Un bravo cristiano potrebbe anche pensare: “La mia fede si fonda soprattutto sul Gesù di Nazaret, che ci ha lasciato un grande messaggio incomparabile (la buona novella) e ha anche compiuto gesti strepitosi.  Sì, Gesù è risorto, ma la risurrezione non è altro che la garanzia o la prova o la conferma divina della validità del Gesù di Nazaret”.
Come non farci convincere dalla logica tanto semplicistica di questi ragionamenti? Ma, ecco una contro-domanda: questi ragionamenti di un bravo cristiano appaiono sì logici, ma lo sono anche dal punto di vista teologico, per non dire mistico?
Che Gesù di Nazaret abbia detto e fatto cose del tutto strepitose, nulla da dire. Ma vi potrei dimostrare che c’è chi ha detto e ha fatto cose ancor più strepitose di quanto abbia detto o fatto Gesù di Nazaret. E allora, come la mettiamo? A chi o in chi credere?
Inoltre, che cosa s’intende per risurrezione di Cristo? Solo una prova o segno divino che conferma il Gesù di Nazaret? Gesù di Nazaret è morto definitivamente sulla croce. È vero che il suo cadavere è svanito nel nulla (le donne e gli apostoli hanno trovato “vuoto” il sepolcro!), ma quel corpo non si era trasfigurato nel Cristo risorto. In altre parole, Il Cristo risorto non è una semplice trasfigurazione o glorificazione del Gesù di Nazaret. È qualcosa di più, molto di più. Qualcosa di completamente diverso: di Nuovo!
E allora chi è il Cristo risorto? Gli evangelisti cercano di dirci qualcosa con i racconti delle apparizioni, che sono però contraddittori, confusi, frammentari. L’unico episodio rivelatore della Novità della Risurrezione è quello di Tommaso. Solo Giovanni lo riporta. «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non  metto la mia mano nel suo fianco, io non credo» (20,25). Come a dire: “Voglio essere sicuro al cento per cento che quello che appare è il Gesù di Nazaret morto sulla croce”. E Gesù rimprovera Tommaso: la beatitudine sta nel “vedere” con gli occhi della fede.
In altre parole: Il Cristo risorto è una Realtà del tutto impalpabile. La fede richiede gli occhi dello spirito, e non gli occhi di carne. I discepoli, prima della sua morte, potevano toccare, vedere, sentire il loro Maestro; dopo la risurrezione, c’è solo un rapporto di fede.
Ma vorrei aggiungere un’altra cosa. Prima dicevo che c’è chi ha detto e ha fatto cose meravigliose più di quanto ha detto o ha fatto Gesù di Nazaret. Ed è vero. Ma c’è una cosa, ed è essenziale, che fa la differenza tra Gesù di Nazaret e gli altri, ed è la morte di Gesù. A differenza di tutti gli altri, Gesù è l’unico a morire, donando lo Spirito santo.
Ammiro molto il filosofo ateniese Socrate, vissuto tra il V e il IV secolo a.C.: per la sua rettitudine morale, per il suo grande insegnamento e per la dignitosa morte (condannato ingiustamente a bere un potente veleno, la cicùta). Certo, morendo, ci ha lasciato una grande testimonianza, i suoi ideali, le sue grandi Idee sulla Giustizia. Ma solo Gesù di Nazaret, morendo, ci ha donato lo Spirito divino.
Conclusione
Mi preme ora concludere facendo qualche provocazione. Se il Cristo risorto è il Cristo della fede o il Cristo mistico, come mai la Chiesa è tuttora ferma al Cristo storico?
Non dimentichiamo che Gesù di Nazaret aveva detto ai suoi discepoli: «È bene che io (Gesù storico) me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi lo Spirito che vi insegnerà tutta intera la verità…”. Come a dire: “Io, Cristo storico, vi ho detto solo qualcosa, ma sarà lo Spirito a dirvi tutto il resto”. Restando fermo al Gesù storico, non potrò mai conoscere la verità tutta intera!
Certo, lo Spirito santo c’era già e agiva, ancor prima del dono del suo Spirito, quando Cristo moriva sulla croce. Ma Cristo dalla Croce ha rilanciato lo Spirito, e lo fa ora in  quanto Cristo risorto.
Non posso di nuovo non ricordare l’incontro di Gesù con la samaritana. Vi chiedo ancora qualche minuto, ma ne vale la pena.
A raccontare l’incontro è sempre lui, il mistico Giovanni. C’è un pozzo, c’è Gesù, già nella sua gloria di Risorto. Non dimentichiamolo. Aspetta una donna di Samaria. Sono soli. All’inizio ci sono scintille tra i due. Gesù provoca quella donna, eretica e con una vita morale non certo esemplare. Forse la persona ideale per ricevere un messaggio strepitoso, sconvolgente, rivoluzionario. Questo, secondo me, è l’Incontro degli incontri.
Ci sono ancora degli equivoci sui termini: pozzo, acqua, secchio, tempio. Gesù invita quella donna a guardare nel pozzo, a scendere spiritualmente nel pozzo. Forse non l’ha fatto. Ma a Gesù interessava parlare al mondo intero di un pozzo, che è quello del nostro essere interiore. Chi vi scende, scopre il Mistero divino, che però richiede una continua discesa, sempre più nel profondo.
E così tutti potranno capire, la religione potrà capire, la Chiesa potrà capire che Dio è purissimo Spirito, che non gradisce quattro mura di una chiesa o di una struttura, ma Lui sta bene solo essere laggiù, nel profondo del pozzo, dove ogni essere umano, di qualsiasi credenza religiosa, scopre il segreto del suo spirito e dello Spirito divino.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi