La sua lotta contro la lebbra. L’addio a suor Ruth Pfau, la «Madre Teresa» del Pakistan

da AVVENIRE
11 agosto 2017

La sua lotta contro la lebbra.

L’addio a suor Ruth Pfau

la «Madre Teresa» del Pakistan

Silvia Guzzetti
Sconfisse la lebbra curando migliaia di malati. Nata in Germania, è morta a 87 anni. Ha fondato 170 ospedali. Il 19 agosto funerali di Stato a Karachi
E’ stata soprannominata la “Madre Teresa del Pakistan”, e della santa di Calcutta aveva il viso rugoso e i capelli bianchi e radi. Quasi tutti nascosti sotto un velo bianco e azzurro. Ruth Pfau, suora delle “Figlie del cuore di Maria”, ha dedicato, con successo, la sua vita a eliminare la lebbra dal Pakistan ed è morta ieri, nella città di Karachi, a 87 anni, proprio pochi giorni prima il ventesimo anniversario della morte di Santa Madre Teresa. Per lei, il Pakistan, proprio come l’India fece con Madre Teresa, ha annunciato un funerale di Stato, il prossimo 19 agosto, celebrato nella cattedrale di Saint Patrick. La suora verrà sepolta nel cimitero cristiano di Gora Qabristan. Le ha reso omaggio il primo ministro pachistano Shahid Khaqan Abbasi, dicendo che suor Pfau «pur essendo na-È ta in Germania era, col suo cuore, in Pakistan».
Il premier ha lodato il suo coraggio e lo spirito di servizio con cui suor Ruth cercò di migliorare le vite di quanti erano colpiti dalla malattia. E ancora: «La nazione riconosce i suoi sforzi sempre disinteressati». Il Pakistan «la ricorderà per sempre». «È grazie alla sua lotta infaticabile che il Paese ha sconfitto la lebbra», ha scritto il consolato tedesco di Karachi su Facebook. L’ambasciatore tedesco in Pakistan, Martin Kobler, ha espresso le sue condoglianze ai rappresentanti del lebbrosario Maria Adelaide ricordando che «con suor Pfau perdiamo un simbolo importante dell’amicizia tra la Germania e il Pakistan».
La suora, fresca di studi di medicina in Germania, venne mandata dal suo ordine in India alla fine degli anni Cinquanta, ma un problema relativo al rilascio del visto la costrinse a fermarsi nella capitale finanziaria del Pakistan, Karachi, da dove non si è più spostata per 57 anni. «Il primo paziente che mi convinse a cominciare la mia battaglia fu un giovane afghano – racconterà anni dopo –. Gattonava usando mani e piedi nel dispensario dove ci trovavamo, e si comportava come fosse normale che un essere umano strisciasse a quel modo, nella melma e nel fango». In un’intervista ad Avvenire del 2002 raccontò: «Alcuni malati venivano addirittura spinti nel deserto in modo che gli animali selvaggi li eliminassero».
La sua determinazione a sottrarre migliaia di persone sofferenti e povere al morbo di Hansen è stata inarrestabile. Quando arrivò in Pakistan non sapeva neppure che cosa fosse la lebbra. Alla fine, però, ha vinto su tutta la linea la battaglia per sconfiggere la malattia. La Madre Teresa pachistana ha compiuto la sua opera attraverso centinaia di ospedali in tutto il Paese, fondati in collaborazione con vari governi provinciali. Grazie agli studi in medicina è stata in grado di formare professionalmente dottori pachistani, e ha ottenuto molte donazioni straniere per i suoi centri dove sono stati curati anche malati di tubercolosi o di altre gravi patologie. I suoi sforzi non si sono limitati a questo. Nel 2010, infatti, aiutò anche le vittime delle devastanti inondazioni nel sud ovest del Paese. Nella stessa intervista ad Avvenire disse: «Ci dobbiamo occupare dei lebbrosi, delle malattie.
Ma ci dobbiamo occupare anche delle questioni sociali. Della reintegrazione delle persone guarite». Suor Ruth ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo lavoro. Le sono stati conferiti premi prestigiosi come l’“Hilal-e-Imtiaz”, la seconda onorificenza per importanza del Paese, nel 1979, l’“Hilal-e-Pakistan”, nel 1989, e la “Staufer Medal” nel 2015. Nel 2014 le venne attribuito, nel duomo di Aquisgrana, il premio “Klaus Hemmerle”. «Ruth Pfau ha fatto sperimentare l’Amore di Cristo a persone dalle convinzioni più diverse», disse nel 2014 monsignor Joseph Coutts, presidente della Conferenza episcopale pachistana, ringraziando la suora a nome della sua Chiesa. Suor Pfau ha scritto anche quattro libri in tedesco raccontando la sua opera.

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Il grande peccato di noi occidentali è la presunzione. Non ne sono esenti, spesso, anche coloro che sono animati da spirito missionario e avvertono il dovere di portare soccorso ai bisognosi e ai derelitti. “Per fortuna” però, esistono pure persone che considerano questa spinta come un privilegio e se si pongono questo obiettivo, non lo fanno per soddisfare il proprio ego esigente, ma per aiutare in maniera concreta, con umiltà e spirito di servizio, senza nascondere le proprie debolezze e difficoltà, inevitabili di fronte alla nella dura realtà con cui si devono confrontare..

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi