Omelie 2014 di don Giorgio: Settima Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni Battista

12 ottobre 2014: Settima Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni Battista
Is 65,8-12; 1Cor 9,7-12; Mt 13,3b-23
Il primo brano della Messa va spiegato, per evitare di restare magari scandalizzati, per il modo con cui il Signore sembra ragionare, quasi fosse vendicativo nei riguardi dei suoi infedeli. I versetti che precedono il brano possono indurci a pensare così: «Io non tacerò finché non avrò ripagato abbondantemente le vostre iniquità e le iniquità dei vostri padri, tutte insieme, dice il Signore». Che cosa avevano fatto? «Costoro, dice il Sighnore, hanno bruciato incenso sui monti e sui colli mi hanno insultato».
Dio parla di idolatria, il peccato ritenuto il più grave di tutti. Tradire l’alleanza di Dio era insopportabile, da punire. L’idolatria consisteva nel volgere l’attenzione a degli oggetti piuttosto che al padrone degli oggetti. Gli oggetti diventano sacri, da incensare, dimenticando l’autore dell’universo. Non è questo anche il più grave peccato del mondo moderno? Adorare le cose, gli oggetti, il denaro, la forza, il potere. E il peccato diventa idolatria, nel caso in cui è il credente a tradire il suo Dio per volgere lo sguardo alle creature, facendone dei miti, degli ideali, degli eroi.
Ma il Signore, ecco il brano di oggi, non si limita a condannare duramente il tradimento dell’Alleanza, si vendica a modo suo, da Dio che, nonostante tutto, non viene mai meno alla sua Parola di fedeltà all’essere umano. E pensa al riscatto, a vendicarsi del male scommettendo sui giusti, pochi ma buoni. Espressiva l’immagine del succo che si trova in un grappolo d’uva. Il gruppetto dei giusti rimasti fedeli è come un po’ di mosto rimasto in un grappolo spremuto (la vendemmia nella Bibbia è simbolo del giudizio divino). Da questo pugno di fedeli Dio farà uscire una nuova discendenza. A questi eletti e servi del Signore verrà riservata la nuova terra promessa.
Dovremmo soffermarci di più a riflettere sui brani della Bibbia. Ecco, il brano di oggi potrebbe aiutarci a intuire qual è il piano di Dio nella storia. Noi abbiamo della storia una concezione abbastanza lineare: distinguiamo epoche che si succedono l’una dopo l’altra, pensando che il progresso sia una cosa logica, come uno sviluppo naturale di eventi, di conoscenze, di scoperte. Ma c’è qualcosa che ci sfugge. Anche gli storici rimangono talora perplessi, spiazzati, confusi. Non riescono a cogliere il nesso tra un’epoca e un’altra. Talora sembra che si torni indietro. Talora sembra che non ci sia futuro. Non è anche la paura dell’uomo moderno?
Eppure c’è sempre qualcosa di misterioso, storicamente parlando, che, quasi improvvisamente, dà una accelerata all’immobilismo, o, meglio, porta l’essere umano su un’altra strada, lo orienta altrove. Ma la cosa ancor più sorprendente è che la svolta diciamo radicale proviene non dal potere, dalla forza, dalla intelligenza puramente umana. È l’insignificante, ciò che l’uomo ritiene di poco conto, a dare la svolta. È il poco, non il tanto. È la debolezza, non la forza. È la fedeltà ad un ideale che è nel profondo dell’essere, e non qualcosa di grandioso che sta in superficie.
Dio scommette sul poco, Dio scommette sugli scarti, Dio scommette sui profeti incompresi, Dio scommette sui pochi giusti che vanno contro corrente, che non si fanno trascinare dalla massa manovrata dal potere.
Quando tutto sembra che vada per il meglio, che l’uomo abbia la felicità tra le mani, che il mondo corra verso un progresso taumaturgico, ecco improvvisamente succede l’arresto, la crisi, la recessione. Ci ripromettiamo sempre di non cadere in un nuovo tranello, ma la storia ci insegna che l’uomo non capisce mai la lezione. Si torna da capo, si ricomincia, si mette la prima, e poi si mette la quinta, e si va a sbattere ancora una volta contro il muro. Fino a quando durerà questa follia? E fino a quando Dio pazienterà nello scommettere sui pochi giusti fedeli a Lui?
Passiamo al secondo brano, tolto dalla prima lettera di san Paolo ai cristiani di Corinto. Anche questo brano va spiegato, se vogliamo cogliere ciò che l’Apostolo intende affermare. Paolo parte da un dato di fatto, che è stabilito dalla stessa legge umana. Uno che lavora ha diritto ad una paga. Chi presta servizio militare non lo fa a sue spese. Il contadino non lavora per nulla. Così un missionario che va in giro a predicare la parola di Dio ha diritto ad essere a carico della comunità nelle sue necessità materiali. Ma, ecco la scelta di san Paolo: egli vuole rinunciare di propria volontà a questo diritto, ad una serie di privilegi pur di essere più libero di predicare. Al versetto 14, scrive: «Il Signore ha disposto che quelli che annunciano il Vangelo vivano del Vangelo», e al versetto 18: «Qual è dunque la mia ricompensa? Quella di annunciare gratuitamente il Vangelo senza usare il diritto conferitomi dal Vangelo». In certi momenti del suo ministero, San Paolo sceglie di lavorare con le proprie mani. Nel libro Atti degli Apostoli, al capitolo 18, versetti 3, troviamo: l’apostolo si stabilisce in casa dei coniugi Aquila e Priscilla, e lavora presso la loro ditta: erano fabbricanti di tende. Rinuncia ad avere una famiglia, pur di essere ancora più libero nel suo ministero. Qui potrebbe entrare la questione, oggi dibattuta, del celibato dei preti. Da tempo sostengo che la Chiesa dovrebbe lasciare ai suoi ministri possibilità di scelta: di sposarsi oppure di restare celibi. Tuttavia, se l’amore umano, riflesso dell’amore di Dio, è una bellissima cosa, è anche vero che il prete che si sposa può avere dei condizionamenti da parte della famiglia. Chi resta celibe è più libero di parlare anche rischiando, senza compromettere la propria famiglia. Tuttavia, ripeto, tocca ai preti scegliere, senza perciò l’obbligo del celibato.
Non voglio ora entrare nella questione anche complessa del mantenimento materiale dei preti, e dello stipendio che oggi viene garantito dalla curia attraverso l’Istituto per il Sostentamento del clero, che prende i soldi dalle libere offerte e dall’otto per mille, una cosa tuttavia va detta a proposito dei privilegi e delle sovvenzioni provenienti da fonti non sempre limpide. Talora mi chiedo, ed era il problema di san Paolo: come essere liberi di annunciare la Parola di Cristo, in tutta la sua radicalità, senza perciò addomesticarla opportunisticamente, se si hanno le mani legate? Una comunità non dovrebbe mai avere la possibilità di dire al suo prete: “Predica a modo nostro, perché ti manteniamo noi”. Oppure i ricchi o i potenti, a iniziare dai signorotti locali, non dovrebbero mai poter dire: “Tu prete, fai attenzione a come parli, altrimenti ti togliamo le sovvenzioni”. Purtroppo, capita che perfino la curia ricatti i suoi preti: “Se tu continui a fare il bastiancontrario, ti togliamo il mensile!”. È capitato.
Purtroppo, il prete, volere o no, qualche legame ce l’ha. Si tratta allora di svincolarsi il più possibile, se si vuole annunciare in libertà la Parola di Dio. Legami anche di parentela.
Anch’io quante volte mi sono chiesto: come avere la libertà di dire la verità, se sono bloccato da vari condizionamenti? fin dove ho il diritto e il dovere di prendere i miei spazi per essere libero di annunciare la parola di Dio? Oggi, il vero problema non è tanto il sostentamento materiale, ma la libertà interiore. Certo, i condizionamenti possono provenire dall’esterno, anche e soprattutto dalle persone che stanno attorno a noi, dai consigli pastorali, dalle anime più devote, ma sono convinto che ai preti di oggi, in particolare i più giovani, manchi la libertà interiore, e per libertà interiore intendo avere una tale visuale di fede da andare oltre gli schemi, le strutture, gli obblighi imposti da una Chiesa gerarchica che pensa solo a garantire i dogmi e la morale.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi