Tanta rabbia, forti ideali e poche speranze

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Tanta rabbia, forti ideali e poche speranze

Sarà anche vero! In questi ultimi tempi sto diventando sempre più acido, più critico, duro, inflessibile; esprimo giudizi perentori su tutto, società e chiesa; sembro addirittura pieno di rabbia e vendicativo. Prendo ogni occasione per condannare. Vedo in ogni bicchiere il quasi tutto vuoto. Neppure offro la possibilità che per questo mio stato d’animo ci sia qualche giustificazione. A chi poi non mi conosce do l’impressione che sia nato già col piede storto.
Di motivi per esserlo ce ne sarebbero. Ma forse, nonostante questo, dovrei fare qualche sforzo e far capire che, dietro al mio modo negativo di pormi di fronte alla realtà, ci sono forti ideali, ed è per questo che non sopporto più mezze misure, ipocrisie, banalità, soprattutto quell’analfabetismo culturale che da anni sta bloccando il cervello di milioni di italiani.
C’è un altro dato di fatto: da quando ho dovuto lasciare la parrocchia, mi sento finalmente più libero di dire la verità, senza dover rendere conto alla mia gente, e senza sentirmi continuamente rimproverare: “Tu dividi la parrocchia! Le anime contano di più delle idee! Devi star vicino anche ai tuoi “nemici”, ideologicamente o politicamente parlando!”.
E così, per un senso di generale buonismo che accomuna tutti nella fratellanza pastorale, ognuno si tiene la propria idea politica, non importa se questa è in contrasto col Vangelo radicale. Le anime contano di più del Vangelo! Non importa se poi la Chiesa, in duemila anni, ha separato i buoni dai cattivi cristiani. E per buoni intendeva gli allineati alla struttura, gli osservanti delle leggi canoniche, e per cattivi intendeva i ribelli, i disordinati canonicamente parlando.
Sì, anche quando ero a Monte, tiravo per la mia strada, imponevo un passo non sempre allineato alla massa, e tanto meno tollerante. Ma i limiti me li sentivo, dettati dalla mia responsabilità di pastore, che sente “sue” tutte le pecore del proprio gregge.
Da un anno questi limiti sono caduti. Ora mi sento veramente libero di dire ciò che penso. 
Ma perché non stare calmo, proprio per il fatto che non mi sento più addosso alcuna responsabilità di parrocchia? Perché non ricuperare il tempo speso unicamente per la propria comunità, girando il mondo, senza attaccarmi ancora con estremo rigore al proprio posto?
Chi mi pone queste domande non ha capito nulla di ciò che è il mio animo. Non ho solo innato il senso della fedeltà al proprio dovere professionale, tra cui rientra anche l’impegno pastorale di un prete: ciò che precede ogni altro dovere è la fedeltà alla coscienza, la quale è sempre tale, anche quando si va in pensione. La coscienza non va mai a riposo, e non è qualcosa di puramente personale. È molto di più. Gli impegni professionali limitano casomai la coscienza del singolo, che deve talora sottomettersi a tanti condizionamenti. Ma la coscienza ci porta fuori dal nostro sentirci persona. È in un continuo confronto con l’umanità e con universo. Questo si chiama apertura umana. Questo si chiama apertura globale.
È chiaro che, ora, non più soggetto ai condizionamenti di una comunità locale, sento di dovermi confrontare con tutta la realtà, e la realtà non è qualcosa di aleatorio, ma frazionata in tante vicende, piccole e talora grandi, che si presentano ogni giorno davanti alla coscienza. L’urto è forte.
La cosa più drammatica è questa: dover conciliare il bene ideale con le problematiche esistenziali della gente comune. Ed è qui che scatta un senso di impotenza, ma nello stesso tempo anche una grande voglia di non farsi vittime del destino, e non di lasciare che la società diventi succube della necessità di sopravvivere. E ciò crea, da una parte, amarezza, e dall’altra una ribellione. Chiamatela pure rabbia, o rivincita vendicativa. Chiamatela pure contestazione estrema, o insofferenza totale.
Oggi ciò che manca alla società è una grande voglia di rimettersi in piedi, senza dover continuamente borbottare, lamentarsi, per poi subire ulteriori beffe.
Non vedo, ad esempio, neanche tra i giovani di oggi, i disagi di una coscienza tradita da una società che è regredita anche per le loro ignavie. Sì, contestano, ma per che cosa? Non urlano altro che slogan, ma, dietro a belle parole “La Grande Bellezza siamo noi studenti!”, non vedo palpitare il cuore e non sento i brividi di qualcosa di profondo. Questi giovani vivono in superficie, come onde che si fanno risucchiare da vortici pericolosi.
E chi sono questi giovani? Figli di genitori, a loro volta figli di un benessere che li ha accecati. Questi giovani di oggi sognano questo falso benessere o un mondo totalmente diverso? Non sanno che l’attuale crisi può essere provvidenziale e che potrebbe far aprire gli occhi sul loro futuro? Il futuro è già dentro di loro, ma se vivono in superficie non lo troveranno mai, nemmeno se urleranno slogan provocanti. E allora?
Ciò che mi fa star male, e che mi rende sempre più odioso, è proprio questo rincoglionimento dei giovani che mortifica ogni loro tentativo di ribellarsi. Ma ribellarsi a che cosa? Sta qui il loro vero problema.  
12 ottobre 2014   
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi