Quei giochi di morte che affascinano i giovanissimi

da AVVENIRE
11 ottobre 2021
«Squid game».

Quei giochi di morte

che affascinano i giovanissimi

Andrea Fagioli
Il problema è che tutta questa violenza è di fatto gratuita, con il rischio che lo spettatore apprezzi l’aspetto esteriore più appariscente che è la lotta per sopravvivere a scapito degli altri
Non è facile capire (a parte la tensione che a tratti crea) quali siano i reali motivi del successo di una serie come Squid game (tra l’altro sudcoreana e in lingua originale con sottotitoli), che si appresta a diventare la più vista in assoluto su Netflix, surclassando persino La casa di carta.
Per di più, come scriveva Gigio Rancilio nella sua rubrica «Vite digitali» su Avvenire dell’8 ottobre, anche «tanti under 14 vanno pazzi» per questo prodotto «violento e vietato». Infatti, la visione sarebbe impedita ai minori di 14 anni, ma è una foglia di fico perché poi nessuno è in grado (o ha la volontà politica) di controllare la vera identità di chi accede a una piattaforma on line.
A parte questo, i nove episodi di Squid game (letteralmente “Il gioco del calamaro”) raccontano la storia, ambientata ai giorni nostri in Corea del Sud, di Gi-hum, sfaccendato quarantenne, divorziato, una figlia di dieci anni, scommettitore incallito, un grosso debito con le banche e con gli strozzini, che vive sulle spalle dell’anziana madre fino a che un giorno gli viene offerta la possibilità di diventarlo miliardario (in won, la moneta sudcoreana) partecipando a una serie di giochi ispirati a quelli dell’infanzia che ben presto si rivelano una vera e propria lotta per la sopravvivenza: chi perde viene ucciso.
Il tutto nel chiuso di un ambiente misterioso, nel bel mezzo di un’isola deserta, sotto il controllo di inflessibili guardie armate, vestite in tuta rossa (stile La casa di carta) e maschera nera con su impresso un segno geometrico (tondo, quadrato e triangolare) in base al grado. A capo dell’organizzazione, con una maschera molto diversa dagli altri (vagamente simile ai Mamuthones sardi), un personaggio enigmatico denominato Front Man. E se le guardie sono spersonalizzate e identificate con segni geometrici, i partecipanti al gioco (tutte persone che come Gi-hum fuggono dai creditori) sono a loro volta spersonalizzati in numeri (nel caso specifico da 1 a 456) e come tali, anche loro vestiti tutti uguali, si muovono come automi in ambienti che sembrano delle giganti scatole di giochi accesamente colorate in netta contraddizione con la cupa violenza che si compie all’interno. Come detto, chi perde viene ucciso e generalmente lo si fa con un colpo di pistola alla testa con relative vistose conseguenze per cui il sangue schizza e scorre con evidente effetto splatter (lacerazione dei corpi compresa quando interviene anche un commercio di organi).
Non ci interessa a questo punto il resto della vicenda (che potremmo anche spoilerare dopo la non simpatica indigestione dei nove episodi alcuni dei quali persino un po’ noiosi e stranamente di diversa durata tra loro), ci interessa piuttosto mettere in evidenza il binomio soldi e morte così come emerge dalla serie scritta e diretta da Dong Hynk Hwang, ovvero la bramosia del denaro che spinge a giocarsi la vita, anche perché senza soldi la stessa vita avrebbe poco senso o quantomeno non potrebbe mai essere come uno la vuole. In questo è evidente una critica al sistema capitalista, a una società ipocrita che fa del denaro la misura della libertà e della felicità, che privilegia l’avere sull’essere, che riduce gli uomini a numeri e acuisce le disuguaglianze.
Su questa significazione ci sarebbe poco da dire, se non fosse che a un certo punto uno dei personaggi afferma che tra chi non ha soldi e chi ne ha troppi non c’è nessuna differenza: «Per entrambi vivere non è divertente». Ma soprattutto c’è da dire su una struttura carente, su soluzioni a livello di vicende prive di conseguenze logiche e sugli elementi di umanità che si palesano in alcuni personaggi, compreso il protagonista, che finiscono sempre per affogare nel sangue. Addirittura la peggiore violenza, con tanto di scene crude e situazioni drammatiche, si realizza tra gli stessi giocatori in base al principio morte tua, vita mia. Il problema è che tutta questa violenza è di fatto gratuita: non aggiunge niente a quell’idea iniziale, anzi finisce per confonderla, con il rischio che lo spettatore si fermi, e purtroppo apprezzi, l’aspetto esteriore più appariscente che è appunto quello della lotta per sopravvivere a scapito e a disprezzo degli altri.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi