La Caritas: Roma capitale dei nuovi poveri, ecco chi soffre di più

da AVVENIRE
11 novembre 2017
Rapporto.

La Caritas:

Roma capitale dei nuovi poveri,

ecco chi soffre di più

Alessia Guerrieri
Anziani, giovani e famiglie con disabili le vittime dell’indigenza, unite a giocatori d’azzardo e dipendenti da droghe. De Donatis: farsi prossimi, perché «la compassione non è istinto ma conquista
È un malessere che cresce. Che investe fette di popolazione fino a qualche tempo fa immuni, che scopre nervi e apre sfide a cui il volontariato non si è sottratto finora e deve continuare a dare risposte, «andando verso l’altro». Roma continua ad essere capitale anche della povertà, che colpisce per lo più anziani, giovani precari e famiglie con figli. Così è il ceto medio che si ritrova sempre più spesso in coda nelle mense della carità capitoline o in fila per un pacco alimentare. Un’utenza che è cambiata nel tempo, con quasi la metà dei “nuovi poveri” di origine italiana.
A tracciare un quadro del disagio a Roma è la Caritas diocesana nel Rapporto presentato oggi alla Pontificia Università Lateranense con il vicario di Roma, monsignor Angelo De Donatis. «Non è spontaneo fermarsi, non attendiamo che la carità sorga spontanea per farla, non attendiamo di essere attratti dai poveri per aiutarli», è il suo appello del commentando la parabola del Buon Samaritano e soffermandosi sul significato del termine compassione, cioè «soffrire insieme, farsi vicino» perché la compassione «non è istinto ma conquista». Una conquista, aggiunge monsignor De Donatis che si ottiene «col lasciarsi contagiare dallo stile di Dio, col mettere al centro non il nostro sentire ma l’altro». Da qui, l’invito ad avvicinarsi al prossimo, perché «da lontano possiamo esprimere giudizi che non corrispondono alla verità». «Non lasciamoli soli» è poi l’invito di Papa Francesco contenuto nel più vasto programma affidato alla sua diocesi. «La povertà ha il volto di donne, di uomini e di bambini sfruttati per vili interessi, calpestati dalle logiche perverse del potere e del denaro», queste le parole del pontefice riprese dal direttore della Caritas diocesana, monsignor Enrico Feroci, che si augura che i crudi dati sul disagio economico a Roma spingano ancora di più «i cittadini ad operare per la solidarietà, l’ascolto, la gratuità».
Anziani, giovani senza lavoro, famiglie con bimbi disabili
Tre le categorie nella infelice classifica di chi è più rischio povertà in una città che deve fare i conti con una emergenza abitativa senza pari in Italia, con trentamila famiglie coinvolte, tra occupazioni abusive, sfratti, richieste di alloggi popolari che attendono anni. Di contro a una platea di case sfitte che si aggira intorno ai 130mila appartamenti. Gli over65, i ragazzi che si dividono tra precariato e disoccupazione, i genitori che scelgono di mettere al mondo figli con una percentuale elevata riservata a nuclei familiari in cui è presente un minore disabile. Eccola le nuova mappa del disagio sociale capitolina.
«Se l’Italia, soprattutto l’universo giovanile, ha accusato perduranti ferite a causa della lunga crisi, Roma è anche in questo capitale», sottolinea Caritas Roma riferendo che il popolo dei senza dimora e dunque «in povertà estrema» arriva secondo alcune stime fino a 16mila persone. «Ma la povertà può assumere anche sembianze imprevedibili: forme di vero e proprio barbonismo domestico, cioè persone in abbandono totale pur essendo proprietari di una casa». Si è creata «una classe di nuovi poveri, nelle periferie e nelle classi sociali meno abbienti, come pure nella classe media» a causa di servizi pubblici non sufficienti che scaricano sulla famiglia una spesa sociale sempre crescente.
Tra i dati più preoccupanti quello sugli anziani: uno su tre nella Capitale è a rischio povertà. Resta poi il dramma dei giovani senza lavoro o precari. I cosiddetti “nuovi poveri” sono anche nelle fasce del disagio più marcato: tra le persone che vivono in strada il 45% sono italiani e il 33,5% possiede un diploma di scuola superiore. Si tratta di «persone che fino a poco tempo fa – si legge nel rapporto – seppure in maniera borderline, risultavano inclusi, capaci di condurre un’esistenza economicamente dignitosa» e che all’improvviso (la crisi dell’azienda per cui lavoravano, un licenziamento, una mobilità, una malattia gravosa, una separazione) si trovano ai margini.
Migranti, dipendenti da alcol, droga o gioco d’azzardo
Nel Rapporto un capitolo è dedicato ai migranti e, dati alla mano, si sottolinea che «l’integrazione è possibile» mentre la cosiddetta invasione non è altro che un “fantasma”; un’immagine creata dalla paura del diverso che si somma alla già tante difficoltà economiche e sociali degli italiani per via della crisi. C’è poi il problema disabilità con politiche da rafforzare soprattutto nelle scuole dove si contano 18.274 ragazzi disabili su una popolazione di mezzo milione di studenti. E qui la Caritas mette in evidenza anche «una disuguaglianza che non ti aspetti», quella di chi può accedere alle ripetizioni private e sostenere il suo percorso di studi e chi invece no.
Restano infine anche le dipendenze, dove alla droga o l’alcol, si aggiunge sempre più con forza quella dal gioco d’azzardo, che nel Lazio «ha movimentato 7,9 miliardi di euro nel 2016», è la stima dell’ente pastorale della diocesi di Roma. Il profilo del giocatore, secondo la Caritas, è prevalente maschio, oltre 40 anni, con titolo di studio medio-basso. Il 44% degli studenti abita o frequenta una scuola a pochi passi da un luogo dove si può giocare, quasi il 50% degli studenti tra i 14 e i 19 anni ha giocato d`azzardo almeno una volta nel corso dell`anno scolastico 2015-2016.«Di fronte alle sfide attuali – è dunque la conclusione – il volontariato può favorire e sollecitare relazioni. La nuova sfida dunque è andare incontro all’altro».

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Quello descritto è un dato di fatto inconfutabile, anche per l’autorevolezza della fonte da cui provengono questi dati, a dir poco angoscianti, che fanno scalpore perché disegnano una realtà sociale molto diversa da quella che diamo per scontata, su cui siamo abituati a ragionare. L’unica cosa che mi permetto di eccepire è che qui si parla di Roma, vale a dire dell’unica città italiana che supera i 2 milioni di abitanti, arrivando a oltre 3 se contiamo le periferie, le frazioni e i sobborghi e che si espande su una superficie enorme rispetto alle altre città del nostro paese, anche quelle più importanti (è quasi 10 volte più grande di Milano). Per questo, giocoforza, le cifre sono così considerevoli. Ovviamente non è mia intenzione sminuirle né metterle in discussione e, anzi, condivido l’allarme della Caritas e delle altre associazioni di volontariato che si spendono in maniera encomiabile a favore degli ultimi e dei bisognosi, ma vorrei solo far presente che la situazione, probabilmente, è simile in buona parte delle altre località del nostro territorio, anche se rapportata, logicamente, alle dimensioni degli altri centri.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi