Questo è un idiota da manicomio!!!

da Il Manifesto
EDITORIALE

Ci mancava il patriota di Rignano

Crisi al buio. Se solo avesse un sano rapporto con la realtà, non solo italiana, ma europea e mondiale, il senatore di Rignano saprebbe che azzardare una crisi di governo in questo momento rappresenta uno scenario surreale

Norma Rangeri

13.01.2021
Siamo alla follia: una crisi di governo al buio e l’Italia scambiata per un tavolo da poker. Purtroppo di che cosa è capace Matteo Renzi lo sappiamo molto bene avendolo visto all’opera prima alla guida del Pd e poi di palazzo Chigi, quando l’attuale capo di Italia viva, uomo solo al comando, dispiegava il suo progetto politico, mettendo in pratica pessime ricette sia sul piano sociale (jobs act per ricordarne una tra le tante), che costituzionale (il referendum su tutte).
Una crisi di governo in uno scenario drammatico, anzi tragico, per mille ragioni che non vale neppure ripetere, è invece la musica sulla quale stiamo ballando ormai da un mese. Se solo avesse un sano rapporto con la realtà, non solo italiana, ma europea e mondiale, il senatore di Rignano saprebbe che azzardare una crisi di governo in questo momento rappresenta uno scenario surreale.
E tuttavia, pur essendo stati abbondantemente vaccinati dal piccolo cabotaggio di un ex leader, pur sapendo che le sue minacce di sfiducia a Conte, insopportabile rivale nei sondaggi, rivelano un’ansia da prestazione tipica del leader sconfitto, sappiamo anche che questa lucida follia rischia di fare molto male al Paese. Come può fare molto male l’idea di un governo di salvezza nazionale con Renzi e Salvini sulle ali di Draghi, ipotesi sempre presente sullo sfondo e nei desiderata di forze e interessi che spingono per far cadere questa alleanza.
Ci sarebbe allora, pronto all’uso, un supercommissario, un salvatore della patria, un mentore dei patrioti del noto club nazionale patrocinato dalla destra, e ora anche dal piccolo leader che si definisce “un patriota che chiede una guida politica per il paese”. Che sia Conte il vero problema di Renzi, più che le politiche della maggioranza, è evidente urbi et orbi, come scrive il Financial Times: “Conte rappresenta un ostacolo alle rinnovate ambizioni di Renzi e del suo piccolo partito derivato dal Pd”.
Questo è il punto. Tutto il resto è giostra, manfrina, sceneggiata. A cui in queste settimane di teatrino ha voluto credere e fare da sponda proprio la principale vittima del rottamatore, il suo ex partito, da cui decise di scindersi un minuto dopo aver dato il via libera alla nuova maggioranza con Leu e i 5Stelle. La ministra Bellanova, nei talk-show di allora, alla domanda se ci si dovesse aspettare una scissione, rispondeva “non è questo il momento di parlarne”. Chissà, forse sembrava anche a lei di pessimo gusto.
La demenziale partita di Renzi, ora che le profferte di rimpastini e rimpastoni sembrano rispedite al mittente, è anche testimoniata dalla palese contraddizione di un possibile via libera al Recovery plan in consiglio dei ministri come in Parlamento, e insieme, senza soluzione di continuità, delle dimissioni delle due ministre dal governo. Né importa che Conte riceva le attestazioni della presidente vor der Leyen sul buon lavoro dell’Italia sul Next generation Eu, proprio perché non sono in ballo questioni di merito, ma una brutale questione di potere. Come del resto è stato evidente subito dopo il raggiunto accordo con l’Europa che destinava proprio all’Italia, il paese più indebitato, la fetta più grossa della torta per la storica sfida della ricostruzione.
Naturalmente sarebbe normale, auspicabile e necessaria la critica – e l’autocritica – sull’azione del governo (per esempio sul piano sociale e ambientale), ma altrettanto lo è evitare di buttare via il bambino con l’acqua sporca, anche perché alla base del patto con cui nacque questa maggioranza c’era la difesa di un perimetro di centrosinistra non già un allargamento a destra.
Però è arcinoto che i patti, certi patti, reggono poco. Specialmente se sottoscritti da chi di solito, prima della coltellata alle spalle, ti dice “stai sereno”.
Sono ore cruciali per il governo, e soprattutto per il paese, che, in piena crisi pandemica, non capirebbe una crisi politica. Oltretutto la pazienza delle persone normali, di chi vive quotidianamente le difficoltà nel lavoro e nella salute, è agli sgoccioli e di tutto abbiamo bisogno fuorché di un apprendista stregone.
***
LEGGETE ANCHE
Gli italiani non capiscono la crisi

7 Commenti

  1. giuseppe ha detto:

    Bene Renzi. Sei l’unico politico che sa vedere avanti. E’ stato il personaggio che ha voluto questo governo per evitare che Salvini si prendesse il potere. Ha sollecitato CONTE a darsi una mossa fin dal luglio 2020 sul recovery fund. Ha evitato che venisse approvato un progetto di utilizzo di fondi che nessuno aveva letto e che sarebbe stato gestito da 300 esperti. Non sarà colpa di Renzi se nulla si è fatto per ILVA,AUTOSTRADE, TELECOM,MPS. Renzi sostiene la necessità dell’utilizzo del MES per interventi sulla sanità e tutti sappiamo quanto ne abbiamo bisogno. Mentre il PD cosa fa? Non dimentichiamo che CONTE ha approvato QUOTA 100 e REDDITO DI CITTADINANZA. CERTO è COMODO DARE LA COLPA A RENZI: DEI RITARDI DEI PAGAMENTI DEI RISTORI, DELL’AUMENTATO BUCO DI BILANCIO ECC. Cordialità, Giuseppe

    • Don Giorgio ha detto:

      Io dico solo una cosa: l’intelligenza di un uomo politico la si misura anche e soprattutto dal suo buon senso, e il buon senso dice che nelle emergenze bisogna stare uniti. Ciò che ha fatto e sta facendo Renzi Matteo è di una gravità inaudita. Tutto il resto sono balle! Se non si capisce questo, è veramente il caso di dire che si è IMBECILLI!!!

    • Luigi Sirtori ha detto:

      L’alleanza fra M5S, Pd e LeU non venne proposta solo da Renzi, ma da varie personalità fra cui Prodi, Landini, Franceschini, Bersani, Bettini. Queste persone non solo non si sono comportate come Renzi, ma hanno usato quel buon senso che serve in situazioni come queste.

  2. pio ha detto:

    a porta a porta nel 2017 lamentava “e’ inacettabile che nel 2017 ci siano ancora i piccoli partitini che mettono i veti”..roba da matti, innesca la crisi in piena pandemia e crisi economica…

  3. Luigi Sirtori ha detto:

    A questo idiota di Renzi, ma anche al duo Salvini e Meloni che aspirano al governo del Paese, e agli italiani che danno loro fiducia in loro nonostante la loro palese incompetenza non posso non essere d’accordo con Carlo Maria Martini: “La politica è l’unica professione senza una specifica formazione. I risultati sono di conseguenza.”

  4. Giuseppe ha detto:

    Non è un caso che Renzi si è fatto conoscere come “rottamatore”, visto che poi è riuscito a far saltare per aria qualunque cosa in cui ha ficcato il naso. Esempio lampante di megalomania distruttiva…

  5. simone ha detto:

    E’ notizia di pochi minuti che Renzi ritirerà i ministri di Italia Viva, aprendo di fatto la crisi di governo.
    Spero vivamente sia l’ultimo passo di un uomo politico incapace e vanesio.
    Già la sua credibilità era sotto-zero, con questo mossa spero scenda ulteriormente fino a spingerlo a trovarsi un’altra occupazione.
    Ci avanzano tutti uomini irresponsabili e individualisti come lui.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi