Dalla stalla al supermercato: ecco le ragioni della protesta dei pastori

da AVVENIRE
12 febbraio 2019
Il latte.

Dalla stalla al supermercato:

ecco le ragioni della protesta dei pastori

Andrea Zaghi
Il prezzo offerto per un litro di latte di pecora non riesce a coprire i costi di produzione. Le accuse di “cartello”, la paura di concorrenza sleale dalla Romania. «Serve un confronto»
I quattro livelli su cui si snoda la filiera penalizzano gli allevatori: un chilo di pecorino romano viene venduto nei supermercati a livelli 4 volte superiori rispetto ai ricavi degli allevatori
Una filiera difficile, un settore in crisi. Dietro le proteste di questi giorni scatenate dai pastori sardi, c’è un comparto prezioso ma fragile che sta cedendo sotto i colpi delle logiche industriali e di mercato. Il succo della questione è semplice: il prezzo offerto per un litro di latte di pecora non riesce a coprire i costi di produzione. Da qui la discesa in strada degli allevatori e le barricate degli industriali.
Sono quattro i livelli-chiave su cui si snoda la filiera.
1) il primo è la produzione nelle stalle, con gli ormai noti 60 centesimi offerti dall’industria agli allevatori
2) il secondo livello riguarda il conferimento del latte nei caseifici, per la lavorazione del formaggio.
3) A quel punto, il processo si chiude con la vendita all’ingrosso o al dettaglio.
4) Un passaggio di non poco conto coinvolge la grande distribuzione. I supermercati hanno una massa critica sufficiente da potersi permettere di comprare direttamente dal caseificio, saltando gli altri passaggi.
In cifre, fissato a 15 euro al chilo il prezzo di vendita del pecorino romano al consumatore finale, quanto incassano i vari livelli? In media, il supermercato incassa più di 4 volte rispetto ai ricavi dei pastori, che prendono 3,6 euro in tutto (60 centesimi per i 6 litri di latte necessari per un chilo di pecorino).
Un commerciante all’ingrosso vende invece a 6 euro, quasi il doppio rispetto al produttore. I costi in più da considerare riguardano le spese di trasporto, confezionamento e pubblicità. I produttori chiedono almeno 90 centesimi ogni litro per riuscire a sopravvivere. A dare man forte anche l’Ismea che in febbraio ha rilevato un prezzo di 60 centesimi/litro (Iva inclusa) e di 62 a gennaio corrispondenti a 56 centesimi Iva esclusa. «Nello stesso mese i costi di produzione Iva esclusa hanno raggiunto i 70 centesimi/litro». Risultato? «Un margine negativo per i pastori di 14 centesimi/ litro».
La situazione della filiera è poi resa ancora più incandescente dalla presenza, secondo gli agricoltori, di un ‘cartello’ di industriali, ma soprattutto dall’arrivo di sospetti camion con latte dalla Romania. Il ‘cartello’ è in particolare nel mirino degli allevatori. «Le remunerazioni offerte – dice infatti Coldiretti – non sono solo indegne ed offensive per i pastori, ma anche illegali». I coltivatori tirano in ballo le norme sulla concorrenza che vietano «qualsiasi comportamento del contraente che, abusando della propria maggior forza commerciale, imponga condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose » comprese quelle che prevedono «prezzi particolarmente iniqui o palesemente al di sotto dei costi di produzione».
Gli industriali si difendono e spiegano. «La situazione in cui versa il comparto è davvero preoccupante: momenti difficilissimi, dovuti ad una serie di cause concomitanti». Stando ad Assolatte, nell’ultima campagna la produzione di latte e di Pecorino sono cresciute (del 1015% la prima e del 24% la seconda), mentre i consumi interni sono diminuiti e le esportazioni sono crollate del 44%. Oltre a questo, gli industriali nel 2018 avrebbero pagato il latte «ad un prezzo ben superiore a quelli medi regionali». Da qui la decisione: tagliare i costi.
Ma per Assolatte non è solo colpa del mercato.
«Da tempo – spiegano gli industriali – abbiamo chiesto di lavorare ad un tavolo nazionale dedicato al settore ovicaprino dove chiederemo alla politica di fare la sua parte». «Quanto sta accadendo in Sardegna sulla questione latte, con blocchi e incursioni, è inaccettabile. È giusto ascoltare le ragioni di tutti, ma è prioritario, soprattutto nei momenti di crisi, salvaguardare l’interesse generale e di tutta la filiera produttiva » ha fatto eco Lisa Ferrarini, vicepresidente di Confindustria per l’Europa, commentando le proteste dei pastori sardi per il calo del prezzo del latte di pecora. In attesa della politica, comunque, ieri si è aperto anche un altro fronte: ad agitarsi, ha fatto notare Confagricoltura, anche gli allevatori del Lazio cioè della seconda regione per latte prodotto.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi