«Un’Italia armata è un’Italia meno sicura»

da www.rollingstone.it

«Un’Italia armata è un’Italia meno sicura»

Lo sa bene Gabriella Neri: suo marito fu ucciso nel 2010 da un uomo con disturbi psichiatrici. Oggi si chiede come potesse avere un’arma, e invita a rifiutare il ddl della Lega e la pericolosa idea che la difesa sia sempre legittima
di Dario Falcini
 “La legittima difesa sarà legge entro fine marzo”. Lo ha detto poche ore fa il ministro degli Interni Matteo Salvini da Scanzano Jonico – cosa si fa pur di non lavorare –, ostentando ottimismo nonostante la crisi strisciante della maggioranza di governo. Il disegno di legge ha avuto il via libera della Camera ed è pronto nelle prossime settimane a tornare per la terza e ultima lettura al Senato. Un provvedimento bandiera per la Lega – “noi non siamo entusiasti, ma è nel contratto di governo” ha detto invece il vicepresidente Di Maio, dimostrando ancora una volta quale sia la loro idea della democrazia –, che negli anni si è schierata in sostegno di tutte le persone finite a processo per aver sparato a ladri o assalitori vari.
I casi sono stati numerosi e molto diversi tra loro, ma Matteo Salvini non ha mai fatto un’attenta selezione. Lo dimostra la recente visita in carcere a Angelo Peveri, l’uomo condannato per aver sparato a un uomo nel suo cantiere dopo averlo immobilizzato e reso innocuo.
Anche l’imprenditore piacentino – che con la sua storia ha commosso Salvini, si legge su un articolo di Repubblica – è diventato testimonial di una legge che rischia di cambiare in peggio questo Paese, sulla scia di esempi assolutamente fallimentari come quello americano.
Eppure per il vicepresidente del Consiglio annuncia entusiasta una riforma che aumenta i casi in cui è lecito sparare per difendere se stesso e le sue proprietà. Con il ddl, inoltre, chi si difende avrà maggiori tutele anche da un punto di vista economico in sede processuale, mentre aumentano le pene per reati come rapine e violazione di domicilio. Per approfondire conviene cliccare qua.
“Una china molto pericolosa”, commenta Gabriella Neri, la cui vita è cambiata otto anni fa per via di un colpo di pistola. Oggi vuole raccontare la sua esperienza, che l’ha spinta a dare vita all’associazione
Ogni Volta per difendere i diritti delle vittime di armi da fuoco e dei loro famigliari e per dire che una società sempre pronta a sparare è la cosa peggiore che ci possa capitare.
Cosa accadde il 23 luglio del 2010?
Mio marito Luca Ceragioli era a lavoro nell’azienda di cui era direttore a Massarosa, vicino a Viareggio. Nel pomeriggio doveva incontrare assieme al suo braccio destro Jan Hillerm un ex dipendente, Paolo Iacconi, con cui il rapporto di lavoro era stato interrotto anni prima per motivi di salute. Durante l’incontro Iacconi tira fuori la pistola e a sangue freddo uccide Luca e Jan, poi appicca il fuoco agli uffici, si barrica in bagno e si spara.
Da quell’esperienza nasce Ogni volta. Per dire cosa?
Ci eravamo resi conto immediatamente che qualcosa non andava nella dinamica di quello che era accaduto. Come era possibile che una persona con più di un problema psichiatrico, che aveva subito Tso e tentato il suicidio, detenesse legalmente una pistola? Perché nessuno aveva messo in discussione il suo porto d’armi a uso sportivo, nonostante i precedenti? Perché le strutture sanitarie in cui era stato ricoverato e le autorità di polizia non erano entrate in contatto? Nulla di tutto ciò: Iacconi aveva in casa un arsenale di psicofarmaci, eppure era armato.
Avete trovato altri casi simili al vostro?
Numerosi, tutti accomunati dal fatto che una persona possieda in maniera legale un’arma nonostante un’evidente condizione di scarsa stabilità psichica. E purtroppo spesso in questi casi finiscono per usarla. Per questo motivo abbiamo lavorato a un disegno di legge, che fu presentato negli anni passati dall’allora senatrice Marilena Adamo. Ma che non è mai arrivato in discussione in parlamento.
Cosa chiedeva il vostro disegno di legge?
La creazione di un’anagrafe per mettere in collegamento le strutture sanitarie e le questure, in modo da avviare la procedura di revoca del porto d’armi in caso una persona dimostri di avere dei problemi psichici. Questo per noi è sempre stato il punto di partenza.
Invece la maggioranza gialloverde vuole andare in tutt’altra direzione.
Un’idea molto pericolosa, e non supportata dalla realtà. Secondo i dati Istat, infatti, nel 2017 gli omicidi per furti o rapine avvenuti tramite armi da fuoco legalmente detenuti sono stati 16, quelli avvenuti all’interno della famiglia 49. Una legge sulla legittima difesa esiste già, così si rischia solo di renderla sproporzionata rispetto all’offesa. E di aumentare i casi in cui uno ricorre all’uso di armi in caso di liti dentro le mura di casa, a lavoro oppure con i vicini.
Che messaggio manda il ddl?
Si fa sentire il popolo italiano più insicuro di quanto effettivamente sia. Le tragedie ci sono e anche solo una è di troppo, ma i numeri non sono tali da giustificare l’allarme che sentiamo lanciare quotidianamente. Rifiutiamo l’idea che i cittadini non siano protetti e che debbano pensarci da soli. La risposta non può essere armare gli italiani e farli sentire onnipotenti, liberi di fare qualunque cosa in caso uno invada il tuo spazio privato. Un messaggio deleterio, tremendo.
Le costa sostenere certe cose, vista la sua storia personale?
Quella vicenda accompagna me e la mia famiglia in ogni istante della nostra vita, e non potrebbe essere altrimenti. Ma non posso tradire ciò che sono. Tutti siamo soggetti a momenti di difficoltà, depressione o crisi; sapere di avere in casa un oggetto di morte come una pistola può spingerci fino all’estrema conseguenza di decidere di usarlo.
L’unico modo per essere sicuri è avere meno armi in circolazione?
Esatto, anche perché la vita vale più di un bene materiale. Questo è un altro passaggio davvero insidioso della riforma: l’idea che si possano difendere i propri oggetti anche a scapito della vita di una persona. Un’aberrazione, anche da un punto di vista costituzionale.
Che effetto le fanno i discorsi tipo “se capitasse a me, sparerei” o “avrebbe dovuto ammazzarlo”.
Tanto dolore. Ma non mi fanno cambiare idea, perché, al di là del fatto che non sarebbe servita a nulla, non avrei voluto che quel giorno mio marito avesse avuto una pistola in ufficio. E poi non concepisco un’esistenza vissuta in eterna allerta.
Il ddl si propone di sostenere le spese processuali a chi spara per difendersi. Lei ha ricevuto qualcosa dallo Stato?
Nulla, i miei unici risarcimenti sono stati a livello privato. Oltre alla pensione dell’Inail, visto che quella di mio marito è stata catalogata come morte sul lavoro. Esisterebbe in teoria una direttiva della Comunità Europea, che l’Italia ha recepito ma non ancora attuato, per risarcire le vittime di reati violenti. Parliamo di cifre molto basse, circa 7mila euro nel mio caso. E in ogni caso non li ho mai visti. Sono d’accordo che le persone che si sono difese vadano tutelate – sempre che non l’abbiano fatto in maniera sproporzionata rispetto all’offesa come nel recente caso di Peveri -, ma noto una disparità di trattamento rispetto a quanto altre categorie ricevono.
In Italia i famigliari delle vittime sono da sempre presi per la giacchetta dalle parti politiche, fino a farne dei testimonial di questo o quel provvedimento. Cosa dice a chi è nella sua situazione e ora invoca a gran voce una legge che tutela chi spara?
Hanno provato a strumentalizzare anche me varie volte, a portarmi in tv a dire che la difesa è sempre legittima e cose del genere. Non ho messaggi per gli altri famigliari delle vittime, ogni storia è a sé. Io ho avuto la fortuna di avere un percorso di valori condiviso con mio marito per tutta una vita, a cominciare dal rifiuto della violenza. Non posso tradire certe idee, che ora sono anche quelle delle mie figlie.

 

3 Commenti

  1. FRANCO ha detto:

    Chi ha un’ arma a casa prima o dopo la usa! Potrebbe usarla anche nel momento sbagliato, pregiudicandosi la serenità’ per il resto della vita.

  2. Patrizia ha detto:

    Il diritto alla legittima difesa, esisteva già, in certi casi si poteva verificarne un eccesso, ed era logico che la Legge dovesse fare il suo corso. Ora si tratta di difesa della proprietà, ne conseguirà che ora i ladri entreranno armati fino ai denti e i morti aumenteranno.
    Sarà il Far West.

  3. Giuseppe ha detto:

    Durante il servizio di leva ho fatto il corso da artificiere e mi è capitato di impugnare delle armi sia nelle esercitazioni che alcuni turni di guardia in posti particolarmente isolati ed esposti. Chi non ha mai preso in mano un’arma o non ha avuto l’opportunità di conoscere esplosivi e ordigni credo che non possa rendersi conto di quanto sia pericoloso anche solo averli in custodia.
    Siamo abituati a vedere nei film western, polizieschi, di guerra, gialli e spionaggio gente che spara con una facilità irrisoria, come se fosse una cosa da nulla, ma per la mia esperienza posso affermare con certezza quanto potrebbe essere pericoloso ed esaltante allo stesso tempo già tenere in pugno un’arma qualsiasi. Perché basta un attimo perché possa partire un colpo accidentale e se in quei momenti ci si ferma a riflettere, è facile avvertire quel senso di onnipotenza che tprocura e può diventare terribilmente contagioso. E per quanto riguarda la proposta di legge di Salvini e compagni, credo si possa dire che una volta aperto lo spiraglio è quasi impossibile tornare indietro.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi