Drammi della solitudine, anziani che uccidono coniugi malati e poi si suicidano: due casi in poche ore

da la Repubblica

Drammi della solitudine,

anziani che uccidono coniugi malati

e poi si suicidano:

due casi in poche ore

A Bologna e Novara le ultime tragedie, ma sono sempre più numerosi gli omicidi-suicidi di cui sono protagonisti ultraottantenni entrati nella spirale invecchiamento-malattia-solitudine-povertà. L’esperto familiarista Vinci: “Tagliare nell’assistenza domiciliare può portare al tragico epilogo chi è solo negli affetti ed economicamente incapace di superare la avversità che lo hanno colpito”
di ALBERTO CUSTODERO
13 aprile 2019
Vittime di solitudine, invecchiamento, malattia e povertà, uccidono il coniuge o il parente stretto malato, poi si tolgono la vita. Ieri pomeriggio un omicidio-suicidio è avvenuto a Zola Predosa, nel Bolognese, un uomo di 84 anni ha ucciso a bastonate la moglie di 83 da tempo affetta da demenza senile, poi si è impiccato. Otto ore dopo a Caltignana, nel Novarese la tragedia si è ripetuta: un uomo di 88 anni ha ucciso a coltellate la moglie malata (di 87) e poi s’è rivoltato la lama contro, non riuscendo tuttavia a uccidersi: è in gravi condizioni.
Ma nelle ultime settimane sono stati una decina i drammi figli di disperazione e solitudine da Bologna a Sondrio, da Cagliari a Novara. In tutti questi casi vittime anziani soli, malati, spesso indigenti, abbandonati a se stessi, senza aiuti, dimenticati. Vivono intere giornate in completa solitudine, senza sostegno, combattono contro la malattia fisica che spesso si accompagna a patologie mentali. Malinconia, malessere, tristezza li sprofondano in depressione spingendoli alla decisione estrema di preferire uccidere, uccidersi, piuttosto che continuare a vivere in quelle condizioni così sofferenti.
Non è un caso che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo discorso di fine anno abbia richiamato l’attenzione della società – fra l’altro – proprio sugli “anziani soli”. “Terzo settore e No Profit”, aveva detto Mattarella, “sono realtà che hanno ben chiara la pari dignità di ogni persona e che meritano maggiore sostegno da parte delle istituzioni, anche perché, sovente, suppliscono a lacune o a ritardi dello Stato negli interventi in aiuto dei più deboli”.  Tra questi, appunto, gli “anziani soli”.
“Lo Stato – avverte l’avvocato Luciano Vinci, esperto familiarista – ha il dovere di garantire risposte concrete che migliorino le condizioni di vita e non tagliare, invece, come purtroppo avvenuto, risorse economiche o, addirittura, eliminare servizi come quello di assistenza domiciliare. Scelte incondivisibili che possono condurre, insieme ad altri fattori da indagare caso per caso, al tragico epilogo chi è solo negli affetti ed economicamente incapace di superare la avversità che lo hanno colpito”.
L’Alzheimer e le demenze senili sono diventate patologie rilevanti per la salute pubblica: lo rivela il report dell’Istat su “La salute mentale nelle varie fasi della vita”  relativo al periodo 2015-2017 diffuso nel luglio 2018,: secondo cui si stima che circa il 4,7% della popolazione anziana ne sia affetta, in particolare le donne ultraottantenni (14,2%). Queste due malattie figurano tra le cause di morte in oltre 52mila casi all’anno di decessi di anziani.
Da non trascurare neppure il tasso di mortalità per suicidio che cresce con l’età, passando da 0,7 nei giovanissimi (fino a 19 anni) a 10,5 negli anziani, con valori 4 volte maggiori nei maschi rispetto alle femmine.
“La vecchiaia – commenta l’esperto in diritto di famiglia Vinci – dovrebbe portare, nel ciclo naturale della vita, saggezza e serenità. Troppo spesso, al contrario, conduce invece a gesti estremi e solo apparentemente inconsulti. È questo il dramma che troppe persone, abbandonate da una società mediatica e indifferente, si trovano costrette a patire. E su questo dovremmo interrogarci, cercando di dare ognuno un contributo concreto per aiutare chi, in solitudine, senza il conforto di nessuno, si ritrova ad uccidere gli amori di una vita per l’impossibilità di continuare a dare amore”.
Le ultime tragedie di solitudine e invecchiamento
Il 9 gennaio un uomo di 80 anni ha ucciso con un colpo di fucile la moglie 74enne gravemente malata, poi si è tolto la vita con la stessa arma. L’8 aprile a Sondrio un uomo di 73 anni ha ucciso la sorella di 87, poi si è consegnato ai carabinieri spiegando il suo gesto estremo: “Non volevo più vederla soffrire”. Il 9 aprile una coppia, lui 87 anni, lei 82, si è tolta la vita nel Cagliaritano: soffrivano da tempo di una profonda depressione.
Il 27 novembre 2018 a Bologna una donna di 91 anni è stata uccisa dal marito di 93 che poi si è buttato dalla finestra. Per gli inquirenti è stata una tragedia della disperazione: la donna era malata da tempo di Alzheimer e l’uomo non ce la faceva più ad accudirla.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi