La legalità rende nervosi. Ascesa e sconfitta di una donna coraggiosa: Giusi Nicolini

da Articolo21.org

La legalità rende nervosi.

Ascesa e sconfitta di una donna coraggiosa:

Giusi Nicolini

12 giugno 2017
di Valerio Cataldi

L’isola dei conigli è il posto più bello del mondo, ma non è sempre stato così. C’era un tempo neanche troppo lontano in cui su quella spiaggia dove le tartarughe oggi indisturbate depositano le loro uova, c’era una folla di pulmini bar, di quelli che fanno panini, vendono asciugamani, sparano musica a tutto volume. La discesa a mare che ora si percorre su stradine in roccia curate nei dettagli, era devastata dalle macchine che facevano avanti e indietro. Un caos infernale e polveroso che nulla aveva a che vedere con quel paradiso che è oggi.

L’isola dei conigli è così come il mondo la conosce oggi solo grazie all’ostinata determinazione di una persona, una donna che si chiama Giusi Nicolini. L’ha difesa e ricostruita quella spiaggia, dall’invasione abusiva di straccivendoli che le contestavano il torto di preoccuparsi della “legalità” e non di loro che restavano disoccupati. Partivano minacce e attentati incendiari contro quella donna che si riempiva la bocca di legalità, questa parola ingiusta che rubava occasioni di lavoro.
La storia di Giusi Nicolini è legata a questo rimprovero che una parte dell’isola di Lampedusa le ha fatto nel tempo. Questa parola, la legalità, “ma perché deve essere così importante?”.
Era responsabile dell’area marina protetta all’epoca, e quella parola, che per alcuni non aveva valore, ha continuato a guidare le sue azioni, fino ad oggi.
Una delle ultime contestazioni riguardava il campetto di calcio. Un campo abusivo costruito senza nessun tipo di autorizzazione come buona parte delle case, costruite su quell’isola abusivamente, e poi condonate, “sanate” dice qualcuno come se davvero si potesse guarire la deturpazione di un luogo incantato come quell’isola. Quel campo il sindaco doveva “sanarlo” dicevano attribuendole poteri sterminati, e se non lo faceva era perché pensava ai clandestini invece che ai bambini di Lampedusa. Quella donna si riempiva la bocca di quella parola “legalità” che impediva di fare una cosa buona per i bambini dell’isola.
Un giorno i carabinieri, la guardia di finanza e la guardia costiera fecero una operazione di controllo sulle spiagge dell’isola. Era pieno di abusivi, gente che occupava le spiagge con decine di ombrelloni senza nessuna regola, senza rispettare alcuna regola. Le forze dell’ordine sequestrarono ombrelloni, denunciarono persone e si formò un capannello fuori dal comune. Gli abusivi pretendevano dal sindaco che ripristinasse il dis-ordine, la accusavano di aver mandato la polizia sulle spiagge. Atteggiamenti minacciosi, parole grosse. La mia telecamera registrò una esplicita minaccia di morte.
La legalità non è ben vista in certe occasioni, rende nervosi. E a volte porta sigilli. Sul municipio ad esempio, oggetto di lavori abusivi dell’amministrazione che ha preceduto Giusi Nicolini, che non è ancora stato possibile ripristinare.
Gli uffici del comune a Lampedusa hanno una sistemazione provvisoria. E adesso la stanza del sindaco è vuota, senza quei premi internazionali con cui il mondo ha voluto celebrare un simbolo di accoglienza e legalità. Giusi Nicolini si ritira in buon ordine, ha perduto le elezioni e con lei lascia quell’ufficio il sogno di una opportunità di giustizia e di legalità. Il sogno che restituiva dignità alle persone e che insegnava al mondo intero il significato della parola accoglienza dal centro del Mediterraneo. Gli annunci del nuovo sindaco Salvatore Martello detto Totò, fanno capire che si cambia rotta, che le parole d’ordine saranno altre, che quell’isola tornerà ad essere come era stata.
Una donna coraggiosa come Giusi Nicolini avrà certamente altre occasioni per fare cose importanti, ma io che sono di parte e sono orgoglioso di esserlo, mi sento già un po’ più povero.
Dalla finestra dell’ufficio del sindaco di Lampedusa, si può guardare crescere un piccolo prato d’erba battuta. È l’inizio del nuovo campo di calcio che la giunta Nicolini è riuscita ad ottenere. Un campo legale e legittimo, che rispetta le regole, sul quale giocheranno i bambini di Lampedusa. Magari insieme a qualche “clandestino”.

 

3 Commenti

  1. LANFRANCO CONSONNI ha detto:

    Una grande persona! Come dice Giuseppe probabilmente chi non ha letto articoli come questo, pensa che i cittadini l’abbiano licenziata perché troppo disponibile verso gli immigrati. Probabilmente anche Beppe Grillo deve aver pensato così, dato che come rimedio al flop elettorale ha suggerito al sindaco di Roma V.Raggi di prendere una chiara posizione contro l’invasione dei migranti, per pararsi il c … scusate, per mettere le mani avanti.
    Onore a Giusi Nicolini.

  2. GIANNI ha detto:

    Per taluni la legalità pare una cosa dell’altro modo, quando invece è la base della civile convivenza.
    In sua assenza neppure esiste una socieà civile.
    Ubi societas, ibi jus, ubi jus, ibi societas.

  3. Giuseppe ha detto:

    Prima di diventare l’approdo dei disperati, l’ultima spiaggia di chi non ha più patria e ne cerca una nuova in cui potersi riappropriare della propria dignità di essere umano, Lampedusa era una località balneare, mèta turistica d’elite come tante altre in Italia e con le stesse caratteristiche. La gente che affolla queste località, ama la confusione e il disordine, perché consentono loro di poter fare quello che gli pare, liberamente. Le regole, i vincoli, le ordinanze che limitano l’anarchia tipica dell’estate al mare, sono viste come il fumo negli occhi, perché sembrano voler mortificare quella che potrebbe essere un’oasi di divertimento e spensieratezza. Immagino siano queste le vere ragioni per cui Giusi Nicolini ha dovuto riconsegnare l’isola a chi già l’aveva preceduta nel ruolo di sindaco. Quasi certamente il mondo dell’informazione ci racconterà “altre verità”, partorite dalle acute analisi di politologi ed opinionisti, sempre pronti a offrire interpretazioni e spiegazioni “inconfutabili” su tutto , ma anche sul contrario di tutto, eppure resta la sensazione che tutto ciò che di buono ha fatto la Nicolini, in una situazione di emergenza estremamente delicata e dolorosa, abbia perso importanza e, probabilmente, lei verrà ricordata solo come quella che ha voluto imporre dei dei limiti e dei paletti ben precisi…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi