Omelie 2020 di don Giorgio: TERZA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

13 settembre 2020: TERZA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 11,10-16; 1Tm 1,12-17; Lc 9,18-22
Il “resto di Israele” secondo l’apostolo Paolo
Anche io, questa volta, prendo una parola dal primo brano della Messa di oggi, e mi soffermerò a spiegarla nel suo senso più reale,che ritengo utile e attuale per farci riflettere.
In realtà, l’espressione “il resto di Israele” ha avuto diverse interpretazioni, tanto più che anche l’apostolo Paolo ne parla nella lettera che ha scritto ai cristiani di Roma, quando affronta il problema di Israele. Per san Paolo, il severo giudizio di Dio sull’infedeltà del popolo ebraico resta, ma diventa un salutare monito per la stessa Chiesa. Certo, il popolo di Israele, carico di privilegi e di promesse, non è venuto meno: il “resto” d’Israele, di cui ha parlato Isaia e che ha sempre vissuto nella linea della fede di Abramo, è ancora presente, è salvo. Gesù Cristo, gli apostoli, la comunità giudeo-cristiana di Gerusalemme rappresentano questo piccolo “resto”, nel quale Israele sopravvive. Ma il “popolo” d’Israele, come tale, è forse condannato ad una infedeltà e a un giudizio senza appello? No, afferma Paolo, perché i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili. L’infedeltà di Israele non solo è parziale, ma è provvisoria. Il mistero di Israele viene così espresso: “L’indurimento di una parte di Israele è in atto fino a che saranno entrate tutte le genti. Allora tutto Israele sarà salvato” (11,25.26). Dio infatti ha rinchiuso tutti, pagani e giudei, nella disobbedienza, per usare a tutti misericordia (capitoli 9-11).
Il “resto di Israele” secondo l’Antico Testamento
Cerchiamo anzitutto di chiarire l’espressione “il resto di Israele”, che troviamo per la prima volta nel libro di Isaia, capitolo 10 versetti dal 20 al 22. Risentiamoli: «In quel giorno, il resto d’Israele e i superstiti della casa di Giacobbe non torneranno ad appoggiarsi sul loro aggressore, ma si appoggeranno con lealtà nel Signore, il Santo d’Israele. Un resto ritornerà, il resto di Giacobbe, al Dio potente. Poiché, anche se il tuo popolo, o Israele, è come la sabbia del mare, solo un resto tra esso ritornerà…».
Secondo gli studiosi, il “resto di Israele” non è solo la rappresentazione di un piccolo gruppo nazionale uscito indenne dalle prove, ma è la definizione di coloro che rimangono fedeli al Signore all’interno di un popolo peccatore. È quindi il seme giusto di Israele che permane anche dopo la devastazione compiuta dal Signore attraverso gli Assiri (che hanno occupato nel 722 a.C. il regno del Nord o d’Israele, con capitale Samaria, deportando la popolazione ebraica in varie zone della Mesopotamia) o attraverso i Babilonesi (che hanno occupato il regno di Giuda o del Sud nel 586 a.C., con capitale Gerusalemme, deportando la popolazione ebraica a Babilonia).
Quindi, possiamo dire che è proprio al “resto d’Israele”, ovvero ai migliori, ai giusti, ai fedelissimi che Dio rivolge il suo messaggio di speranza e di salvezza.
Il “resto di Israele” secondo il Nuovo Testamento
Nel Nuovo Testamento il “resto d’Israele” è identificato con la comunità cristiana, non solo perché alcuni giudei si sono convertiti al Cristianesimo, ma perché la Chiesa in sé sarebbe il nuovo popolo eletto.
Come intendere in senso più ampio il “resto d’Israele”?
E ora la domanda forse per noi più importante: come intendere in senso più ampio il “resto d’Israele”? Talora, anche ai giorni nostri, sentiamo parlare di un “resto”, o di un piccolo gruppo di giusti che sarà la salvezza del mondo.
Chiariamo subito. Il “resto” non va inteso tanto come quella parte di umanità che è esclusa dalla stessa società. Si sente parlare di “scarto”, ovvero di gente che viene scartata dagli ingranaggi di un meccanismo che agisce per conto di un certo concetto di progresso tecnologico ed economico che impone le sue leggi, alle quali non tutti riescono ad adeguarsi. E questo meccanismo viene giustificato in nome del benessere di una nazione, intesa nel suo senso peggiore di “patria” da salvare dagli stranieri che, se venissero da noi, potrebbero rompere qualche ingranaggio del meccanismo, secondo cui tutto funziona se si salvano gli interessi nazionalisti, che poi sono la somma degli interessi individualisti. Ed è questo l’inganno di un concetto di patria, che è la frammentazione di un bene comune sul criterio del “prima io, poi tu”, e questo avviene anche tra noi, cittadini della stessa patria, dello stesso paese, e starei per dire dei membri della stessa famiglia. L’egoismo, ovvero “il prima io, poi tu” ha rotto non solo le relazioni sociali più ampie, ma la stesse relazioni familiari. “Il prima io, poi tu” ha messo in crisi la stessa famiglia: marito e moglie che si dicono tra loro “prima io, poi tu”, e genitori e figli che si dicono tra loro “prima io, poi tu”.
Quando si parla del “resto”, e non tanto di scarto, si deve intendere proprio l’idea di fondo che troviamo nell’espressione del profeta Isaia. “Il resto” è il seme giusto, o il seme di quei pochi giusti che permetteranno una rinascita, dopo il collasso di una società che, invece che tirare i freni rispettando il passo di tutti, si è lanciata in una corsa pazza verso il nulla di un materialismo vuoto di spirito.
Attenzione: non parlo di un gruppo di privilegiati o di eletti che si credono i migliori o gli unici giusti sulla terra. Il concetto di “elezione”, che è stata la continua tentazione del popolo d’Israele, mi fa paura, perché, nella storia, ha fatto enormi danni: basterebbe pensare a Hitler, con il suo opportunistico concetto di razza pura.
Forse sarebbe meglio parlare di seme giusto, che è il Meglio divino, che è in ogni essere umano. Ma succede, come è sempre successo, che la massa vive nella carnalità più animalesca, mortificando il seme dei giusti davanti a Dio. Quando diciamo “il resto dei giusti” significa questo: di coloro che (purtroppo sempre pochi, pochissimi), che non fanno parte della massa di carnalità che è quel vivere di pelle per un pezzo di pelle.
Non ci sono eletti per un particolare privilegio divino o umano. Ma tutti siamo nobili dentro, purché ci ribelliamo a quella omologazione di massa che reprime la voce dello spirito interiore. Il giusto non è tanto colui che rispetta le leggi di una società civile o religiosa, ma colui che vive in quello Spirito divino che è dentro di noi, non per essere goduto in una esaltazione mistica, ma per ridare a una società tutta pelle quella energia interiore che sola potrà permettere una rinascita, che perciò non si realizzerà con le disumane leggi economiche o di una folle tecnologia. Domanda: potrà esserci un popolo di giusti? Credo di no, e il problema oggi è chiederci: quanti giusti ci sono, disposti a rinnovare il mondo?

1 Commento

  1. Da conservare sul marque page,per poterla rileggere e meditare.GRAZIE DON GIORGIO.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi