Migranti: quei racconti che amplificano le paure

Un immigrato africano al lavoro in fabbrica (Credit: adnkronos.com)
da NIGRIZIA
12 Ottobre 2020
Media e migrazioni ai tempi del coronavirus

Migranti:

quei racconti che amplificano le paure

Due report di Ipsos e Osservatorio di Pavia raccontano il rapporto tra “Media e migrazioni ai tempi del coronavirus”, dimostrando come la narrazione di telegiornali e quotidiani contribuisca a sovradimensionare la percezione del fenomeno migratorio da parte dell’opinione pubblica
Jessica Cugini
Quanto è legata la percezione che gli italiani hanno del fenomeno migratorio al racconto che i media ne fanno su telegiornali e quotidiani? A dare una risposta a questa domanda sono stati, la settimana scorsa, i due report di Ipsos e Osservatorio di Pavia, commissionati dalla onlus umanitaria WeWorld nell’ambito del progetto europeo Ciack MigrAction e presentati a Bologna durante il focus Media e migrazioni ai tempi del coronavirus.

Da entrambe le ricerche emerge che la realtà migrante è sovradimensionata, sia sui media che nell’immaginario dell’opinione pubblica italiana. E questo fa sì che coabitino nello stesso campione due percezioni diametralmente opposte della stessa realtà: un italiano su quattro è convinto che il problema più grave e urgente nel contesto nazionale sia l’immigrazione; problema che, declinato a livello locale, diventa grave e urgente per una persona su dieci. In quel contesto, dove l’immigrazione si fa prossima e il migrante ha un nome, la percezione della preoccupazione si affievolisce. Confermando che fa paura chi non si conosce.

Un ridimensionamento che dimostra, secondo Marco Chiesara, presidente di WeWorld, come sia la prossimità a fare la differenza. E come il fatto che a parlare di migranti siano spesso i politici o gli opinionisti e non i migranti stessi, finisca per rafforzare degli stereotipi e pregiudizi che non aiutano la costruzione di una società inclusiva e solidale, che invece viene a crearsi in piccoli contesti dove lo straniero è il panettiere, il rider che porta la pizza, la donna che si prende cura dell’anziano di casa.
Percezione distorta
I dati della ricerca dell’Osservatorio di Pavia, che ha monitorato per sei mesi i telegiornali prime time di sette tv generaliste (le tre Rai, Canale5, Studio aperto, Tg4 e La7) e le pagine di dieci quotidiani nazionali, hanno messo in luce che di migranti si parla pochissimo: solo nel 3,7% delle notizie.
La notiziabilità gira tutta attorno a tre macro temi: atti di razzismo e intolleranza, diritti e sbarchi. E ai migranti come oggetto passivo di un racconto spesso mal rappresentato, in cui chi potrebbe essere soggetto non viene interpellato e non ha voce. Quasi del tutto assenti sui media cartacei e televisivi le storie di successo e di inclusione di chi abita in Italia. In cui si rendono noti nomi e percorsi di chi vive nel nostro paese.
Se si parla di migrazione e lavoro poi, i settori di cui si racconta sono, nella maggior parte dei casi, agricoltura e braccianti (46,4%) e colf e personale addetto alle cure familiari (30,4%), come se non ci fossero eccellenze o storie altre da mettere in risalto.
E infatti, nella percezione del contributo della presenza migrante ai tempi della pandemia, secondo i dati diffusi dal sondaggio Istat e raccolti nel mese di settembre, gli italiani riconoscono l’importanza degli stranieri in campo agricolo (indispensabile e importante per il 70%) e non ad esempio in quello sanitario (superfluo per il 40%), dove in tanti sono impiegati, o in quello domestico della cura agli anziani rimasti a casa.
Tra accoglienti e diffidenti
La narrazione cambia di lessico e forma a seconda della testata giornalistica del quotidiano o del telegiornale esaminato. Se si esclude il linguaggio classificato come “neutro” del Sole24ore, il report dell’Osservatorio divide i restanti nove quotidiani tra “accoglienti” e “diffidenti”.
Avvenire, il quotidiano più “accogliente”. Tra i “diffidenti”: La Verità, Il Giornale e Libero, quotidiani che definiscono i migranti sottolineando sempre la loro provenienza dall’esterno o la loro presenza irregolare in Italia. Spesso, questi ultimi, riportano titoli molto urlati che veicolano notizie che poi vanno a rafforzare percezioni come quella dei migranti che portano le malattie (risposta del 43% degli intervistati Ipsos) o hanno favorito l’aumento del Covid-19 (37%).
Rispetto ad altri temi che esulano dalla pandemia: il 40% dei 1.600 italiani sentiti dal sondaggio è contrario allo ius soli; il 30% allo ius culturae e più del 30% è per riconoscere il diritto di cittadinanza solo a chi ha entrambi i genitori italiani.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi